Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  


Bulgaria e Ungheria rilanciano la linea dura sui migranti

19.09.2016

"Il destino dell'Unione europea non si decide a Bruxelles, ma sulla frontiera bulgaro-turca". Questo il messaggio lanciato dai premier di Bulgaria e Ungheria, Boyko Borisov e Viktor Orbán, che mercoledì scorso hanno visitato congiuntamente il confine bulgaro-turco, ispezionando la barriera anti-migranti attualmente in fase di completamento.

La visita di Orbán, la seconda in Bulgaria nel giro di pochi mesi, è stata preceduta da un vertice trilaterale a cui aveva partecipato anche il premier serbo Aleksandar Vučić, dedicato al tema della gestione dei flussi migratori.

La visita di Orbán, portavoce in Europa della linea dura sulla chiusura delle frontiere, rilancia la richiesta di un ulteriore rafforzamento della politica di contenimento dei flussi migratori, che verrà portata entro la settimana al prossimo incontro europeo di Bratislava.

La Bulgaria ha già esternato la richiesta di nuovi aiuti per il controllo della "frontiera comune europea" con la Turchia, quantificato da Borisov in 160 milioni di euro. Orbán ha confermato che i paesi del Gruppo di Visegrád (Polonia, Repubblica ceca, Slovacchia e Ungheria) appoggeranno con forza le richieste di Sofia.

Nuove risorse per il pattugliamento della frontiera, intanto, sono state annunciate anche dal presidente della commissione europea Jean-Claude Juncker, che ha annunciato lo spiegamento di altri duecento poliziotti di Frontex, in aggiunta ai circa cento già presenti sul territorio bulgaro.

Si rafforza così lo schieramento nell'UE, soprattutto sul versante orientale, dei governi che chiedono misure forti per fermare il flusso migratorio che, negli anni scorsi, ha puntato all'Europa attraverso la cosiddetta "rotta balcanica".

Borisov ha al tempo stesso chiesto flessibilità e cooperazione nei confronti della Turchia. "Nel bene o nel male, l'accordo con Ankara [sulla gestione delle migrazioni] funziona", ha detto Borisov, invitando le istituzioni europee a continuare sulla linea degli aiuti economici alla Turchia e alla promessa apertura sui visti d'ingresso in UE per i cittadini turchi.

Nel frattempo, sebbene ufficialmente chiusa, la "rotta balcanica" continua ad essere percorsa e a fare vittime. Giovedì 8 settembre la barca con cui alcuni migranti tentavano di attraversare il Danubio, tra Bulgaria e Romania, si è rovesciata.

Due cadaveri, quello di un uomo e di un bambino, sono stati recuperati alcuni giorni dopo, ma almeno altre quattro persone, tra cui probabilmente altri bambini, risultano ancora disperse.

L'articolo è stato pubblicato il 15 settembre 2016 su OBC.


Autore: Francesco Martino
Fonte: Osservatorio Balcani e Caucaso




Commenta questa notizia



Notizie

21.09.2016Viaggio nel Barocco italiano al Festival Internazionale “Varna Summer”
20.09.2016Bulgaria: nuovi centri di ricerca e high-tech
20.09.2016Stefano Baldi nuovo ambasciatore italiano in Bulgaria
19.09.2016Bulgaria e Ungheria rilanciano la linea dura sui migranti
19.09.2016Nasce in Bulgaria il sistema duale di formazione in sedici scuole
16.09.2016La ricezione di Georgi Gospodinov in Italia
15.09.2016I 70 anni della Repubblica di Bulgaria. Il 1946 visto dagli storici



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)