Home | Notizie | Forum | Club | Cerca  Bulgaro

Subscribe
Share/Save/Bookmark
     




           Utente: non registrato, entra

Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on Google+   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn
    Notizie


 
Al Teatro La Fenice in scena "Le Mystère des Voix Bulgares"
IIC alla fiera del libro 2017 di Sofia
La Via della Seta passa dai Balcani
Pubblicata la nuova Guida agli investimenti in Bulgaria
In Bulgaria c'è un'enorme caverna neolitica protetta dagli Occhi di Dio
   
Tutte le notizie

    Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura
Arte in Bulgaria
Biblioteca
Cinema bulgaro
Lingua e cultura italiana
Storia della Bulgaria
Letteratura
Lingua Bulgara
Monasteri
Musica
Poesia
Teatro
Traci

Città e Località
Sofia
Plovdiv
Varna
Burgas
Koprivshtitza
Bansko
Borovets
Pamporovo

Economia
Agricoltura
Banche e Finanza
Energia
Fiere
Infrastrutture
Investimenti
Telecomunicazioni

Folklore
Cucina bulgara
Fiabe
Nestinari
PopFolk e Chalga
Valle delle Rose
Vampiri

Informazioni
Mappa
Inno Nazionale
Scheda Paese
Dizionario IT-BG

Notizie

Ambiente
Cultura
Cronaca
Economia
Esteri
Lavoro
Immigrazione
Politica
Sport

Bulgaria e ...
Iraq
Libia
NATO
Basi USA
Unione Europea
Monografie

Politica e Governo
Ambasciate
Ambasciata di Bulgaria
Ambasciata d'Italia
Istituzioni
Politica ed Elezioni
Legislazione italiana

Società
Bulgari in Italia
Diritti umani
Informazione
Radio Bulgaria
Sindacati
Sport
TV Bulgaria

Turismo
Alberghi
Appunti di Viaggio
Fai da te
Informazioni Valutarie
Montagna
Viaggio in Aereo
Viaggio in Auto
Viaggio in Bici
Viaggio in Camper

  


La Via della Seta passa dai Balcani

04.12.2017 - Bruxelles

La Cina è sempre più presente in Europa sud-orientale: i paesi dell'area, l'UE e la Russia saranno in grado di ridefinire i propri rapporti con Pechino? Un seminario a Bruxelles ha tentato di aprire il dibattito e abbozzare le prime risposte

L'Occidente - Europa compresa - sta perdendo la propria posizione dominante nella politica ed economia globale: un fenomeno che appare irreversibile, con nuovi attori che guadagnano velocemente posizioni. In testa ai paesi che avanzano c'è la Cina, già protagonista a tutti gli effetti a livello globale. Sempre più fiduciosa nei suoi mezzi, e con l'obiettivo di integrare il continente euro-asiatico e garantire sbocchi alle proprie esportazioni di merci e capitali, a partire dal 2013 Pechino ha lanciato un programma che è riduttivo definire ambizioso: la Belt and Road Initiative (BRI).

