Home | Notizie | Forum | Club | Cerca  Bulgaro
Subscribe
Share/Save/Bookmark
     
           Utente: non registrato, entra
  


In Bulgaria l’aria più inquinata d’Europa

14.01.2015

Migliaia di morti ogni anno, la maggior parte dei quali sono bambini. Il paese ha il primato in Europa per danni causati da polveri sottili. E il principale nemico sono le centrali a carbone

Lente, silenziose e invisibili, talmente piccole da poter penetrare ovunque: le polveri sottili sospese in aria ogni anno fanno migliaia di vittime in tutta Europa, molte delle quali sono bambini. Quando si parla di aria inquinata, la Bulgaria è la pecora nera dell'Unione europea, visto che il paese presenta il più alto tasso di inquinamento atmosferico (seguito da Polonia, Slovacchia e Italia), dovuto all'enorme concentrazione dei due principali tipi di particelle tossiche nell'aria, la PM2,5 e la PM10.

I dati, pubblicati lo scorso dicembre dall'Health and Environment Alliance (HEAL) - organizzazione europea non-profit che affronta temi legati all'impatto dell'ambiente sulla salute dei cittadini nell'Unione europea - hanno evidenziato, infatti, come la concentrazione di polveri sottili sospese in aria in Bulgaria vada oltre ai livelli minimi stabiliti dall'Ue e a quelli raccomandati dall'Organizzazione Mondiale della Sanità.

Polveri sottili killer

Il particolato atmosferico, insieme di particelle solide e liquide generate da diversi processi di combustione, viene considerato oggi uno degli inquinanti più pericolosi delle aree urbane, perché capace - considerate le sue dimensioni - di insediarsi nelle zone più profonde del corpo, provocando in poco tempo patologie acute. Le particelle, infatti, hanno un diametro inferiore ai 10 µm (nel caso del particolato PM10) e agli 2,5 µm (PM2,5). Le polveri più fini, inferiori ai 2,5 micron, ossia a un quarto di centesimo di millimetro, sono dette polveri toraciche poiché in grado di penetrare profondamente nel torace, specie durante la respirazione per via orale.

Secondo l'American Thoracic Society, "ad alte concentrazioni di particolato lo sviluppo della funzione polmonare nei bambini viene ridotta". L'esposizione a questo tipo di inquinanti è in grado di innescare, infatti, casi di asma, peggiorare una malattia respiratoria precedentemente esistente e provocare lo sviluppo o la progressione di malattie croniche, tra cui la BPCO (Broncopneumopatia cronica ostruttiva), l'enfisema e il cancro ai polmoni. Nel mondo, secondo la European COPD Coalition - il numero di decessi per BPCO sarebbe aumentato di più del 60% nel corso degli ultimi 20 anni.

Nel dettaglio le misurazioni chimiche hanno evidenziato che i livelli di PM2,5 e PM10 in Bulgaria superano di molto la media a livello europeo, come sottolineato nell'ultimo rapporto sulla qualità dell'aria in Europa dell'Agenzia europea dell'ambiente, AEA (European Environmental Agency) i cui dati vengono aggiornati online grazie ad AirBase, database interattivo che tiene sotto controllo i livelli di concentrazione di diversi inquinanti sospesi in aria e prende provvedimenti in caso di gravi anomalie.

La concentrazione annua di PM2,5 e PM10 nell'aria bulgara è rispettivamente di 23 e 43 μg/m3, quindi vicino e superiore al valore limite stabilito dall'UE che è di 25 μg/m3 nel caso di PM2,5 e di 40 μg/m3 per il PM10. Di gran lunga superiore invece a quello raccomandato dall'OMS: di 10 μg/m3 per il PM2,5 e 20 μg/m3 per il PM10.

Il prezzo da pagare

Una delle principali cause dell'alta concentrazione di polveri sottili in Bulgaria sono le centrali a carbone che ogni anno emettono diverse migliaia di tonnellate di sostanze inquinanti nell'aria, rendendo la situazione sempre più critica. La centrale termica Maritsa Iztok, situata nel villaggio di Kovachevo, nel sud-ovest del paese, rappresenta il più grande complesso energetico, non solo nazionale, ma anche dell'Europa sud-orientale. Ed è considerata anche la centrale a carbone più inquinante d'Europa. Con le sue tre stazioni a lignite, Maritsa Iztok rilascia nell'aria notevoli quantità di particolato, diossido di zolfo e ossido di azoto, quest'ultimo protagonista nella formazione dell'ozono.

