Home | Notizie | Forum | Club | Cerca  Bulgaro

Subscribe
Share/Save/Bookmark
     




           Utente: non registrato, entra

Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn
    Notizie


 
Import-Export della Bulgaria dei primi mesi del 2019
Teatro: "Scaramouche" a Sofia e Sozopol
Alberto Gandolfo con "Quello che resta" al Fotofabrika Festival Sofia
Bulgaria: investimenti nella tutela ambientale e innovazione
Europee in Bulgaria: vince Borisov, astensione record
   
Tutte le notizie

    Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura
Arte in Bulgaria
Biblioteca
Cinema bulgaro
Lingua e cultura italiana
Storia della Bulgaria
Letteratura
Lingua Bulgara
Monasteri
Musica
Poesia
Teatro
Traci

Città e Località
Sofia
Plovdiv
Varna
Burgas
Koprivshtitza
Bansko
Borovets
Pamporovo

Economia
Agricoltura
Banche e Finanza
Energia
Fiere
Infrastrutture
Investimenti
Telecomunicazioni

Folklore
Cucina bulgara
Fiabe
Nestinari
PopFolk e Chalga
Valle delle Rose
Vampiri

Informazioni
Mappa
Inno Nazionale
Scheda Paese
Dizionario IT-BG

Notizie

Ambiente
Cultura
Cronaca
Economia
Esteri
Lavoro
Immigrazione
Politica
Sport

Bulgaria e ...
Iraq
Libia
NATO
Basi USA
Unione Europea
Monografie

Politica e Governo
Ambasciate
Ambasciata di Bulgaria
Ambasciata d'Italia
Istituzioni
Politica ed Elezioni
Legislazione italiana

Società
Bulgari in Italia
Diritti umani
Informazione
Radio Bulgaria
Sindacati
Sport
TV Bulgaria

Turismo
Alberghi
Appunti di Viaggio
Fai da te
Informazioni Valutarie
Montagna
Viaggio in Aereo
Viaggio in Auto
Viaggio in Bici
Viaggio in Camper

  


I bulgari protestano contro il TTIP ed il gas di scisto

15.10.2014 - Sofia

Centinaia di bulgari hanno partecipato alle iniziative svoltesi in otto città della Bulgaria, nell'ambito della protesta paneuropea contro il trattato transatlantico per il commercio e gli investimenti (TTIP - Transatlantic Trade and Investment Partnership). A Sofia i dimostranti si sono riuniti nel pomeriggio presso il monumento "Patriarca Evtimii" (noto come il "Pop") con le parole d'ordine "No al potere delle multinazionali", "No alla democrazia di mercato", " Stop TTIP " e "Shale gas - non per noi ".

I manifestanti bulgari si sono uniti a migliaia di europei hanno protestato in oltre 400 città del continente contro il potere delle multinazionali nella Giornata europea di azione per fermare TTIP, CETA (Comprehensive Economic and Trade Agreement) e TiSA (Trade in Services Agreement).

La protesta è stata organizzata da "Bulgaria Solidale", dell'associazione ecologica "Per la Terra", da "Bulgaria libera dal Fracking", dal Centro Sociale "Haspel", dai partiti politici "Sinistra bulgara", "I Verdi" e "Partito Verde". Hanno partecipato anche scienziati, come i due ex presidenti dell'Accademia Bulgara delle Scienze, l'accademico Blagovest Sendov ed l'accademico Ivan Yuhnovski, intellettuali e noti giornalisti.

Ivo Hristov di "Bulgaria Solidale", ha dichiarato che "la protesta non è anti-europea, come si suppone sarebbe definita dai conformisti, che vedono la UE solo come un percorso di carriera. Al contrario, la protesta è la prova lampante che i bulgari sono consapevoli del loro destino comune agli europei e combattono per i loro diritti a fianco di tutti gli altri cittadini dell'UE. La firma di TTIP priverà lo stato della capacità di attuare proprie politiche sociali e ambientali, poiché ciascuno dei suoi atti potrà essere impugnato da parte degli investitori davanti ad un tribunale di arbitrato internazionale. Un aumento del salario minimo o l'imposizione di una tassa ambientale potrebbe essere interpretato come un pericolo per i profitti aziendali. Così gli stati saranno ridotti ad amministrazioni locali e la democrazia sarà usurpata e sostituita dalla corporatocrazia."