Lanciata ufficialmente nel 2013 dal presidente cinese Xi Jinping, la Belt and Road Initiative (BRI - inizialmente nota come "One Belt One Road Initiative OBOR"), è una strategia di sviluppo di dimensioni assolutamente ambiziose, che ha l'obiettivo di connettere le principali economie del continente euro-asiatico attraverso la realizzazione di progetti infrastrutturali, stimolo al commercio e investimenti. La BRI comprende due assi principali: la "Silk Road Economic Belt" e la "21st Century Maritime Silk Road". La Silk Road Economic Belt dovrebbe essere realizzata attraverso una rete di collegamenti stradali, ferroviari ed energetici lungo l'antica Via della Seta, e connettere la costa orientale cinese all'Europa. La "21st Century Maritime Silk Road" è invece un progetto di collegamento marittimo con infrastrutture integrate che corre dalle coste cinesi a quelle di Europa, India, Africa e Pacifico passando per il Mar Cinese meridionale e l'Oceano Indiano. La dimensione geografica della BRI rimane però parzialmente indefinita, e secondo alcune letture arriva a toccare Regno Unito e Australia. Secondo la società internazionale di consulenza Mc Kinsey, il piano cinese ha il potenziale di annichilire il Piano Marshall statunitense, toccando circa il 65% della popolazione del pianeta, un terzo del PIL mondiale e un quarto dei prodotti e servizi a livello globale. Il "16+1" a Budapest
Lunedì 27 novembre Budapest è stata teatro del sesto incontro del "16+1", il summit annuale che dal 2012 riunisce la Cina con i paesi dell'Europa centrale, orientale e sud-orientale. Nell'edizione di quest'anno il premier cinese Li Keqiang, ha sottoscritto numerosi accordi bilaterali con i leader dei paesi dell'area. Dall'incontro, esce rinnovata la volontà di Pechino di rilanciare la modernizzazione della tratta ferroviaria Budapest-Belgrado, messa sotto indagine da Bruxelles a inizio 2017 a causa del mancato rispetto delle procedure sui bandi di gara nell'UE. Il gruppo "16+1" comprende 11 paesi UE (Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Estonia, Ungheria, Lettonia, Lituania, Polonia, Romania, Slovacchia, Slovenia) insieme ad Albania, Bosnia Erzegovina, Macedonia, Montenegro e Serbia.

Negli anni a venire, l'Europa dovrà quindi ridefinire i propri rapporti con la Cina, e lo stesso vale - con alcune particolari peculiarità - per la regione balcanica, approdo naturale in Europa della BRI. Quali saranno le ricadute del crescente attivismo cinese nell'Europa sud-orientale? In che modo la BRI ridefinirà la rete infrastrutturale ed economica dell'area? E come conviveranno il progetto di allargamento UE, ribadito attraverso il processo di Berlino, e la storica presenza di potenze regionali come Russia e Turchia coi progetti e le iniziative di Pechino?

Sono queste le domande a cui ha provato a fornire alcune prime risposte un seminario organizzato a metà novembre a Bruxelles dall'Istituto tedesco "Stiftung Wissenschaft und Politik", insieme all'Austro-French Centre for Raprochement in Europe (ÖFZ/CFA) , all'Institut français des relations internationales (IFRI) e una coalizione di partner di cui fa parte Osservatorio Balcani Caucaso - Transeuropa. Risposte ancora abbozzate ed incomplete, ma importanti per dare inizio alla discussione pubblica su un tema ancora poco conosciuto e ancor meno dibattuto in Europa.

La crescita cinese

Con il lancio della BRI, la Cina sembra aver abbandonato la politica del "basso profilo" geopolitico che ha accompagnato la sua tumultuosa crescita economica, e oggi, dopo aver riguadagnato una posizione prominente a livello globale, è convinta di poter offrire un modello di riferimento ai paesi in via di sviluppo. Dopo una lunga fase in cui Pechino ha attirato investimenti e capitali, secondo molti osservatori è ora cominciata una fase nuova, in cui la Cina li esporta invece in tutti i continenti.

Il governo comunista cinese non sembra ancora interessato ad esportare il proprio modello politico nei paesi coi quali interagisce. Alla base delle preoccupazioni di Pechino c'è soprattutto la stabilità dei propri interlocutori, per poter progettare sul lungo periodo. C'è però chi pensa che il modello di "efficientismo autoritario" cinese possa esercitare un certo fascino sulle élite dell'Europa centro-orientale e balcanica e che, pur non contrastando esplicitamente il sistema liberal-democratico, il regime di Pechino sia con esso incompatibile.

