Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  
Slavoj Žižek a Varsavia (2009) - Foto: Mariusz Kubik [wikimedia]
Slavoj Žižek a Varsavia (2009) - Foto: Mariusz Kubik [wikimedia]

Slavoj Žižek: Uova rotte, ma nessuna frittata

10.07.2014

Solo una sinistra radicalizzata può salvare l'Europa.

Dopo il trionfo elettorale dei partiti euroscettici anti-immigrati in Francia e nel Regno Unito a maggio, molti liberali hanno espresso il loro shock e preoccupazione. Tuttavia, c'era una sorta di ingenuità finta nella loro indignazione e stupore per le vittorie di destra. Ciò che ci si dovrebbe chiedere è perché ci sia voluto alla destra anti-immigrati così tanto tempo per fare un passo avanti decisivo.

Quando Jean-Marie Le Pen, fondatore del partito della estrema destra francese Fronte Nazionale che ha trionfato in Francia nelle recenti elezioni del Parlamento europeo - ha fatto una battuta di pessimo gusto sulla camera a gas circa un cantante pop francese di origine ebraica, la figlia Marine Le Pen, leader del partito, lo ha criticato pubblicamente, promuovendo in tal modo la sua immagine come volto umano di suo padre.

È irrilevante se questo conflitto familiare sia una messa in scena o reale - l'oscillazione tra le due facce, quella brutale e quella civile, è ciò che definisce la Destra populista di oggi. Sotto la maschera pubblica civilizzata si annida il suo vero volto brutale e osceno, e la differenza tra i due è solo il grado in cui il volto nascosto è apertamente esposto. Anche se questo sottostante rimane totalmente fuori di vista, è lì come presupposto silenzioso, come un punto invisibile di riferimento. Senza spettro di suo padre, Marine Le Pen non esiste.

Non c'è nessuna sorpresa nel messaggio di Marine Le Pen: è il solito patriottismo anti-elitario della classe lavoratrice che bersaglia i poteri finanziari transnazionali e la burocrazia alienata di Bruxelles. Lei rifiuta i non eletti tecnocrati finanziari di Bruxelles che brutalmente fanno rispettare gli interessi del capitale finanziario internazionale e proibiscono ai singoli Stati di dare priorità al benessere del proprio popolo. Lei perora quindi una politica che si collega con le preoccupazioni e gli affanni della gente comune che lavora. La Le Pen dà forma a un chiaro contrasto con i tecnocrati europei sterili: mentre gli sfoghi fascisti del suo partito sono una cosa del passato, lei riporta la passione nella politica. Anche alcuni esponenti della sinistra disorientati soccombono alla tentazione di difenderla. Ciò che unisce la Le Pen e i suoi simpatizzanti di sinistra europei è il loro rifiuto comune di un'Europa forte e il loro desiderio di un ritorno alla sovranità degli Stati nazionali.

Il problema con questo rifiuto condiviso è che, come si dice in una battuta, la Le Pen non cerca le cause delle angosce nell'angolo buio dove realmente sono, ma sotto la luce, perché ci si vede meglio lì. Invece di cercare di discernere gli antagonismi del capitalismo globale di oggi, si concentra su obiettivi facili come gli immigrati la cui presenza è visibile a tutti sulle nostre strade. Il messaggio della Le Pen inizia con la premessa di destra: il fallimento della politica di austerità praticata dagli esperti di Bruxelles. Quando lo scrittore di sinistra romeno Panait Istrati visitò l'Unione Sovietica negli anni '30, il tempo delle grandi purghe e dei processi farsa, un apologeta sovietico cercando di convincerlo della necessità di violenze contro i nemici dello stato evocò il proverbio, "Non puoi fare una frittata senza rompere le uova ". Al che Istrati laconicamente rispose:" Va bene. Riesco a vedere le uova rotte. Dov'è la vostra frittata? " Dovremmo dire lo stesso delle misure di austerità imposte dai tecnocrati di Bruxelles: "OK, state rompendo le uova in tutta Europa, ma dov'è la frittata che ci avete promesso?"

