Home | Notizie | Forum | Club | Cerca  Bulgaro
Subscribe
Share/Save/Bookmark
     
           Utente: non registrato, entra
  


Ue: i 190 milioni senza la valigia

04.07.2018

L'Erasmus, la fine del roaming, la comodità dell'euro: la retorica sui benefici dell'integrazione europea tocca solo i pochi che si spostano spesso da un paese all'altro. Ma il 37% dei cittadini europei non è nemmeno mai stato all'estero

Quasi il 40% dei cittadini europei non ha mai messo piede in uno stato dell'Unione europea diverso dal proprio. È una condizione molto comune nei paesi dell'Europa sud-orientale, ma anche all'interno di alcuni dei maggiori paesi del continente come Italia, Spagna e Polonia, più del 50% della popolazione non è mai uscita dai confini nazionali in vita sua.

Frequenza di visita di altri paesi UE

Si tratta di circa 190 milioni di persone, che rimangono di fatto escluse dall'onnipresente retorica europea sulla libera circolazione dei cittadini attraverso i vecchi confini nazionali, e dalle politiche che la accompagnano. Cosa potrà mai interessare a queste persone dell'Erasmus o della fine del roaming? Qual è la loro percezione della praticità della moneta unica e dell'abolizione dei controlli alle frontiere? Eppure è su questi obiettivi e sul loro conseguimento che l'Unione europea fonda da decenni buona parte della sua narrazione e dei suoi tentativi di "avvicinarsi ai cittadini".

In realtà, molte politiche europee e il discorso stesso che le circonda lasciano presumibilmente indifferenti un numero altissimo di persone all'interno dell'Unione. Si limitano a coinvolgere quel 34% di cittadini "integrati" che viaggiano da un paese all'altro dell'Ue almeno una volta all'anno - una sorta di élite, peraltro concentrata quasi solo nell'Europa occidentale.

Le altre sono persone a cui le istituzioni europee sembrano rivolgere minore attenzione, tanto che quasi non esistono statistiche sul loro conto. È paradossale che i migliori dati disponibili su coloro che non viaggiano siano contenuti in un'inchiesta sull'abolizione del roaming, che di certo non li riguarda.

Anche laddove si occupa di queste persone, l'Unione europea tende a inquadrarle come destinatarie di politiche di sviluppo locale e contrasto all'esclusione - finendo per relegarle a un ruolo piuttosto subalterno, e non per trattarle da cittadini europei a pieno titolo, altrettanto degni di rientrare nella narrazione europea quanto i loro connazionali più propensi a spostarsi e curiosare all'estero. C'è quindi poi poco da stupirsi se quelle persone sentono l'Unione europea come qualcosa di estraneo e lontano, che non li capisce e di cui diffidare.

Ma perché così tante persone si spostano così poco attraverso i confini europei? È chiaro che vivere in un paese molto grande o piuttosto isolato può scoraggiare le visite all'estero: la geografia conta, ma non basta a spiegare la riluttanza a spostarsi. Per un ungherese, ad esempio, sarebbe molto facile recarsi in un altro stato dell'Ue - ma sono pochi quelli che l'hanno mai fatto. Né bastano i fattori economici a spiegare questa riluttanza, visti i costi ormai abbordabili di spostamento all'interno dell'Europa.

C'è certamente un fattore culturale e generazionale che scoraggia gli spostamenti oltreconfine. Tra i giovani in effetti si può osservare un moderato aumento della mobilità, ma non in tutti paesi. Nel corso del 2016, solo l'1% dei giovani rumeni al di sotto dei 24 anni ha trascorso almeno una notte di vacanza all'estero - una percentuale di poco superiore a quella dei loro nonni.

Su proposta del capogruppo popolare al Parlamento europeo Manfred Weber, l'Unione europea quest'anno ha lanciato il progetto DiscoverEU, che dovrebbe servire proprio a incoraggiare nei giovani un minimo di conoscenza diretta degli altri paesi europei, offrendo ai diciottenni un biglietto Interrail con cui viaggiare liberamente all'estero (la scadenza per fare domanda è il 26 giugno). Visto il quadro generale, è un'iniziativa più importante e preziosa di quanto non si tenda a credere.

