Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  


Bulgaria, Convenzione di Istanbul al palo

04.08.2018 - Sofia

Con una controversa sentenza, lo scorso 27 luglio la Corte costituzionale bulgara ha deciso che la Convenzione di Istanbul, approvata nel 2011 dal Consiglio d'Europa con l'intento di prevenire e combattere la violenza contro le donne e la violenza domestica, va contro i principi della Costituzione.

La sentenza, votata da otto giudici su dodici, sostiene che la Convenzione rende meno chiara la definizione di "uomo" e "donna", rendendo così a parere dei giudici più difficile la lotta alla violenza di genere.

"La società umana si basa su una concezione binaria dell'identità sessuale [...]", sostengono i giudici. "Ognuno dei due sessi è deputato a specifici ruoli biologici e sociali. Il sesso biologico è determinato dalla nascita ed è alla base di quello civile".

Alla base delle polemiche che fino ad oggi hanno fatto sì che la Bulgaria non approvasse la Convenzione (già sottoscritta da 18 paesi UE) è la distinzione dei concetti di "sesso" e "genere", quest'ultimo inteso come "insieme di ruoli, comportamenti, attività e caratteristiche che una particolare società considera appropriati per donne e uomini".

Una definizione contestata in Bulgaria sia dall'opposizione socialista che dai Patrioti Uniti, coalizione di formazioni nazionaliste parte dell'attuale governo guidato dal premier Boyko Borisov, perché aprirebbe la strada alla creazione di un "terzo sesso" e alla legalizzazione dei matrimoni omosessuali.

Il dibattito sulla Convenzione si era quindi rivelato subito estremamente spinoso per Borisov, che pure aveva sostenuto la necessità di ratificare il documento. Per non correre il rischio di un muro contro muro con gli alleati nazionalisti nel delicato periodo del semestre di presidenza europeo, e col susseguirsi di manifestazioni di piazza a favore e contro il documento, il premier aveva congelato la discussione sottoponendo il testo alla Corte costituzionale.

Forti le critiche alla sentenza di alcuni dei giudici rimasti in minoranza. Per l'ex ombudsman Konstantin Penchev, "la Convenzione non crea alcun concetto di sesso diverso da quello biologico", mentre l'ex premier Filip Dimitrov ha definito "inconsistente" la tesi secondo cui "per la Costituzione bulgara il sesso/genere è definito solo su base biologica". "Per me resta un mistero capire in quali parti del testo le differenze tra uomo e donna verrebbero confuse", ha concluso Dimitrov.


Autore: Francesco Martino
Fonte: Osservatorio Balcani e Caucaso




Commenta questa notizia



Notizie

24.08.2018La Bulgaria al secondo posto in Europa per le risorse di acqua minerale
15.08.2018Architetto italiano vince il concorso per il centro di Veliko Tarnovo
05.08.2018Occidente verso Oriente - concerto
04.08.2018Bulgaria, Convenzione di Istanbul al palo
31.07.2018Locarno Film Festival, il sud est Europa non passerà inosservato
23.07.2018Bulgaria: debito pubblico in ribasso
19.07.2018Il ministro Bonisoli in visita in Bulgaria



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)