Il minimo che si può dire sulla crisi, che dura dal 2008, è che offre la prova che non è il popolo ma sono questi stessi esperti che, per la maggior parte, non sanno quello che stanno facendo. In Europa occidentale si assiste ad una crescente incapacità della classe dirigente; sanno sempre meno come governare. Guardate come l'Europa sta affrontando la crisi greca: facendo pressione sulla Grecia per ripagare i debiti, ma allo stesso tempo, rovinando la sua economia attraverso misure di austerità imposte e, quindi, assicurandosi che il debito greco non sarà mai ripagato. Nel giugno 2013 il Wall Street Journal fece trapelare documenti interni del Fondo Monetario Internazionale (FMI) che dimostrano che il danno economico alla Grecia derivante dalle misure di austerità aggressive può essere fino a tre volte più grande di quanto precedentemente supposto, annullando in tal modo le precedenti prescrizioni del FMI di austerità come soluzione alla crisi dell'Eurozona.

Ora, dopo che centinaia di migliaia di posti di lavoro sono andati perduti a causa di tali "errori di calcolo", il FMI ammette che costringere la Grecia e altri paesi oppressi dal debito a ridurre i loro deficit troppo in fretta sarebbe controproducente. La pressione in corso dell'UE sulla Grecia per implementare misure di austerità si sposa perfettamente con ciò che la psicanalisi chiama Super-Io. Il Super Io non è un agente morale corretto, ma un agente sadico che bombarda il soggetto con richieste impossibili, oscenamente godendo per il fallimento del soggetto nel conformarvisi. Tuttavia, il paradosso del Super-io è che, come Freud vide chiaramente, più obbediamo alle sue esigenze, più ci sentiamo in colpa. Immaginate un insegnante malvagio che dà ai suoi allievi compiti impossibili, e poi li deride sadicamente quando vede la loro ansia e panico. Questo è ciò che è così terribilmente sbagliato con i comandi UE: non hanno nemmeno dato una possibilità alla Grecia; il fallimento greco è parte del gioco. E' come se i prestatori e custodi del debito accusassero i paesi indebitati di non sentirsi abbastanza in colpa.

Ivi risiede il vero messaggio delle "irrazionali" proteste popolari in tutta Europa: i contestatori sanno molto bene ciò che non conoscono; non pretendono di avere risposte rapide e facili. Ma ciò che i loro istinti gli stanno dicendo è comunque vero: che anche quelli al potere non lo sanno. Oggi in Europa i ciechi stanno guidando altri ciechi. La politica di austerità non è in realtà scienza, neppure in senso minimale; è molto più vicina a una forma contemporanea di superstizione, una sorta di reazione istintiva ad una situazione complessa impenetrabile, una reazione cieca del tipo "le cose andavano male, noi siamo in qualche modo colpevoli, dobbiamo pagare il prezzo e soffrire, quindi cerchiamo di fare qualcosa che fa male e di spendere di meno." La politica di austerità non è "troppo radicale", come sostengono alcuni critici di sinistra, ma, al contrario, troppo superficiale, una messinscena per evitare le vere radici della crisi.

L'angolo buio

Può l'idea di un'Europa unita essere ridotta al regno dei tecnocrati di Bruxelles? La prova che non è questo il caso, è che gli Stati Uniti e Israele, due stati-nazione ossessionati della loro sovranità, a un certo livello profondo e spesso offuscato percepiscono l'UE come il nemico. Questa percezione, tenuta sotto controllo nel discorso politico pubblico, esplode nel suo sotterraneo doppio osceno.

In Israele, le storie folli circa il diritto del paese di buttare fuori i palestinesi sono radicate nell'Esodo, in particolare nel comando di Dio agli ebrei, mentre si avvicinavano alla loro terra dopo 40 anni di peregrinazioni in giro, di massacrare senza pietà le tribù che vivevano lì. Negli Stati Uniti, la visione è raddoppiata dalla visione politica fondamentalista della estrema destra cristiana con la sua paura ossessiva del Nuovo Ordine Mondiale, come esemplificato nelle opere di Tim LaHaye. Il titolo di un romanzo di Lahaye punta in questa direzione: The Europa Conspiracy. I nemici degli Stati Uniti non sono i terroristi islamici; essi sono soltanto burattini segretamente manipolati dai laicisti europei - le vere forze dell'Anticristo che vogliono indebolire gli Stati Uniti e creare il Nuovo Ordine Mondiale sotto il dominio delle Nazioni Unite.

