Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  


Convenzione di Istanbul: tutti gli Stati membri devono ratificarla senza indugio

29.11.2019

Per porre fine alla violenza contro le donne, i deputati chiedono a tutti gli Stati membri di aderire alla Convenzione di Istanbul e di ratificarla.
Nella risoluzione non legislativa, adottata giovedì con 500 voti favorevoli, 91 contrari e 50 astensioni, si invita il Consiglio a concludere con urgenza la ratifica da parte dell'UE della Convenzione sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne, nota anche come Convenzione di Istanbul, e si esortano i sette Stati membri che l'hanno firmata, ma non ancora ratificata, a farlo senza indugio.

I deputati condannano gli attacchi e le campagne contro la Convenzione in alcuni paesi, che si basano su un'interpretazione errata e su una presentazione non corretta del suo contenuto al pubblico.

Chiedono inoltre alla Commissione di aggiungere la lotta alla violenza di genere come priorità nella prossima strategia europea sul genere e di presentare un atto giuridico che affronti tutte le forme di violenza di genere, comprese le molestie online e la violenza informatica. Chiedono infine che la violenza contro le donne sia inclusa nel catalogo dei reati riconosciuti dall'UE.

Tutti gli Stati membri dovrebbero garantire che la Convenzione sia attuata e applicata correttamente, assegnando finanziamenti adeguati e risorse umane ai servizi predisposti. È particolarmente essenziale fornire una formazione adeguata a tutti i professionisti che si occupano delle vittime (magistrati, medici, funzionari di polizia).

Il PE ribadisce la sua posizione a favore di uno stanziamento specifico di 193,6 milioni di euro per azioni di prevenzione e lotta alla violenza di genere nell'ambito del programma Diritti e Valori.


Contesto

La convenzione di Istanbul, adottata dal Consiglio d'Europa nel 2011, è entrata in vigore nel 2014 ed è stata firmata dall'UE nel giugno 2017. Si tratta del primo strumento internazionale di questo tipo: alla ratifica devono seguire norme globali e giuridicamente vincolanti per prevenire la violenza di genere, proteggere le vittime e punire i responsabili.

Sebbene l'UE abbia firmato la Convenzione il 13 giugno 2017, sette Stati membri non l'hanno ancora ratificata: Bulgaria, Repubblica Ceca, Ungheria, Lituania, Lettonia, Slovacchia e Regno Unito.

Secondo un'indagine dell'Agenzia per i diritti fondamentali del 2014, una donna su tre nell'UE ha subito violenze fisiche e/o sessuali dall'età di 15 anni. Il 55% delle donne ha subito una o più forme di molestie sessuali (l'11% è stato sottoposto a molestie informatiche). Una su venti è stata stuprata.


Fonte: Parlamento europeo




Commenta questa notizia



Notizie

05.12.201910 film europei in attesa del Premio del pubblico
03.12.2019Il nuovo film d'animazione di Theodore Ushev “Fisica della malinconia”
29.11.2019Convenzione di Istanbul: tutti gli Stati membri devono ratificarla senza indugio
27.11.2019"Confine. Viaggio al termine dell’Europa" di Kapka Kassabova
23.11.2019Roma: Presentazione della silloge poetica di Anna Maria Petrova-Ghiuselev
22.11.2019Bolzano: Le donne della Forza del Destino



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)