Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  


Rock oltre Cortina

19.05.2016

Beat, Prog, Psichedelia e altro nei paesi del Blocco Comunista - 1963-1978

Il libro di Alessandro Pomponi, editore "Tsunami", uscito nel febbraio 2016 apre una finestra sulla storia musicale dell'Europa orientale nel periodo della Guerra fredda.

Nel secondo dopoguerra l'Europa ha vissuto anni difficili, segnati dalla contrapposizione ideologica e politica tra i paesi dell'Ovest e quelli dell'Est che vivevano sotto l'influenza del blocco sovietico. Ma in quegli stessi anni, anche al di là della Cortina di Ferro, è esplosa la musica rock: una forma culturale universale, fino ad allora sconosciuta, che prendendo le mosse da Elvis Presley e dai Beatles si è incarnata in innumerevoli forme realmente rivoluzionarie, come beat, psichedelia e progressive, catalizzando l'energia e la creatività di milioni di giovani in tutto il mondo.


Shturcite e Georgi Mincev "Silenzio bianco" (1967)

Questo libro racconta per la prima volta le vicende di coloro che, tra mille difficoltà, cercarono di proporre musica rock negli anni '60 e '70 nei paesi che nel dopoguerra finirono sotto l'influenza comunista dell'Unione Sovietica e afferirono al Patto di Varsavia: Cecoslovacchia, Ungheria, Romania, Repubblica Democratica di Germania, Polonia e Bulgaria.

Una storia fatta di battaglie quotidiane con le autorità e con la censura, punteggiata di ostacoli duri da superare e di lotte burocratiche contro un sistema ottuso e conservatore, ma anche e soprattutto una storia di successi, di grandi realizzazioni artistiche che non sfigurano al confronto di quanto veniva prodotto in occidente nello stesso periodo e apriranno mondi totalmente nuovi a chiunque ami queste sonorità, dal semplice curioso al vero e proprio appassionato.


Tangra "La nostra città" (1981)

… un episodio curioso è stato narrato in un'intervista dal bulgaro Konstantin Markov, leader dei Tangra: pare che in alcuni quartieri periferici di Sofia fosse possibile, con qualche accorgimento, riuscire a prendere il segnale della TV jugoslava; venivano così organizzati clandestinamente dei veri e propri meeting intorno a una singola TV, al fine di poter vedere le immagini di una televisione che veniva considerata già estremamente "liberale". - estratto dall'introduzione del libro che può essere letta qui .


Autore: red.

Ordina su IBS | Feltrinelli | Webster




Commenta questa notizia



Notizie

29.05.2016Sofia: aumenta del 60% il prezzo del biglietto del trasporto pubblico
27.05.2016"I giorni delle rose", la quarta edizione a Villa Fidelia di Spello
24.05.2016Gentiloni: incontro con il Ministro degli Esteri bulgaro
19.05.2016Rock oltre Cortina
18.05.2016Musica Veneziana a Sofia
16.05.2016Concerto dell’arpista italiana Marta Marinelli a Sofia
15.05.20161ª festa del cinema italiano in Bulgaria - premi David di Donatello



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)