In un certo senso, hanno ragione in questa percezione: l'Europa non è solo un altro blocco di potere geopolitico, ma una visione globale che è in definitiva incompatibile con gli stati-nazione, una visione di un ordine transnazionale che garantisca alcuni diritti (welfare, libertà, ecc) a tutte le persone di tutto il mondo. Questo è il motivo per cui l'UE ha la propensione a espandersi ben oltre i confini della vecchia Europa. Questo è il motivo per cui il sogno europeo ha ancora fascino universale. Questa dimensione dell'UE fornisce la chiave per la cosiddetta "debolezza" europea: c'è una correlazione sorprendente tra unificazione europea e la sua perdita di potere politico-militare globale.

La modalità di base della politica di oggi è una amministrazione depoliticizzata e il coordinamento degli interessi da parte di un corpo d'élite di esperti. L'unico modo per introdurre passione in questa zona franca-politica, di mobilitare attivamente le persone, è attraverso la paura: paura degli immigrati, paura della criminalità, paura della depravazione sessuale senza Dio, paura dello stesso Stato eccessivo (con il suo fardello di tassazione elevata), paura della catastrofe ecologica, paura di molestie (la correttezza politica è la forma liberale esemplare della politica della paura). I liberali progressisti sono, naturalmente, inorriditi dal razzismo populista.

Tuttavia, uno sguardo più attento rivela presto come la loro tolleranza multiculturale e il rispetto degli altri (religiosi, sessuali, etnici) condividono con anti-immigrati una premessa fondamentale: la paura degli altri come chiaramente distinguibile nella ossessione dei liberali verso le molestie. Molestie della salute quando sono turbato da un fumatore spudorato, molestie verbali quando sento per caso un tizio di classe inferiore raccontare una barzelletta sporca. … L'Altro va bene, ma solo nella misura in cui la sua presenza non è invadente, nella misura in cui questo Altro non è davvero altro.

Nessuna meraviglia che il tema dei "soggetti tossici" ha guadagnato terreno di recente. Il predicato "tossico" comprende una serie di proprietà che appartengono a livelli naturali culturali psicologici politici totalmente diversi. Un "soggetto tossico" può essere un immigrato con una malattia mortale che dovrebbe essere messo in quarantena; un terrorista i cui piani mortali devono essere prevenuti e deve stare a Guantánamo (una zona vuota esentata dallo stato di diritto); un ideologo fondamentalista che dovrebbe essere messa a tacere, perché si sta diffondendo l'odio; o un genitore insegnante o sacerdote che abusa e corrompe i bambini. Ciò che è tossico è in definitiva il Vicino straniero in quanto tale in modo che l'obiettivo finale di tutte le regole delle relazioni interpersonali è di mettere in quarantena o almeno neutralizzare e contenere questa dimensione tossica.

Sul mercato di oggi troviamo tutta una serie di prodotti privati delle loro proprietà maligne: caffè senza caffeina panna senza grassi birra senza alcool. E l'elenco potrebbe continuare. La dottrina di Colin Powell della guerra senza vittime (dalla nostra parte, ovviamente) diventa una guerra senza guerra; la ridefinizione contemporanea della politica come arte dell'amministrazione di esperti diventa politica senza politica; fino al multiculturalismo liberale tollerante di oggi che diventa esperienza dell'Altro privato della sua Alterità.

Non è questa disintossicazione dell'immigrato Altro il punto principale del programma dello United Kingdom Independence Party di Nigel Farage? Farage sottolinea ripetutamente che non è contro la presenza di lavoratori stranieri nel Regno Unito, che lui apprezza molto i laboriosi polacchi e il loro contributo all'economia britannica. Questa è la posizione della destra anti-immigrati "civilizzata": la politica del vicino disintossicato - polacchi buoni contro immigrati cattivi. Questa visione della disintossicazione del Vicino presenta un chiaro passaggio dalla barbarie abietta alla barbarie dal volto umano. In quali condizioni si manifesta?

