Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  
Foto: sportal.bg
Foto: sportal.bg

Bulgaria e Italia si sfidano a Sofia per le qualificazioni agli Europei di calcio del 2016

27.03.2015

Sabato sera, 28 marzo 2015, alle 20.45 (ora italiana) Bulgaria e Italia si affronteranno allo stadio nazionale "Vassil Levski" di Sofia per le qualificazioni agli Europei 2016. La partita sarà trasmessa in Italia da RAI1 e in streaming su Rai.tv, mentre in Bulgaria sarà trasmessa dal primo canale Televisione Nazionale (BNT), con fischio d'inizio alle ore 21.45 locali. Per presentare la partita, ed in particolare la squadra bulgara proponiamo un articolo di Giuseppe Floriano Bonanno scritto per il sito "Voci di Sport" [Bulgaria-Italia]

La Nazionale di calcio bulgara, prossima avversaria dell'Italia sulla strada verso Euro 2016, ha finora raccolto, nel girone H, 4 punti, frutto di una vittoria (in trasferta contro l'Azerbaijan), due sconfitte (contro la Croazia a Sofia ed in Norvegia) ed un deludente pareggio, nell'ultima esibizione interna, contro Malta, realizzando 4 reti e subendone 5.

Sabato sera Bulgaria ed Italia si affronteranno per la diciottesima volta nella storia. Il bilancio, a favore degli azzurri: 9 vittorie, 6 pareggi e 2 sconfitte. Il più recente incrocio risale alle qualificazioni mondiali del 2014: la Bulgaria di Luboslav Penev fermò gli Azzurri di Cesare Prandelli sul 2-2 a Sofia, venendo sconfitta, nel match di ritorno per 1-0 con gol di Alberto Gilardino.

Ci sono anche il centrocampista del Palermo Chochev e l'attaccante della Ternana Bojinov fra i 23 convocati del nuovo C.T. della Bulgaria, Ivaylo Petev, per la gara del 28 marzo al Vasil Levski di Sofia. Per Bojinov si tratta della prima chiamata dall'amichevole contro il Kazakhstan del giugno 2013. Un altro ritorno è quello del terzino destro del Partizan Belgrado, Ivan Bandalovski, la cui ultima presenza in nazionale risaliva addirittura all'ottobre 2012, nella sfida con la Danimarca per un posto ai Mondiali.

Questo l'elenco completo dei convocati: portieri: Nikolay Mihaylov (Mersin), Vladislav Stoyanov (Ludogorets), Bozhidar Mitrev (Lokomotiv Sofia); difensori: Ventzislav Vasilev (Cska Sofia), Ilija Milanov (Litex Lovech), Aleksandar Aleksandrov (Ludogorets), Georgi Terziev (Ludogorets), Yordan Minev (Ludogorets), Nikolay Bodurov (Fulham), Petar Zanev (Amkar Perm), Ivan Bandalovski (Partizan); centrocampisti: Stanislav Manolev (Kuban Krasnodar), Ivajlo Chochev (Palermo), Simeon Slavchev (Bolton), Georgi Milanov (Cska Mosca), Svetoslav Dyakov (Ludogorets), Vladimir Gadzhev (Levski Sofia), Mihail Aleksandrov (Ludogorets), Kristiyan Malinov (Litex Lovech); attaccanti: Aleksandar Tonev (Celtic), Ivelin Popov (Kuban Krasnodar), Ilijan Micanski (Karlsruhe), Valeri Bojinov (Ternana).

La Bulgaria, nella sua storia, ha attraversato lunghi periodo bui, ogni tanto squarciati da estemporanei, fulgidi, momenti di gloria. Attualmente occupa il 78º posto del Ranking FIFA.

Nelle sue fila hanno militato in passato grandi giocatori, il capocannoniere assoluto, con 48 gol, è Dimităr Berbatov, il recordman di presenze, con 106 cap, è invece Stilijan Petrov.

La Nazionale bulgara scese in campo per la prima volta nel 1924, esattamente il 21 di maggio, per affrontare l'Austria, da cui subì una durissima sconfitta per 6-0. La sua crescita fu però costante ed in pochi anni riuscì a fregiarsi di ben tre vittorie nella Coppa dei Balcani: precisamente nel 1931, 1932 e 1935, ma non riuscì tuttavia a qualificarsi per le edizioni dei mondiali del 1934 e del 1938.