Secondo Hristov,"l'accordo di libero scambio tra i due colossi economici, Stati Uniti e Unione europea, potrebbe avere un impatto positivo, se fosse fatto per frenare i vizi della globalizzazione aggressiva, se chiudesse le zone off-shore, dove le nostre tasse trovano un rifugio sicuro, e regolasse i mercati finanziari. Invece TTIP stimolerà i vizi del mercato, inietterà dosi massicce di ultraliberismo nell'economia e sarà devastante nel medio termine."

Dal palco Vania Grigorova di "Solidale Bulgaria" ha affermato che "nella sua essenza il TTIP è un colpo di stato contro la democrazia, con il quale le multinazionali mirano al potere supremo. Se questo accordo entrerà in vigore non importerà più chi scegliamo per governarci. La voce del popolo non rappresenterà più nulla! I politici ed i partiti si sfideranno solo per la posizione di lacchè del business globale."

Secondo Mariana Hristova, uno dei volti di proteste contro gas di scisto, "dobbiamo imporre uno stretto controllo sull'applicazione e del rispetto del divieto di fracking e tutte le esplorazioni di gas non convenzionale".

Gli organizzatori della protesta chiedono che tutte le esplorazioni vengano sospese finché non è chiaro che cosa esattamente stanno facendo le compagnie del gas in Bulgaria, "perché le aziende dichiarano fuori della Bulgaria che producono con metodi non convenzionali, che si tratti di gas di scisto (shale gas), CBM (Coal Bed Methane - gas metano ricavato da giacimenti di carbone) o tight gas (gas da arenarie compatte) - che richiedono tutte il fracking (la tecnica della fratturazione idraulica). Le informazioni su questo emergono alla borsa americana, mentre qui (in Bulgaria) dichiarano che sono semplicemente sono alla ricerca di petrolio e gas e ricevono ogni permesso per l'accesso e l'operatività in qualsiasi luogo, in particolare nella regione della Dobrugia, dove sappiamo tutti, è estremamente pericoloso fare questo", ha avvertito Hristova.



Le richieste relative al TTIP sono incluse in una petizione da sottoporre al Consiglio dei ministri, al Parlamento e all'Amministrazione del Presidente. Sarà inoltre inviata a tutti i membri bulgari del Parlamento europeo.

La manifestazione di protesta, in cui centinaia di residenti di Sofia hanno preso parte, ha avuto avvio dal monumento del "Pop", ed è proseguita su viale "Patriarca Evtimii" verso la Rappresentanza della Commissione europea in carica della Bulgaria e si è conclusa davanti al Ministero dell'Economia, Energia e Turismo.

Questo è stata la prima iniziativa di protesta dopo l'elezione del nuovo parlamento bulgaro ed è un segnale per il futuro governo che il trattato transatlantico per il commercio e gli investimenti (TTIP) e il gas di scisto sono temi, che il nuovo esecutivo dovrà gestire sotto attento controllo civile.

Sulla base dell'articolo pubblicato da Solidarna Bulgaria


L'11 ottobre 2014 si è svolta la Giornata d'azione europea decentrata per fermare TTIP, CETA & TiSA

Movimenti, comitati, realtà della società civile e attivisti di tutta Europa si stanno opponendo a questi accordi da più di un anno. La loro motivazione è che questi accordi commerciali, che sono in discussione ora, minacciano le nostre democrazie già fragili e preparano la strada ad un nuovo attacco all'ambiente, ai sistemi sanitari, al cibo, all'occupazione, ai servizi pubblici, ai diritti digitali e a molto altro ancora.

