Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
 Riabilitazioni 

La suprema corte di cassazione della repubblica di Bulgaria ha accolto la proposta del procuratore generale della repubblica di annullare la sentenza di condanna alla fucilazione del Vescovo passionista di Nicopoli, Evghenij Bossilkov. E' stata una rivincita della storia. Ucciso dai suoi persecutori l'11 novembre 1952 il Vescovo martire era stato proclamato beato da Giovanni Paolo II il 15 marzo dello scorso anno. Ora, dopo 47 anni, viene pubblicamente e ufficialmente riconosciuta l'infondatezza e l'iniquità di quella condanna a morte, attraverso la quale il regime comunista intendeva distruggere la Chiesa cattolica ed intimidire tutti i cristiani.

La sentenza dei giudici della corte suprema bulgara riconosce che "sotto la maschera della giustizia, il processo in sostanza non è altro che una manifestazione di repressione nei confronti di persone che la pensano diversamente". Ad un anno della beatificazione, nel carcere di Sofia, dove Bossilkov era stato rinchiuso, il ministro della giustizia Vassil Gotzev ha posto una lapide per ricordare la vicenda del Vescovo perseguitato ed ucciso. "Il permesso di mettere una lapide a ricordo di un martire in questo carcere - disse in quella occasione il membro del governo - non è merito del ministero della giustizia. Anzi, è colpa dello stesso ministero che fino ad oggi non ha ordinato, proprio qui e nelle altre carceri, che si mettessero i nomi di tutti quelli che sono stati uccisi perché hanno lottato per la libertà e per la democrazia...".

"L'Osservatore Romano", 19.09.1999




Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura CittÓ e LocalitÓ Economia Folklore Informazioni Politica e Governo SocietÓ Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)