Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  


Bulgaria: cambiamenti del sistema di detenzione e deportazione

24.02.2016

Bordermonitoring Bulgaria, gennaio 2016

Lo scorso 1 gennaio sono entrati in vigore nuovi emendamenti della Legge sull'Asilo e sui Rifugiati (LAR). In poche parole, questo cambiamento autorizza l'Agenzia Statale per i Rifugiati (SAR) a "rinchiudere i richiedenti asilo all'interno di centri chiusi", impone coprifuoco a strutture già esistenti o restrizioni alle persone che ci vivono - quest'ultimo punto era già stato reso pubblico dalla Gazzetta di Stato il 16 ottobre 2015.

Il nuovo regime legalizza anche la detenzione dei richiedenti asilo minorenni non accompagnati. Valeria Ilareva, che fa parte della Fondazione Bulgara per l'Accesso ai Diritti (FAR), ha dichiarato che "la detenzione di richiedenti asilo espone gli stessi al rischio di subire un ulteriore trauma (…)".

Il numero dei migranti arrestati è cresciuto notevolmente nel 2015. In dicembre sono state registrate circa 1.700 richieste di asilo, 20.391 in tutto il 2015, come ha dichiarato il SAR. Tuttavia, solo un terzo dei posti disponibili nei centri d'accoglienza è stato recentemente occupato da richiedenti asilo.

Molti altri hanno proseguito il loro viaggio verso altri Paesi europei. A fine anno la LAR aveva già subito dei cambiamenti a seguito di un emendamento che giustificava il respingimento dei richiedenti asilo senza previo colloquio. Radostina Pavlova, del Centro per il Supporto Legale (CLA), ha messo in guardia sul fatto che questa pratica aumenterà "la mancata documentazione di persone la cui richiesta di asilo viene respinta e che si trova quindi sotto regime di detenzione".

Dal 2011 al 2014 Border Monitoring Bulgaria (BMB) ha assistito a proteste e a svariati scioperi della fame nei due centri di detenzione di Lyubimets e Busmantsi motivati dalle cattive condizioni di vita e dalla violenza della polizia - quest'ultima causa anche della successiva chiusura del centro di Elhovo. Josu Juaristi Abenuz, membro dell'EP, ha recentemente denunciato l'abuso subito dai richiedenti asilo afghani in Bulgaria. Il 20 gennaio, Human Rights Watch (HRW) ha pubblicato un report che parla anche di abusi nei due centri di detenzione e di incidenti violenti, come i respingimenti sul confine bulgaro-turco. BMB dichiara che questa pratica deve essere fermata immediatamente. Alla fine di questo gennaio sono stati ritrovati altri due corpi senza vita al confine con la Serbia.

Nel frattempo, la Ministra degli Interni Rumyana Bachvarova afferma che la seconda barriera di filo spinato di più di 130 km sarà completata entro la fine di marzo 2016 - nelle regioni di Haskovo e Burgas. Il Ministro delle Difesa Nikolay Nenechev ha ammesso che da aprile del 2015 l'esercito bulgaro sta aiutando il Ministero dell'Interno (MOI) sorvegliando i confini.

Links utili:
- Center for Legal Aid "Voice in Bulgaria"
- Bulgarian Foundation for Access to Rights

La traduzione di un articolo pubblicato (link originale) su Bordermonitoring Bulgaria.


Fonte: meltingpot.org
Traduzione: Sara Spolaore




Commenta questa notizia



Notizie

27.02.2016Palestinese muore in ambasciata, intrigo internazionale a Sofia
26.02.2016Turchia-Bulgaria, sgarbi diplomatici
25.02.2016Bulgaria: aumento dello stipendio medio, ma un terzo degli impiegati risultano sottopagati
24.02.2016Bulgaria: cambiamenti del sistema di detenzione e deportazione
22.02.2016Tvardita, la piccola Bulgaria
19.02.2016Agricoltori greci contro camionisti bulgari, bloccate le frontiere. Chiesto l’intervento UE
19.02.2016Bulgaria: aumento IDE



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)