Parlando di BRI, quello che colpisce molti analisti e osservatori europei è l'enorme "potenza di fuoco" finanziaria che Pechino sembra decisa a mettere sul piatto. Un impegno che, sulla carta, è in grado di surclassare il "piano Marshall" lanciato dagli USA nell'Europa del secondo dopoguerra. Le strutture e i funzionari UE non nascondono un senso di inquietudine, che talvolta sfocia nella frustrazione. Per chi segue da vicino le vicende cinesi, l'Europa vista da Pechino sembra molto piccola e, soprattutto dopo la Brexit, divisa e incapace di contare davvero. Per la Cina il punto di riferimento, l'asticella da superare, resta al di là dell'Oceano Pacifico: gli Stati Uniti d'America del presidente "protezionista" Trump.

Tornando ad analizzare più da vicino la BRI, l'iniziativa cinese risulta in realtà ancora piuttosto vaga e indefinita, ma proprio questa sua vaghezza rappresenta uno dei suoi punti di forza: i paesi interessati dall'iniziativa, infatti, hanno la sensazione di poter interpretare ed adattare la visione globale di Pechino secondo gli interessi e le priorità locali.

Nei Balcani, la presenza cinese si sviluppa oggi intorno ad alcuni "investimenti di ancoraggio" come il porto del Pireo ad Atene e la linea ferroviaria Belgrado-Budapest, concentrati nei settori delle infrastrutture, dei trasporti e della logistica, intorno a cui si stanno coagulando nuove acquisizioni, come quelle nel settore energetico.

BRI e Balcani

Un ruolo importante è quello giocato dalle banche di investimento e sviluppo cinesi, che oggi rappresentano una delle principali fonti di finanziamento dei progetti infrastrutturali nei Balcani, una regione che si vede in forte ritardo nel settore non solo rispetto all'Europa occidentale, ma anche verso quella centrale. Pur non essendo subentrate all'Unione europea come fonte principale di capitali d'investimento, le banche cinesi, che iniziano a contare su una rete di filiali in crescita, consentono ai governi della regione di diversificare le fonti da cui provengono i prestiti.

Nel contesto della BRI, l'Europa centrale, balcanica e il Mediterraneo orientale giocano il ruolo di approdo e testa di ponte dei progettati corridoi terrestre e marittimo verso il continente europeo. Se dalla dimensione regionale si scende ancora più in profondità, a quello bilaterale, la situazione nei Balcani appare notevolmente diversificata. Gli investimenti più sostanziosi riguardano Grecia (soprattutto il porto del Pireo) e Serbia.

Anche negli altri paesi dell'area si registrano però evoluzioni interessanti. Nel contesto balcanico, l'Albania rappresenta un caso unico riguardo ai rapporti con la Cina. Se Pechino è uno interlocutore recente per la maggior parte dei governi della regione, per Tirana la Cina ha rappresentato per quasi vent'anni (1961-1978) il principale partner e alleato.

Ancora oggi una parte sostanziale del PIL albanese è prodotto tramite investimenti di capitale (dighe, centrali elettriche) effettuate dalla Cina prima della rottura dei rapporti bilaterali seguita alla morte del presidente Mao. Nonostante alcune iniziative ad alta visibilità, come la concessione dell'aeroporto di Tirana alla compagnia "China Everbright Limited", l'impegno cinese nel "paese delle aquile" sembra però ancora piuttosto timido.

Nella vicina Macedonia l'attivismo cinese nella modernizzazione delle infrastrutture stradali (col finanziamento delle tratte autostradali Kicevo-Ohrid e Miladinovci-Stip da parte della China Exim Bank) è entrato suo malgrado nel turbolento clima di scontro politico e istituzionale che ha scompigliato il paese negli ultimi anni. Una delle cosiddette "bombe" (rivelazioni basate su intercettazioni registrate) rese pubbliche dall'allora capo dell'opposizione Zoran Zaev - oggi premier socialdemocratico - contro il primo ministro conservatore Nikola Gruevski riguardava infatti proprio l'accordo sulle autostrade.

Nella registrazione, Gruevski e i suoi collaboratori commenterebbero le dimensioni di una maxi-tangente ottenuta dagli investitori cinesi per portare a termine gli accordi. Una quantità di denaro che, se effettivamente trasferito, e viste le dimensioni ridotte di un paese come la Macedonia, ha probabilmente allungato di mesi se non di anni la capacità di Gruevski di restare al potere.