La vecchia tesi di Walter Benjamin che dietro ogni ascesa del fascismo c'è una rivoluzione fallita non solo è valida ancora oggi ma è più pertinente che mai. Ai liberali di destra piace sottolineare analogie tra destra e sinistra "estremismi": il terrore e i campi di Hitler imitarono il terrore bolscevico _ il partito leninista è vivo oggi in al Qaeda. Ma questo non indica come il fascismo si sostituisce a una rivoluzione di sinistra fallita? La sua ascesa è il fallimento della sinistra ma allo stesso tempo la prova che c'era un potenziale rivoluzionario che la sinistra non è stata in grado di mobilitare. E non vale lo stesso oggi per il cosiddetto "fascismo islamico"? L'ascesa dell'islamismo radicale non è correlato con la scomparsa della sinistra laica nei paesi musulmani?

Oggi quando l'Afghanistan è raffigurato come il massimo paese islamico fondamentalista chi si ricorda che 36 anni fa era un paese con una forte tradizione secolare tra cui un partito comunista forte che ha preso il potere indipendentemente dall'Unione Sovietica? Come Thomas Frank ha dimostrato, lo stesso vale per il Kansas: lo stesso stato che era fino al 1970 la base fondamentale della populismo radicale di sinistra è oggi la roccaforte del fondamentalismo cristiano. E lo stesso vale per l'Europa: Il fallimento della sinistra alternativa al capitalismo globale ha dato i natali al populismo anti-immigrati.

Anche nel caso di movimenti chiaramente fondamentalisti bisogna stare attenti a non perdere la componente sociale. I talebani sono regolarmente presentati come un gruppo islamico fondamentalista che impone il proprio dominio con il terrore tuttavia, quando nella primavera del 2009 si erano impadroniti della valle di Swat in Pakistan il New York Times ha riferito che hanno costruito una rivolta di classe che sfruttava le profonde spaccature tra un piccolo gruppo di ricchi proprietari terrieri e i loro fittavoli senza terra.

Se sfruttando il dramma degli agricoltori i talebani stanno sollevando l'allarme sui rischi per il Pakistan, che resta in gran parte feudale cosa impedisce ai democratici liberali in Pakistan, così come agli Stati Uniti di analogamente "approfittare" di questa situazione e cercare per aiutare i contadini senza terra? La triste implicazione di questo fatto è che le forze feudali in Pakistan sono l' "alleato naturale" della democrazia liberale. E mutatis mutandis (cambiano solo le cose che devono essere cambiate) lo stesso vale per Farage e Le Pen: la loro ascesa è il rovescio della scomparsa della sinistra radicale.

La lezione che gli spaventati liberali dovrebbero imparare è questa: solo una sinistra radicalizzata può salvare ciò che vale la pena di salvare dell'eredità liberale. La triste prospettiva che cova, se questo non accadrà è l'unità dei due poli-il dominio dei tecnocrati finanziari senza nome che indossa una maschera di pseudo- passioni populiste.

Questo articolo è uscito su New Statesman (Uk) e In These Times (USA).





Fonte: Blog di Maurizio Acerbo
Traduzione: Maurizio Acerbo




Commenta questa notizia



Notizie

12.07.2014Bulgaria: ingenti somme scomparse dalle casse della Corporate Commercial Bank
12.07.2014L'UE punta a un'economia a "rifiuti zero" con obiettivi di riciclaggio più ambiziosi
11.07.2014L'industria dell’abbigliamento in Bulgaria produce per l'Europa in condizioni di sfruttamento
10.07.2014Slavoj Žižek: Uova rotte, ma nessuna frittata
10.07.2014South Stream: in Bulgaria solo uno stop momentaneo
08.07.2014Sofia: Est-Etica Naturale, mostra personale di Rossana Berti Garzelli
07.07.2014Visita del Ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov a Sofia



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)