Home | Notizie | Forum | Club | Cerca  Bulgaro

Subscribe
Share/Save/Bookmark
     




           Utente: non registrato, entra

Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn
    Notizie


 
Bulgaria: corsa contro il tempo per salvare la gola di Kresna
Gramsci: un'Omine, una Vida
Ultrabazar in concerto a Sofia, Plovdiv e Burgas
FT: Sofia rinasce come la capitale tecnologica dei Balcani
Bulgaria, concentrazione dei media e libertà di stampa
   
Tutte le notizie

    Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura
Arte in Bulgaria
Biblioteca
Cinema bulgaro
Lingua e cultura italiana
Storia della Bulgaria
Letteratura
Lingua Bulgara
Monasteri
Musica
Poesia
Teatro
Traci

Città e Località
Sofia
Plovdiv
Varna
Burgas
Koprivshtitza
Bansko
Borovets
Pamporovo

Economia
Agricoltura
Banche e Finanza
Energia
Fiere
Infrastrutture
Investimenti
Telecomunicazioni

Folklore
Cucina bulgara
Fiabe
Nestinari
PopFolk e Chalga
Valle delle Rose
Vampiri

Informazioni
Mappa
Inno Nazionale
Scheda Paese
Dizionario IT-BG

Notizie

Ambiente
Cultura
Cronaca
Economia
Esteri
Lavoro
Immigrazione
Politica
Sport

Bulgaria e ...
Iraq
Libia
NATO
Basi USA
Unione Europea
Monografie

Politica e Governo
Ambasciate
Ambasciata di Bulgaria
Ambasciata d'Italia
Istituzioni
Politica ed Elezioni
Legislazione italiana

Società
Bulgari in Italia
Diritti umani
Informazione
Radio Bulgaria
Sindacati
Sport
TV Bulgaria

Turismo
Alberghi
Appunti di Viaggio
Fai da te
Informazioni Valutarie
Montagna
Viaggio in Aereo
Viaggio in Auto
Viaggio in Bici
Viaggio in Camper

  
Percentuale di popolazione non in grado di riscaldare adeguatamente la propria abitazione
Percentuale di popolazione non in grado di riscaldare adeguatamente la propria abitazione

Balcani: inverni in abitazioni fredde e città inquinate? Qualcosa sta cambiando

06.03.2019

Molti cittadini dell'Europa sud-orientale non possono permettersi di scaldare adeguatamente la propria casa. L'impatto sulla loro salute e sull'inquinamento atmosferico è grave, ma la povertà energetica ha iniziato a diminuire

Il 37% della popolazione bulgara non riesce a riscaldare adeguatamente la propria abitazione in inverno. Un problema che tocca in modo consistente anche i paesi confinanti, come la Grecia, la Macedonia del Nord e la Turchia, e in misura minore la Romania. Le difficoltà di riscaldamento toccano l'8% degli abitanti dell'Unione europea nel suo complesso: una percentuale nettamente inferiore, ma che comunque indica che più di 40 milioni di cittadini dell'Ue hanno vissuto il freddo quest'inverno.

La difficoltà a scaldarsi è una delle manifestazioni più immediate e tangibili della povertà: sono poche le altre esigenze umane più basilari. In effetti, il problema è innanzitutto economico. In paesi come la Macedonia del Nord, la Bulgaria e la Romania le famiglie arrivano a spendere in media il 10-12% del loro reddito per il riscaldamento, a fronte di una media del 7% per i paesi dell'Europa meridionale - ma nonostante questo sforzo molti cittadini rimangono comunque al freddo.

Il problema della legna e del carbone

L'approvvigionamento energetico rappresenterebbe una voce ancora più grande dei bilanci familiari se le persone in difficoltà non ricorressero a combustibili solidi per riscaldarsi, come la legna o il carbone. Questa forma di consumo non è limitata alle zone rurali, dove gli allacciamenti possono essere più difficili e costosi: ad esempio, in una grande città della regione, Sarajevo, i due terzi delle abitazioni continuano a essere riscaldate con la legna e il carbone.

