Home | Notizie | Forum | Club | Cerca  Bulgaro
Subscribe
Share/Save/Bookmark
     
           Utente: non registrato, entra
  


Corruzione: l’atteggiamento delle imprese in Italia e Bulgaria

20.01.2016

Un sondaggio di Eurobarometro sull'atteggiamento delle imprese nei confronti della corruzione nell'UE è stato effettuato nei mesi di settembre e ottobre dell'anno scorso. Sono state intervistate 7996 imprese operanti sul territorio dell'Unione Europea.

La corruzione nell'UE è stimata in circa 120 miliardi di euro l'anno; a livello europeo in media 4 aziende su 10 la considerano un problema per lo svolgimento dei loro affari. Gli imprenditori ritengono problemi maggiori le aliquote fiscali (67%), il continuo cambiamento della legislazione e delle politiche (64%) e le complessità delle procedure amministrative (62%).

Il dato è riferito all'insieme dei 28 membri dell'UE. Accanto a paesi dove la corruzione non rappresenta generalmente una preoccupazione, come ad esempio Danimarca (2%), Regno Unito (8%) e Svezia (11%), in altri la percezione della corruzione nelle imprese che le riguarda personalmente, è molto più elevata come ad esempio in Bulgaria (61%) e in Italia (60%).

Per il 93% delle imprese italiane le aliquote fiscali rappresentano un problema, mentre lo è solo per il 40% delle aziende bulgare. Altri fattori sono la mancanza di mezzi o procedure per recuperare i crediti 83% in Italia e 70% in Bulgaria e le complessità delle procedure amministrative 86% in Italia e 78% in Bulgaria.

Alla domanda se negli ultimi tre anni la corruzione ha impedito alla propria impresa di vincere una gara di appalto pubblico o un contratto d'appalto pubblico il 60% dei bulgari ha risposto affermativamente contro i 33% degli italiani; in Bulgaria il dato è aumentato di 2 punti rispetto all'ultimo sondaggio del 2013, invece in Italia è diminuito con 3 punti.

Tra le pratiche più diffuse in Italia risultano il favoritismo di amici e parenti nelle attività lavorative e nelle istituzioni pubbliche rispettivamente 44% e 49%; in Bulgaria frode fiscale o mancato pagamento dell'IVA 40% ed il finanziamento di partiti politici in cambio di contratti pubblici o di influenza nella pianificazione delle politiche 38%.

Per il 40% degli intervistati in Italia le persone e le aziende accusate di piccola corruzione sono punite adeguatamente mentre per la corruzione di un funzionario di alto grado questo avviene solo per il 28%. In Bulgaria la piccola corruzione viene punita adeguatamente per il 53% degli intervistati e quella ad un funzionario di alto grado appena il 12%.

In generale la percezione della diffusione della corruzione nel proprio paese è molto alta in Italia 98%, Grecia 96%, Romania 95%, Spania e Cipro 93%, Bulgaria 91%.

I risultati in dettaglio del sondaggio si trovano qui.


Autore: red.




Commenta questa notizia



Notizie

24.01.2016Per non dimenticare
23.01.2016CALL'ART 2016 dedicata alla memoria del celebre basso bulgaro Boris Christoff
21.01.2016Politica in Bulgaria: la normalità è una maschera
20.01.2016Corruzione: l’atteggiamento delle imprese in Italia e Bulgaria
19.01.2016Erasmus+: sei giovani per la Bulgaria
18.01.2016Trieste Film Festival 2016
16.01.2016L’impegno civile di Armin Wegner



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)