Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  


La centralità della Bulgaria nelle strategie eurasiatiche della Russia

26.11.2014

La nuova fase politica in Bulgaria caratterizzata dall'elezione di Borisov alla guida di un governo di minoranza, potrebbe rappresentare una delle pagine più importanti per il Paese soprattutto in politica estera.
Nella "partita del gas" tra Russia ed Unione Europa, la Bulgaria rivelerebbe tutta la sua centralità geopolitica convincendo Putin ad iniziare nuove strategiche relazioni. La cooperazione potrebbe seguire quella che nei Balcani hanno promosso Bulgaria, Ungheria e Austria in merito al ripristino dei lavori del South-Stream.
La conclusione del gasdotto aumenterebbe la leadership russa all'interno del settore energetico che, oltre al North-Stream nel Mar Baltico, permetterebbe alla Russia di aggirare il campo minato ucraino, uno dei governi più ostili come quello romeno, il Bosforo ed il Dardanelli. Inoltre, il South-Stream ridurrebbe l'importanza dell'altro gasdotto bulgaro voluto dall'Unione Europea, il Nabucco, ufficializzando per quest'ultima una doppia sconfitta dopo le sanzioni contro Mosca.

La scarsa informazione dei media occidentali sugli avvenimenti politici legati alla Bulgaria non tolgono al Paese l'importante ruolo all'interno della regione dei Balcani e, soprattutto, all'interno del blocco eurasiatico. La centralità della Bulgaria sembra essere riemersa, sia da un punto geopolitico che strategico, in una delle pagine più negative della sua storia nazionale.

Le elezioni di inizio ottobre, infatti, sembrano aprire una nuova fase di instabilità politica rappresentata dall'elezione di Boyko Borisov, leader del partito GERB, che governerà in un esecutivo di minoranza dopo l'uscita dalla coalizione del Partito Patriottico poco prima dell'investitura dei nuovi ministri.

Oltre ai problemi strutturali del Paese, il nuovo Governo bulgaro dovrà affrontare seriamente gli accordi e gli obiettivi presi nei mesi scorsi in politica estera. Nonostante il neo Capo del Governo sia deciso a mantenere una chiara posizione euro-atlantica, tale orientamento, in linea con quelle del vecchio governo socialista di Plamen Orešarski, sembra poter subire un svolta verso nuove strategie capaci di ripercuotersi in campo europeo e non solo.

Una delle sfide principali della Bulgaria si giocherà sul campo della cooperazione con Mosca nel settore energetico. Le tensioni tra Russia e Ucraina, con le conseguenti sanzioni europee contro il Cremlino, hanno avuto gravi ripercussioni nel tessuto sociale bulgaro. La Bulgaria dipende per oltre l'85% del suo fabbisogno nazionale dal gas russo, che arriva tramite un gasdotto che attraversa anche Ucraina e Romania.

Quest'ultimo, secondo le dichiarazioni del Ministro dell'Energia, che ha convocato in questi giorni il Consiglio per le Crisi, ha smesso di erogare la fornitura prevista. Le inadempienze russe, non causate da decisione del Cremlino, vengono attualmente sostituite da Sofia con gli approvvigionamenti del giacimento bulgaro di Chiren che, però, prevede il passaggio dalle centrali di riscaldamento da gas a olio combustibile.

Anche all'interno del settore agricolo, il Ministero degli Affari Esteri bulgaro ha da poco ufficializzato i dati inerenti la perdita di oltre dieci milioni di lev a causa dei blocchi commerciali contro Mosca.

Tale scenario sembra condurre il neo premier Boyko Borisov ad un cambio di strategie iniziato a delinearsi durante gli ultimi lavori diplomatici svolti con Ungheria prima ed Austria poi. Durante questi appuntamenti, dove si è palesata la volontà politica del nuovo Governo di Sofia, il Presidente bulgaro Rosen Plevneliev ha definito di prioritaria importanza il ripristino e la celere conclusione dei lavori del gasdotto South-Stream.

Evitare drammi come quelli dell'inverno 2009, quando gran parte del Paese rimase senza rifornimenti energetici per quasi un mese, andrebbe di pari passo ad una sempre più stretta relazione tra i Paesi balcanici e la Russia. Le parole di Rosen Plevneliev hanno dato ragione all'Ambasciatore russo presso l'Unione Europea, Vladimir Chizhov, che aveva definito il blocco dei lavori del South-Stream lo scorso giugno una «decisione politica», da interpretare nel più ampio quadro delle sanzioni europee contro la politica di Vladimir Putin.

Proprio la costruzione del gasdotto, proveniente dalla Russia e che oltrepassa il Mar Nero, era stata bloccata dagli Stati Uniti d'America e dalla stessa Bruxelles, nonostante garantisca, insieme al suo gemello North-Stream sul Mar Baltico, certezze sugli approvvigionamenti energetici ai Paesi dell'Unione Europea. Mentre il Congresso degli Stati Uniti aveva riferito all'ex premier Plamen Orešarski di disporre la sospensione dei lavori del South-Stream in chiara ottica anti-Russia, la Commissione Europea impugnava l'intera normativa comunitaria sulla libera concorrenza contro i lavori del gasdotto in Bulgaria, interrompendo il progetto per l'assenza di un terzo partner in grado di concorrere commercialmente con la russa Gazprom.