  • TTIP - Il Transatlantic Trade and Investment Partnership (Partenariato Transatlantico su Commercio e Investimenti chiamato anche TAFTA, cioè Transatlantic Free Trade Agreement, Accordo di libero scambio transatlantico) viene negoziato tra USA e UE dal luglio 2013.
  • CETA - Il Comprehensive Economic Trade Agreement (Accordo economico e commerciale comprensivo) è stato già negoziato tra Unione europea e Canada e sta per essere finalizzato.
  • TiSA - Il Trade in Services Agreement (Accordo sul commercio dei servizi) è in trattativa tra 50 Paesi compresa l'Unione Europea.

Gli attivisti spiegano perché dobbiamo preoccuparci

Mentre i lobbisti delle corporation stanno giocando un ruolo sostanziale nei negoziati, l'opinione pubblica è stata taglia fuori. Tutti i negoziatori devono sottoscrivere un accordo di riservatezza. Non c'è accesso alle bozze dei testi dell'accordo - nemmeno per i membri del Parlamento europeo o dei Parlamenti nazionali - quindi la maggior parte delle cose che sappiamo arrivano da documenti che non avremmo mai dovuto avere. Ma la democrazia è incompatibile con la regola della segretezza.

Con la scusa di migliorare il commercio tra le due sponde dell'Atlantico, i regolamenti disegnati per difendere l'ambiente, i diritti dei lavoratori, i servizi pubblici e gli standard pensati per proteggere i consumatori, saranno ridotti nel minor tempo possibile al minimo comune denominatore. Questo si tradurrà, ad esempio, in una riduzione della regolazione sugli investimenti negli Stati Uniti e in standard più bassi di sicurezza alimentare o per l'utilizzo dei prodotti chimici in Europa.

Le corporation avranno il diritto di chiamare in giudizio gli Stati che introducessero leggi o regolamenti che potrebbero danneggiare i loro profitti. Questo accadrebbe attraverso meccanismi di arbitrato internazionale che bypasserebbero completamente la giustizia ordinaria. Questa forma di giustizia privata metterebbe a rischio l'intera giurisprudenza.

Per ulteriori informazioni su cosa gli attivisti stano organizzando a livello internazionale si può consultare http://www.stop-ttip-ceta-tisa.eu/it/


Autore: D.P.-P.M.




Commenta questa notizia



Notizie

17.10.2014La Carta di Roma tradotta in Bulgaria: “Nessuno spazio alle voci dei migranti”
16.10.2014"La musica? E' una parte di me". Intervista a Daniela Tsekova
16.10.2014Lo scrittore bulgaro Milen Ruskov vince il premio UE per la letteratura 2014
15.10.2014I bulgari protestano contro il TTIP ed il gas di scisto
13.10.2014Roberto Saviano: l'Italia è una democrazia con la mafia dentro. La Bulgaria una mafia con la democrazia dentro.
11.10.2014Mar Nero, mare di pace o teatro di guerra?
10.10.2014Una mostra e una Masterclass del fotografo italiano Ezio Ferreri a Sofia


Ambiente | Cronaca | Cultura | Economia | Esteri | Lavoro | Migrazioni | Politica | Sport
Speciali: Presidenza UE2018 | Iraq | Libia | NATO | Basi USA | Unione Europea | Due operaie morte | 1989-2009
News Feeds: Italiano | Inglese | Bulgaro
Tutte le Notizie | Новини на Български | Parole Famose | RSS
    Notizie
  Temi
Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Esteri
Lavoro
Migrazioni
Politica
Sport

Speciali
Presidenza UE2018
Iraq
Libia
NATO
Basi USA
Unione Europea
Due operaie morte
1989-2009
Parole Famose

News Feeds
(rss)
Italiano
Inglese
Bulgaro

Media bulgari
(english)
BTA
Sofia News Agency
Sofia Globe

Новини на Български
 
Tutte le Notizie | RSS

Home | Notizie | Forum | Club | Associazione | Annunci | Directory | Biblioteca | Meteo | Foto del giorno | Immagini | Parole famose | Cerca
Turismo | Hotel | Shop | Traduzioni | Appunti di Viaggio | Bulgari in Italia | Cartoline | Sondaggi | Dicono di noi | SocNet  Български English Русский Français Български (Автоматичен превод)
Contattaci Bulgaria-Italia