Il caso macedone mette in luce uno degli aspetti problematici dell'impegno cinese nei Balcani e non solo: la predilezione di Pechino per gli accordi tra stati, più che attraverso compagnie private, che apre a scenari di opacità e corruzione.

Un altro aspetto contestato è la tendenza delle aziende cinesi di occupare soprattutto personale e macchinari portati direttamente dalla madrepatria, piuttosto che impegnare subappaltatori locali (è il caso della costruzione di un'autostrada che dovrebbe collegare il porto Montenegrino di Bar con la Serbia), con una ricaduta limitata nell'economia dei paesi balcanici. Un atteggiamento che però sembra in rapido ripensamento e che dipende anche dai rapporti di forza tra le controparti (al Pireo, ad esempio, i dipendenti sono greci, e solo la dirigenza è cinese).

Rischi all'orizzonte?

Forse l'elemento più problematico, però, è di natura tanto politica quanto economica. I capitali e gli investimenti cinesi nei Balcani (insieme ad una bilancia commerciale nettamente sbilanciata a favore di Pechino) rischiano di creare situazioni di dipendenza e costrizione? La Cina sta perseguendo un progetto strategico nascosto attraverso la BRI? Su questi quesiti il dibattito è aperto, e le posizioni variegate.

Quello che invece appare certo, è che i cittadini e i governi dell'UE e dell'Europa sud-orientale dovranno attrezzarsi per gestire i rapporti con la Cina sul lungo periodo. Con una presenza cinese in aumento e stabilizzazione devono fare i conti anche le altre potenze regionali, soprattutto Russia e - in seconda battuta - Turchia.

La maggior parte degli analisti registra la volontà di Mosca e Pechino di non pestarsi i piedi, non solo nei Balcani ma in altri teatri sensibili come quell0 dell'Asia centrale. Difficile fare previsioni di largo respiro: c'è però chi non esclude che una presenza invasiva della Cina nei Balcani, regione strategica per la Russia, possa spingere in futuro la Russia a un qualche tipo di riavvicinamento con l'Unione europea.


Autore: Francesco Martino
Fonte: Osservatorio Balcani Caucaso




Commenta questa notizia



Notizie

09.12.2017Al Teatro La Fenice in scena "Le Mystère des Voix Bulgares"
06.12.2017IIC alla fiera del libro 2017 di Sofia
04.12.2017La Via della Seta passa dai Balcani
03.12.2017Pubblicata la nuova Guida agli investimenti in Bulgaria
30.11.2017In Bulgaria c'è un'enorme caverna neolitica protetta dagli Occhi di Dio
29.11.2017La Cina nei Balcani, arrivata per restare


Ambiente | Cronaca | Cultura | Economia | Esteri | Lavoro | Migrazioni | Politica | Sport
Speciali: Iraq | Libia | NATO | Basi USA | Unione Europea | Due operaie morte | 1989-2009
News Feeds: Italiano | Inglese | Bulgaro
Tutte le Notizie | Новини на Български | Parole Famose | RSS
    Notizie
  Temi
Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Esteri
Lavoro
Migrazioni
Politica
Sport

Speciali
Iraq
Libia
NATO
Basi USA
Unione Europea
Due operaie morte
1989-2009
Parole Famose

News Feeds
(rss)
Italiano
Inglese
Bulgaro

Media bulgari
(english)
BTA
Sofia News Agency
Sofia Globe

Новини на Български
 

 Tutte le Notizie | RSS


Home | Notizie | Forum | Club | Associazione | Annunci | Directory | Biblioteca | Meteo | Foto del giorno | Immagini | Parole famose | Cerca
Turismo | Hotel | Shop | Traduzioni | Appunti di Viaggio | Bulgari in Italia | Cartoline | Sondaggi | Dicono di noi | SocNet  Български English Русский Français Български (Автоматичен превод)
Contattaci Bulgaria-Italia