Altre sostanze pericolose emesse dalle ciminiere delle centrali elettriche a carbone sono metalli pesanti, come il mercurio, gli inquinanti organici persistenti (POP) come le diossine, e le sostanze chimiche policicliche aromatiche (IPA). Preoccupazione maggiore per la salute, in particolare quella dei bambini, nasce dalle grandi emissioni di mercurio, potente neurotossina che può danneggiare seriamente il cervello e il sistema nervoso in via di sviluppo, con conseguenze sul pensiero cognitivo, la memoria, l'attenzione e il linguaggio.

La pubblicazione The Unpaid Health Bill, How coal power plants make us sick indica che ogni anno in Europa ci sono circa 18.200 morti premature dovute all'aria inquinata emessa dalle centrali a carbone, 2.000 delle quali (si stima) riguardino la Bulgaria.

Recentemente è stata annunciata la chiusura provvisoria di una delle centrali elettriche a carbone, quella di Varna, situata nel nord-est del paese, la seconda più grande della Bulgaria, di proprietà della società energetica ceca CEZ. Le ragioni sono ovvie: causa il mancato rispetto delle norme ambientali stabilite dall'Unione europea la centrale non potrà riprendere la propria attività fino al fattivo adeguamento alle norme.


Autore: Nataša Stuper
Fonte: Osservatorio Balcani e Caucaso


Per approfondire: Notizie di Economia



Commenta questa notizia



Notizie

17.01.2015Bulgaria: mal d'Europa?
16.01.2015Da aprile la metro di Sofia aumenterà la frequenza delle corse
15.01.2015Sofia 1973: Berlinguer doveva morire?
14.01.2015In Bulgaria l’aria più inquinata d’Europa
13.01.2015Arrestato in Bulgaria un francese sospettato di legami con i Kouachi
13.01.2015100 anni di cinema bulgaro
12.01.2015Bruxelles: Boyko Borissov incontra i commissari per la Programmazione finanziaria e l’Unione energetica della UE


Ambiente | Cronaca | Cultura | Economia | Esteri | Lavoro | Migrazioni | Politica | Sport
Speciali: Presidenza UE2018 | Iraq | Libia | NATO | Basi USA | Unione Europea | Due operaie morte | 1989-2009
News Feeds: Italiano | Inglese | Bulgaro
Tutte le Notizie | Новини на Български | Parole Famose | RSS

Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn
    Notizie
  Premio "Nicola Ghiuselev" 2019
Import-Export della Bulgaria dei primi mesi del 2019
Teatro: "Scaramouche" a Sofia e Sozopol
Alberto Gandolfo con "Quello che resta" al Fotofabrika Festival Sofia
Bulgaria: investimenti nella tutela ambientale e innovazione

Tutte le notizie
    Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura
Arte in Bulgaria
Biblioteca
Cinema bulgaro
Lingua e cultura italiana
Storia della Bulgaria
Letteratura
Lingua Bulgara
Monasteri
Musica
Poesia
Teatro
Traci

Città e Località
Sofia
Plovdiv
Varna
Burgas
Koprivshtitza
Bansko
Borovets
Pamporovo

Economia
Agricoltura
Banche e Finanza
Energia
Fiere
Infrastrutture
Investimenti
Telecomunicazioni

Folklore
Cucina bulgara
Fiabe
Nestinari
PopFolk e Chalga
Valle delle Rose
Vampiri

Informazioni
Mappa
Inno Nazionale
Scheda Paese
Dizionario IT-BG

Notizie

Ambiente
Cultura
Cronaca
Economia
Esteri
Lavoro
Immigrazione
Politica
Sport

Bulgaria e ...
Iraq
Libia
NATO
Basi USA
Unione Europea
Monografie

Politica e Governo
Ambasciate
Ambasciata di Bulgaria
Ambasciata d'Italia
Istituzioni
Politica ed Elezioni
Legislazione italiana

Società
Bulgari in Italia
Diritti umani
Informazione
Radio Bulgaria
Sindacati
Sport
TV Bulgaria

Turismo
Alberghi
Appunti di Viaggio
Fai da te
Informazioni Valutarie
Montagna
Viaggio in Aereo
Viaggio in Auto
Viaggio in Bici
Viaggio in Camper

    Notizie
  Temi
Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Esteri
Lavoro
Migrazioni
Politica
Sport

Speciali
Presidenza UE2018
Iraq
Libia
NATO
Basi USA
Unione Europea
Due operaie morte
1989-2009
Parole Famose

News Feeds
(rss)
Italiano
Inglese
Bulgaro

Media bulgari
(english)
BTA
Sofia News Agency
Sofia Globe

Новини на Български
 
Tutte le Notizie | RSS