Pur essendo più accessibili rispetto al gas o all'elettricità, i combustibili solidi provocano però problemi ambientali molto seri: non è un caso se le città dell'Europa sud-orientale in inverno raggiungono picchi allarmanti di inquinamento da PM2.5, le polveri sottili più pericolose per la salute. La ricaduta dell'inquinamento atmosferico è estremamente pesante, tanto che l'Organizzazione Mondiale della Sanità stima che il ricorso al legno e al carbone per il riscaldamento domestico sia responsabile ogni anno di circa 61.000 morti premature in Europa.

Abitazioni più calde e più salubri

Benché una porzione ancora troppo alta dei cittadini dell'Europa sud-orientale continui a soffrire l'inquinamento atmosferico e il freddo, almeno per quanto riguarda questo secondo aspetto la situazione è migliorata sensibilmente nel corso dell'ultimo decennio. In Romania la quota di popolazione in difficoltà dal punto di vista energetico si è ridotta di due terzi tra il 2007 e il 2017, mentre nello stesso periodo in Bulgaria è passata dal 67 al 37%.

Questa evoluzione non è solo un indice del graduale aumento del reddito pro capite, che anno dopo anno permette alle famiglie di acquistare più combustibili. È in corso un rinnovamento del patrimonio edilizio, segnalato da molti indicatori: le case sono meno soggette alle infiltrazioni e all'umidità, dispongono sempre più spesso di servizi igienici - e sono meglio isolate, dunque costa meno tenerle calde d'inverno.

Le ristrutturazioni e la sostituzione delle stufe con impianti elettrici e a gas non ricadono solo sui privati: le autorità pubbliche intervengono a diversi livelli con incentivi e finanziamenti, che però non sono sufficienti. Per quanto riguarda l'Unione europea, questi sforzi ricadono nel pacchetto di iniziative "Energia pulita per tutti gli europei" , che da un lato cerca di ridurre il ricorso a fonti inquinanti e dall'altro punta ad affrontare per la prima volta in modo diretto il problema della povertà energetica in Europa. D'altra parte la possibilità di accedere ai servizi energetici è stata riconosciuta come uno dei diritti sociali di cui tutti i cittadini europei devono godere.


Autore: Lorenzo Ferrari
Fonte: Osservatorio Balcani e Caucaso


Per approfondire: Notizie di Economia



Commenta questa notizia



Notizie

14.03.2019Bulgaria: NEK cerca investitori per la centrale nucleare di Belene
12.03.2019Roma: proiezione del film "8 minuti e 19 secondi" a "Francofilm"
07.03.2019Al via la 23° edizione del Sofia International Film Festival
06.03.2019Balcani: inverni in abitazioni fredde e città inquinate? Qualcosa sta cambiando
05.03.2019Conferenza: "Le tombe principesche della Tracia" a Capranica
02.03.201923-esima edizione del Sofia International Film Festival
01.03.2019Mostra fotografica su Matera a Plovdiv


Ambiente | Cronaca | Cultura | Economia | Esteri | Lavoro | Migrazioni | Politica | Sport
Speciali: Presidenza UE2018 | Iraq | Libia | NATO | Basi USA | Unione Europea | Due operaie morte | 1989-2009
News Feeds: Italiano | Inglese | Bulgaro
Tutte le Notizie | Новини на Български | Parole Famose | RSS
    Notizie
  Temi
Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Esteri
Lavoro
Migrazioni
Politica
Sport

Speciali
Presidenza UE2018
Iraq
Libia
NATO
Basi USA
Unione Europea
Due operaie morte
1989-2009
Parole Famose

News Feeds
(rss)
Italiano
Inglese
Bulgaro

Media bulgari
(english)
BTA
Sofia News Agency
Sofia Globe

Новини на Български
 
Tutte le Notizie | RSS

Home | Notizie | Forum | Club | Associazione | Annunci | Directory | Biblioteca | Meteo | Foto del giorno | Immagini | Parole famose | Cerca
Turismo | Hotel | Shop | Traduzioni | Appunti di Viaggio | Bulgari in Italia | Cartoline | Sondaggi | Dicono di noi | SocNet  Български English Русский Français Български (Автоматичен превод)
Contattaci Bulgaria-Italia