Rispetto allo scorso giugno, qualora la Bulgaria riuscisse a completare i lavori del South-Stream e a rispettare la legislazione europea, la Russia riuscirebbe ad aggirare - sebbene in parte - il campo minato creato dal Governo filoeuropeo di Kiev.

La Romania e la stessa Ucraina, Paesi di transito del gasdotto che ad oggi conduce l'energia verso la Bulgaria, rappresentano i due Paesi dei Balcani euroasiatici più ostili alla già forte leadership di Putin. L'unità d'intenti fuoriuscita dagli incontri tra i Presidenti di Bulgaria, Ungheria e Austria, quest'ultima decisa addirittura a sostenere i costi della conclusione del South-Stream, condurrebbe ad un ulteriore diminuzione delle forniture proprio in Ucraina e in Romania e, conseguentemente, ad un isolamento dei due stessi Paesi.

In tal caso, appare assai difficile che Kiev e Bucarest possano ricevere aiuti energetici da un'Unione Europea che, a sua volta, dipende per circa 1/3 dalle forniture provenienti dalla Russia. Inoltre, la Bulgaria potrebbe divenire uno dei centri logistici strategicamente più importanti per Mosca, non solo per i due gasdotti gemelli presenti nel Mar Baltico e nel Mar Nero.

Le nuove relazioni tra i due Paesi potrebbero condurre Boyko Borisov ad implementare il ruolo del Paese all'interno dei Balcani grazie al rispristino di due vecchi progetti di fondamentale importanza nella "partita del gas": il Belene Nuclear Power Plant, presente nella regione di Pleven, e il gasdotto Burgas-Alexandropoli. Se il primo progetto sembra essere ormai bloccato a causa dei numerosi rischi ambientali, il progetto del Dzhugba-Burgas-Alexandropoli condurrebbe Mosca a bypassare punti geopolitici importanti come quello del Bosforo e dei Dardanelli. Dopo il blocco dei lavori avvenuto tra il 2009-2013 a causa dell'opposizione delle comunità locali, il gasdotto riuscirebbe grazie alla sua bipartizione a rifornire l'Italia meridionale dopo essere passato per la Grecia, attraverserebbe inoltre l'Italia del nord arrivando in Serbia, Ungheria, Slovenia ed infine in Austria.

Tale progetto era stato in realtà riconsiderato dall'ex premier Plamen Orešarski e attualmente potrebbe rientrare nell'agenda del Governo di Boyko Borisov; questo accoglimento consentirebbe al Paese di rispettare gli accordi contrattuali siglati dalla Gazprom e dalla Bulgarian Energy Holding.

I nuovi possibili progetti di cooperazione tra Mosca e Sofia nel settore energetico potrebbero ampliarsi anche su altri piani, come quello della sicurezza militare.

La Nato ha imposto nei mesi scorsi alla Bulgaria una modernizzazione del proprio esercito, distaccandosi dalla dipendenza russa ed acquistando nuovi radar 3D come previsto dal Piano 2020 avente l'obiettivo di garantire sicurezza militare ad ogni singolo Stato. Tuttavia, Boyko Borisov aveva dichiarato prima della sua elezione di non voler rispettare lo stesso programma militare della Nato, in quanto la Bulgaria non dispone di fondi sufficienti.

Le decisioni di Sofia potrebbero focalizzare nel Paese le "attenzioni" della Commissione Europea e della stessa Nato, che ha già dichiarato di voler avallare una procedura d'infrazione contro il Paese. Il riavvicinamento tra Bulgaria e Russia, soprattutto se incentrato sui piani di sviluppo del settore energetico, rappresentano per le politiche dell'Unione Europea una doppia sconfitta.

La possibile conclusione dei lavori del South-Stream eliminerebbe di fatto qualsiasi funzione strategica del Nabucco, altro gasdotto che attraversa la Bulgaria e che collega la Turchia all'Austria. Il progetto, fortemente voluto dall'Unione Europea proprio per sostituirsi alle dipendenze del gas russo, oggi sembra essere superato da Mosca nonostante le attuali sanzioni.

L'articolo è stato pubblicato il 22 novembre sul sito di Eurasia - Rivista di studi geopolitici.


Autore: Francesco Trupia
Fonte: Eurasia - Rivista di studi geopolitici


Per approfondire: Notizie di Economia


Links


Commenta questa notizia



Notizie

29.11.2014Siena: presepe artistico dello scultore bulgaro Ivan Dimitrov
28.11.2014Europei pallavolo maschile 2015: Milano, Torino, Sofia e Varna le città ospitanti
27.11.2014Il Consolato Generale bulgaro a Milano ha ripreso l’attività
26.11.2014La centralità della Bulgaria nelle strategie eurasiatiche della Russia
25.11.2014Bansko Film Fest: dal 25 al 30 novembre il cinema di montagna in Bulgaria
24.11.2014Le nuove schiavitù dalla “Fiera dell’Est”
22.11.2014Sofia: Riunione generale di astrofisica nucleare - MAGIC



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)