Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  


Bulgaria: pellicani trovati morti per l'influenza aviaria

28.03.2015

Nella riserva naturale "Srebarna" nel nordest della Bulgaria sono stati ritrovati 21 pellicani la cui morte è stata attribuita all'influenza aviaria, come accertato dalle analisi realizzate su due esemplari. Gli esperti sono quasi certi che il decesso degli altri pellicani sia dovuto alla stessa causa.

È stata emessa l'ordinanza per una zona di sicurezza del raggio di 3 km e una zona di sorveglianza di 10 km dal luogo in questione. Inoltre, sono state introdotte misure restrittive per lo spostamento del pollame e la caccia alla selvaggina è stata vietata.



L'Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie riporta di altri casi simili sul territorio bulgaro negli ultimi mesi.

11 febbraio 2015 - Sono state confermate due nuove positività al virus dell'influenza aviaria sottotipo H5N1, da campioni prelevati da un piccione e un gabbiano rinvenuti morti. I volatili sono stati ritrovati nella regione di Burgas, già interessata dai precedenti focolai.

4 febbraio 2015 - È stato confermato un secondo caso di influenza aviaria ad alta patogenicità sottotipo H5N1. La positività è stata rilevata in animali da cortile (galline) nel villaggio di Konstantinovo - municipalità di Kameno, situata sulle coste del lago Mandra, zona con elevata presenza di volatili selvatici e migratori. Tutti gli animali presenti nell'allevamento positivo e quelli presenti negli allevamenti rurali confinanti con il focolaio sono stati abbattuti.

26 gennaio 2015 - Le autorità sanitarie bulgare hanno confermato un caso di influenza aviaria ad alta patogenicità - sottotipo H5N1 in un pellicano (Pelecanus crispus) rinvenuto morto sulle coste del Mar Nero nella regione di Burgas, in Bulgaria. Sono state istituite le zone di protezione e sorveglianza. All'interno di quest'ultima sono presenti due allevamenti commerciali, uno di galline ovaiole e uno di selvaggina. Gli altri allevamenti presenti nelle zone di restrizione sono tutti a carattere rurale.

Oltre al pellicano, è stato trovato morto anche un gabbiano testa nera (Chroicocephalus ridibundus), in seguito risultato negativo ai test per influenza aviaria. Entrambi sono stati rinvenuti durante le attività di sorveglianza passiva attuate nell'ambito del programma definito a livello comunitario.

La regione di Burgas si trova nell'area protetta di "Poda", importante area di sosta per molti migratori.






Commenta questa notizia



Notizie

01.04.2015La corruzione nell’Europa dell’Est? Soprattutto nella sanità
31.03.2015Osservatorio Balcani e Caucaso in pericolo
29.03.2015Il calcio bulgaro e l'Italia. Intervista del sito "Voci di Sport" ad Elena Chahanova
28.03.2015Bulgaria: pellicani trovati morti per l'influenza aviaria
27.03.2015Bulgaria e Italia si sfidano a Sofia per le qualificazioni agli Europei di calcio del 2016
27.03.2015Sofia: conferenza internazionale “Per una giusta politica economica e sociale”
26.03.2015I tesori traci della Bulgaria in mostra al Louvre di Parigi



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)