Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  


Niente ironia, questa è Bulgaria - Ivan Kulekov: aforismi sulla transizione

12.11.2014

Ecco come lo scrittore satirico bulgaro Ivan Kulekov descriveva la situazione nei primi anni novanta. A 25 anni dai cambiamenti del 1989, ci sembra interessante rileggere le parole graffianti con cui questo originale intellettuale fotografava il sentimento dei bulgari. Svanita l'effimera illusione di diventare presto come l'Occidente, si trovavano ad dover affrontare la mutata realtà del paese. [Bulgaria-Italia]

Un senzacasa bulgaro dormiva per strada su un vecchio cartone di televisore marca «Sofija», sognando l'occidente. Passarono di lì gli attivisti del Partito Nazionalista e gli spaccarono il suo sporco muso, ma per fortuna del barbone passarono anche i membri del Partito Europeista, che gli portarono un cartone di frigorifero «Philips».

La gente in Bulgaria mangiava e beveva coi suoi sorveglianti tre volte al giorno, ma un giorno i guardiani non si presentarono a cena e la gente si spaventò. S'irrigidirono tanto dalla paura che non riuscivano più a toccare un boccone o riempire il bicchiere. Nel resto del mondo si venne a sapere che i bulgari non mangiavano né bevevano e molte persone cominciarono a spedire ogni genere di cibi, bevande e denaro. Ma le notizie che la Cnn e «Le Monde» davano della Bulgaria rimanevano le stesse. Allora da tutto il mondo vennero di persona a vedere che cosa succedeva in Bulgaria e constatarono che in Bulgaria c'era da mangiare e da bere e dei soldi, ma non c'erano più abitanti.



Dopo una lunga siccità, la radio bulgara trasmise un bollettino sul livello delle acque del fiume Danubio. Vienna aumento di sei metri, Bratislava aumento di sei metri, Budapest aumento di sei metri, sponda bulgara: nessuna variazione. «E' assurdo che continui a portare acqua nel cavo delle mani, il livello qui si può innalzare solo con le lacrime» disse un bulgaro a un altro, e gettò la lenza nell'acqua torbida.

«Dici che erano 33.000 fanatici che scandivano slogan? Ma erano dei nostri! E noi non siamo mica fanatici! Noi non siamo fanatici! Noi non siamo fa-na-ti-ci! No-oi-no-on sia-mo FA-NA-TI-CI!!!»

Articolo pubblicato da L'Unità il 24 agosto 1992 - nostra selezione di immagini e disegni di Ivan Kulekov


Autore: Ivan Kulekov
Traduzione: Danilo Manera



Links


Commenta questa notizia



Notizie

15.11.2014Around the Black Sea...
14.11.2014Il pianista bulgaro Evgeni Bozhanov torna a suonare nelle sale da concerto italiane
13.11.2014"Viva la libertà" di Roberto Andò al festival bulgaro del cinema Kinomania
12.11.2014Niente ironia, questa è Bulgaria - Ivan Kulekov: aforismi sulla transizione
12.11.2014Partenza col botto! Ai nuovi ministri e parlamentari bulgari subito un aumento di stipendio
11.11.2014Il calcio ai tempi della Grande Guerra
10.11.2014Forlì: la letteratura bulgara in Italia presentata dal Prof. Giuseppe Dell'Agata



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)