Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  


Comitato Bulgaro Helsinki sul caso che ha portato ad una condanna per aggressione razzista

28.07.2016

L'uomo bulgaro accusato di aver picchiato un ragazzo rom è stato giudicato colpevole e ha ricevuto una condanna di 11 mesi sospesa con messa alla prova.

Il tribunale distrettuale di Pazardjik ha condannato Angel Kaleev a 11 mesi di carcere, pena sospesa con messa alla prova per un periodo di 3 anni, a seguito di un accordo tra la difesa e l'accusa. Kaleev era accusato di aver aggredito il diciassettenne Mitko Yonkov del villaggio di Ovchepoltsi, nella regione di Pazardijk. Yonkov è di origini rom ed è stato aggredito per questioni etniche. Kaleev ha registrato l'aggressione col suo telefonico e in seguito ha messo on line il video.

Prima dell'udienza di primo grado, che si è tenuta l'11 luglio, il tribunale di Pazardjik aveva disposto tre misure per proteggere Yonkov, su richiesta del suo rappresentante legale del Bulgarian Helsinki Committee. All'aggressore era stato proibito di avvicinarsi alla vittima, di contattarla, anche telefonicamente o via e-mail, e di andarla a trovare a casa.

Colpevole

Durante l'udienza dell'11 luglio, Kaleev è stato riconosciuto colpevole di entrambe le accuse contro di lui - uso della violenza motivata dall'etnia della vittima e lesioni minori come atti di bullismo e xenofobia.

Il tribunale ha accolto un accordo tra le parti, in base al quale Kaleed ha accettato 11 mesi di carcere ai sensi dell'articolo 162 (2) del codice penale oltre a 4 mesi ai sensi dell'articolo 131 (1.12). Il Tribunale Distrettuale di Pazardjik ha approvato l'accordo e, ai sensi dell'articolo 23 (1) del codice penale, ha imposto la più severa delle due condanne: 11 mesi, sospesi con un periodo di messa alla prova di tre anni.

Questo significa che Kaleev sconterà una pena detentiva soltanto se commette un altro reato entro il periodo di messa alla prova di 3 anni. Il tribunale ha ordinato alla Commissione di Controllo del Comune di Pazardjik di assegnare Kaleev ai lavori socialmente utili.

Le autorità ignorano i "reati a sfondo razziale"

Durante l'udienza, il tribunale ha respinto la richiesta di risarcimento civile per i danni subiti dal reato presentata dalla vittima. Il Tribunale Distrettuale di Pazardjik ha motivato tale scelta dichiarando che questo avrebbe impedito di portare avanti il procedimento.

BHC porterà avanti la causa di Yonkov in un procedimento separato di fronte ad un tribunale civile.

"In Bulgaria siamo abituati al fatto che le autorità inquirenti ignorino i reati a sfondo razziale e si rifiutino in genere di riconoscerli come tali, tanto che il semplice fatto che un'accusa di reato a sfondo razziale venga presentata in tribunale rappresenta un grande successo", ha dichiarato Margarita Ilieva, direttore del Programma di Difesa Legale di BHC.

Razzismo da parte delle autorità

Il Bulgarian Helsinki Committee ha sottolineato che le indagini preliminari sul caso sono state accompagnate da molti commenti razzisti. BHC ha portato gli esempi dei rifiuti di lavorare sul caso da parte del perito medico legale e dell'ufficiale incaricato delle indagini. Il perito medico ha dichiarato al rappresentante di BHC che ha assistito la vittima che "mango [termine bulgaro dispregiativo per indicare i rom] sta bene. E' stato solo preso un po' a calci."

In seguito, in presenza del legale di BHC e della madre della vittima, l'ufficiale incaricato delle indagini sul caso ha chiesto al ragazzo se si considerasse "bulgaro, cittadino bulgaro o "mango"."

Il Tribunale Distrettuale di Pazardjik ha ignorato entrambe le richieste di ricusazione.


Autore: Bulgarian Helsinki Committee
Fonte: Liberties.eu




Commenta questa notizia



Notizie

01.08.2016Automotive: nuovi investimenti di imprese straniere in Bulgaria
29.07.2016Roma: tre film bulgari in programma a L’Isola del Cinema
29.07.2016Aumentano le esportazioni bulgare di merci ad altro valore aggiunto
28.07.2016Comitato Bulgaro Helsinki sul caso che ha portato ad una condanna per aggressione razzista
26.07.2016Festival Cinematografico di Burgas: "This was Hasankeyf" di Tommaso Vitali
26.07.2016Il grande condominio globale. Così il web ci fa invidiare l’estero
21.07.2016Bulgaria: i cacciatori di migranti al confine con la Turchia



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)