La prima grande manifestazione internazionale a cui riuscì a partecipare furono i Giochi Olimpici del 1952, ma venne subito eliminata dalla fortissima Unione Sovietica. Molto meglio riuscì invece a fare nell'edizione successiva, quella di Melbourne nel 1956, in cui conquistò la medaglia di bronzo. La sua prima volta ai Mondiali fu invece nell'edizione cilena del 1962, dove non riuscì però a superare il girone iniziale, anche a causa dell'umiliante 6-1 subito dall'Ungheria, ma si tolse la grande soddisfazione di bloccare sullo 0-0 i "maestri" inglesi.

Erano anni in cui, grazie all'interesse per lo sport del regime, i migliori talenti venivano svezzati e fatti crescere tra i sacri confini, ma ciò rese possibile un innalzamento del livello generale che permise alla Bulgaria di qualificarsi per tre edizioni consecutive dei mondiali: quelli del 1966, 1970, 1974, e di vincere la sua quarta edizione della Coppa dei Balcani nel 1976. Saranno necessari però altri dieci anni per registrare il primo grande exploit ai mondiali: la conquista degli ottavi di finale in Messico, nel 1986, quando, superato il turno grazie anche al pareggio contro l'Italia, i bulgari finirono la loro corsa sconfitti 2-0 proprio dai padroni di casa.

Ma è nel 1994 che la Bulgaria conobbe il suo momento più esaltante. La strada cominciò nel duro girone di qualificazione, in cui la Bulgaria battè a Parigi la Francia per 2-1, con un gol all'89' di Emil Kostadinov, eliminando i transalpini e qualificandosi al torneo iridato. Negli Stati Uniti, guidata da campioni come Hristo Stoičkov, Krasimir Balakov e Jordan Lečkov, facenti parte insieme ad altri compagni di squadra di quella che in Bulgaria è chiamata la "Generazione d'oro", la Nazionale superò il primo turno nonostante la battuta d'arresto iniziale con la Nigeria, sconfiggendo anche l'Argentina. Superati, nei turni ad eliminazione a diretta, il Messico e la Germania, i bulgari approdarono in semifinale, a New York, avversario l'Italia di Arrigo Sacchi, come andò a finire lo sappiamo tutti, gli azzurri si imposero per 2-1 con una doppietta di Roberto Baggio. Nella finale per il terzo posto una Bulgaria, ormai paga e sfiduciata, si arrese quasi senza combattere contro la Svezia: finì 4-0 per gli scandinavi.

Due anni dopo, al Campionato europeo 1996, una brillante Bulgaria sfiorò l'accesso ai quarti di finale, sconfitta dalla Francia per 3-1 nella terza, decisiva, partita del girone, dopo il pareggio per 1-1 con la Spagna e la vittoria per 1-0 contro la Romania. Alla fase finale dei Mondiali francesi del 1998, in coincidenza con il tramonto della "Generazione d'oro", la Bulgaria fu eliminata al primo turno, come nell'Europeo portoghese del 2004 finendo ultima in un girone che comprendeva Danimarca, Svezia e Italia.


Le sfide con la Bulgaria - Ricordi Azzurri 2013


Autore: Giuseppe Floriano Bonanno
Fonte: Voci di Sport




Commenta questa notizia



Notizie

31.03.2015Osservatorio Balcani e Caucaso in pericolo
29.03.2015Il calcio bulgaro e l'Italia. Intervista del sito "Voci di Sport" ad Elena Chahanova
28.03.2015Bulgaria: pellicani trovati morti per l'influenza aviaria
27.03.2015Bulgaria e Italia si sfidano a Sofia per le qualificazioni agli Europei di calcio del 2016
27.03.2015Sofia: conferenza internazionale “Per una giusta politica economica e sociale”
26.03.2015I tesori traci della Bulgaria in mostra al Louvre di Parigi
25.03.2015Intervista a Moni Ovadia: “Trasponde” di identità incerte



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)