Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  


Alluvione in Bulgaria: proseguono i soccorsi mentre ci si interroga sulle cause

23.06.2014

Nella odierna giornata di lutto nazionale si continua a lavorare in Bulgaria per mitigare le conseguenze delle inondazioni causate dalle piogge torrenziali che hanno colpito nei giorni scorsi le zone di Varna, Dobrich e Veliko Tarnovo. Molti volontari, che hanno risposto all'appello delle amministrazioni locali, stanno collaborando alla eliminazione dei detriti e del fango. Una richiesta in questo senso è stato rinnovata stamane dell'amministrazione del quartiere "Asparuhovo" di Varna, il più colpito dall'alluvione, dove si sono registrate più di 10 vittime. E' stato dato anche l'ordine di evacuazione di alcuni edifici del quartiere.

Nel frattempo ci si interroga anche sulle cause della tragedia. La negligenza umana sembra essere la causa principale secondo Georgi Korchev, direttore dell'Istituto Nazionale di Meterologia ed Idrologia (NIMH) presso l'Accademia delle Scienze Bulgara (BAN). Il suo parere è che sebbene ci sia stato un incremento delle precipitazioni negli ultimi anni, la causa principale delle alluvioni è imputabile ai canali ostruiti e alla mancata manutenzione dei letti dei fiumi.

Secondo il ministro dei Trasporti Danail Papazov, le costruzioni abusive sono state una delle cause determinanti della tragedia di "Asparuhovo". In particolare sotto accusa sono le elevate recinzioni di cemento fatte costruire dai proprietari, che come spiegato nell'intervista alla Radio Nazionale Bulgara (BNR), hanno canalizzato le acque innalzandone il livello.

Posizione su cui concorda anche Assen Lichev, il Direttore della Direzione "Gestione delle Acque" presso il Ministero dell'Ambiente e delle Acque, che ha affermato che mentre di solito i fiumi lungo il loro corso diventano sempre più larghi ad Asparuhovo accade il contrario ed il canale di drenaggio principale un po' alla volta si restringe.

Danni sono stati anche causati ai raccolti sopratutto nella regione di Dobrich considerata il granaio della Bulgaria. Il Ministero dell'Agricoltura stima che il 25% del grano sia andato perso secondo. Inoltre l'Agenzia delle Infrastrutture Stradali valuta che la riparazione delle strade danneggiate costerà tra 10 e 15 milioni di lev (5-7,5 milioni di euro). Impatto anche sul turismo con parte dei turisti evacuati dalla località turistica di Albena, a causa del rischio di esondazioni del fiume Batovska, e diverse spiagge danneggiate lungo la costa.






Autore: P.M.

Licenza Creative Commons  Il testo di questo articolo è pubblicato con licenza Creative Commons BY-NC-ND 4.0; in caso di ripubblicazione è richiesto un link attivo verso questa pagina, citando come fonte "Bulgaria-Italia".




Commenta questa notizia



Notizie

26.06.2014A Milano il 3 luglio “Orient Express - Viaggio di un pianoforte”
25.06.2014Bulgaria: un anno di proteste. La piazza più dimenticata d’Europa non smette di lottare
24.06.2014Premio Strega Europeo: incontri con Georgi Gospodinov a Roma e Sora (FR)
23.06.2014Alluvione in Bulgaria: proseguono i soccorsi mentre ci si interroga sulle cause
22.06.2014Bulgaria: "Ishleme uccide i nostri lavoratori"
21.06.2014Alluvione in Bulgaria: si aggrava il bilancio delle vittime, decretato lo stato di emergenza
20.06.2014Daniela Bobeva: senza il gas russo la Bulgaria può resistere 3-4 mesi



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)