Eppure anche questa iniziativa tende a privilegiare la minoranza di giovani che già di suo è propensa a visitare i paesi stranieri, dato che i criteri di assegnazione dei biglietti disponibili guardano al grado di familiarità dei candidati con l'UE. Ma soprattutto, la quota di biglietti disponibile per ciascun paese è proporzionale alla sua popolazione: così al Belgio spetta lo stesso numero di biglietti della Grecia, anche se stando ai dati è 15 volte più probabile che i giovani belgi all'estero ci vadano comunque per conto loro rispetto ai loro coetanei greci.


Autore: Lorenzo Ferrari
Fonte: Osservatorio Balcani e Caucaso




Commenta questa notizia



Notizie

09.07.2018Bulgaria: Sofia si prepara ad entrare nell’eurozona
07.07.2018Le sensazioni mondiali dell’Italia rimasta fuori dal Mondiale in Russia
06.07.2018Il primo ministro cinese Li Keqiang giunto in Bulgaria
04.07.2018Ue: i 190 milioni senza la valigia
28.06.2018Bulgaria: il fondo nazionale di innovazione avvia nuova procedura
27.06.2018A Sofia un albero in onore di Dimitar Peshev
22.06.2018L’estate parla bulgaro


Ambiente | Cronaca | Cultura | Economia | Esteri | Lavoro | Migrazioni | Politica | Sport
Speciali: Presidenza UE2018 | Iraq | Libia | NATO | Basi USA | Unione Europea | Due operaie morte | 1989-2009
News Feeds: Italiano | Inglese | Bulgaro
Tutte le Notizie | Новини на Български | Parole Famose | RSS

Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn
    Notizie
  Premio "Nicola Ghiuselev" 2019
Import-Export della Bulgaria dei primi mesi del 2019
Teatro: "Scaramouche" a Sofia e Sozopol
Alberto Gandolfo con "Quello che resta" al Fotofabrika Festival Sofia
Bulgaria: investimenti nella tutela ambientale e innovazione

Tutte le notizie
    Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura
Arte in Bulgaria
Biblioteca
Cinema bulgaro
Lingua e cultura italiana
Storia della Bulgaria
Letteratura
Lingua Bulgara
Monasteri
Musica
Poesia
Teatro
Traci

Città e Località
Sofia
Plovdiv
Varna
Burgas
Koprivshtitza
Bansko
Borovets
Pamporovo

Economia
Agricoltura
Banche e Finanza
Energia
Fiere
Infrastrutture
Investimenti
Telecomunicazioni

Folklore
Cucina bulgara
Fiabe
Nestinari
PopFolk e Chalga
Valle delle Rose
Vampiri

Informazioni
Mappa
Inno Nazionale
Scheda Paese
Dizionario IT-BG

Notizie

Ambiente
Cultura
Cronaca
Economia
Esteri
Lavoro
Immigrazione
Politica
Sport

Bulgaria e ...
Iraq
Libia
NATO
Basi USA
Unione Europea
Monografie

Politica e Governo
Ambasciate
Ambasciata di Bulgaria
Ambasciata d'Italia
Istituzioni
Politica ed Elezioni
Legislazione italiana

Società
Bulgari in Italia
Diritti umani
Informazione
Radio Bulgaria
Sindacati
Sport
TV Bulgaria

Turismo
Alberghi
Appunti di Viaggio
Fai da te
Informazioni Valutarie
Montagna
Viaggio in Aereo
Viaggio in Auto
Viaggio in Bici
Viaggio in Camper

    Notizie
  Temi
Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Esteri
Lavoro
Migrazioni
Politica
Sport

Speciali
Presidenza UE2018
Iraq
Libia
NATO
Basi USA
Unione Europea
Due operaie morte
1989-2009
Parole Famose

News Feeds
(rss)
Italiano
Inglese
Bulgaro

Media bulgari
(english)
BTA
Sofia News Agency
Sofia Globe

Новини на Български
 
Tutte le Notizie | RSS