Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  


Intervista alla “Federazione degli Anarchici in Bulgaria”

15.02.2014

Le attività della Fab sono principalmente di educazione e propaganda; i nostri obiettivi più a breve termine sono quelli di favorire la crescita dell'organizzazione e del catalizzarsi nella società di una resistenza contro l'oppressione del potere politico, economico e ideologico, facendo sì che questa resistenza faccia nascere un'autorganizzazione e che i cittadini si indirizzino verso attività più costruttive come l'autogestione.

Questo articolo fa parte dell'inchiesta realizzata congiuntamente dai siti Bulgaria-Italia e Crisi Globale, dedicata gruppi alternativi di sinistra e/o antiautoritari in Bulgaria.

Федерацията на Анархистите в България - Federatsiyata na Anarhistite v Balgaria
Sito: www.anarchy.bg

1) Come e quando è nato il vostro gruppo?

La Federazione degli anarchici in Bulgaria (FAB) viene ritenuta l'erede della FAKB (Federazione degli anarco-comunisti in Bulgaria), fondata nel 1919. Il processo di unione dei diversi gruppi anarchici è cominciato molto prima, ma è stato interrotto dalla Guerra balcanica e dalla Prima guerra mondiale.
In quale misura la FAB sia effettivamente erede delle migliori tradizioni della FAKB può essere oggetto di di-scussione. Solo una maggiore dinamica delle attività e una propaganda più efficiente lo potranno provare.

2) Siete organizzati formalmente (cioè avete strutture interne, regole scritte ecc.) oppure esistete solo informalmente? Per quali motivi avete scelto questa opzione?

Su decisione dei fondatori, parte dei quali erano membri delle sezioni della FAKB tra gli emigrati, la FAB è stata registrata in conformità alla legge sui partiti.
La precisazione dello statuto, del programma e delle strutture dell'organizzazione è un compito che dobbiamo ancora affrontare.


Manifestazione anarchica contro carovita a Sofia

3) Su quali attività vi concentrate e quali obiettivi (ivi inclusi quelli politici) vi prefissate? Potete dare qualche esempio concreto di vostre iniziative, o della vostra partecipazione a movimenti/lotte?

Le nostre attività sono principalmente di educazione e propaganda (materiali stampati, discussioni in internet, agitazione politica verbale a contatto diretto); i nostri obiettivi più a breve termine sono quelli di favorire la crescita dell'organizzazione e del catalizzarsi nella società di una resistenza contro l'oppressione del potere politico, economico e ideologico, facendo sì che questa resistenza faccia nascere un'autorganizzazione e che i cittadini autorganizzatisi in associazioni si indirizzino verso attività più costruttive come l'autogestione (che consiste nell'affrontare i problemi attuali e nell'adempiere compiti importanti per la propria vita, ignorando gli interessi o gli ordini dello stato e delle imprese, e facendo invece affidamento su una rete di mutua assistenza formata da altre strutture dell'autogestione civica).

Nota: il termine "cittadino" in questo caso ha un contenuto opposto a quello di "suddito dello stato".
La crescita dell'organizzazione e delle iniziative civiche da essa alimentata preparerà una massa critica della po-polazione a reagire adeguatamente nel caso in cui dovesse prodursi una situazione rivoluzionaria in seguito alle crisi tipiche del capitalismo. Anche questo è un obiettivo strategico: una rivoluzione sociale e l'inizio della costruzione di una società comunista.

4) Qual è la posizione del vostro gruppo riguardo alle proteste del 2013 e all'occupazione delle università, nonché alla situazione in Bulgaria in generale?

Si tratta di iniziative dirette dietro le quinte da gruppi economici che sono al di fuori del sistema politico.
Laddove invece si può parlare di spontaneità, le richieste si riducono a una "ristrutturazione del sistema", sistema che a nostro parere deve semplicemente essere eliminato come corrotto e disastroso per l'umanità nel suo complesso, nonché per i singoli popoli, ivi incluso in particolare quello bulgaro.
Né le proteste, né l'"occupazione" (troppo simbolica) hanno obiettivi veramente alternativi.


Manifestazione di Fab nel centro della capitale

5) Collaborate con altri gruppi che hanno obiettivi o posizioni simili alle vostre e se sì, come?

Collaboriamo con organizzazioni e gruppi anarchici all'estero. Siamo pronti a collaborare con tutti coloro che hanno come obiettivo una trasformazione rivoluzionaria della società. Siamo aperti anche alla possibilità di pro-getti comuni molto ponderati e di natura tattica con formazioni che si pongono obiettivi più modesti, ma an-che in questo caso in direzione di una maggiore giustizia sociale, della libertà personale, della preservazione della natura e di una discussione delle prospettive di sviluppo.

6) Secondo voi, cosa è necessario affinché si possano unire le forze e creare in Bulgaria un movimento più ampio, in grado di incidere concretamente sulla situazione politica e sociale nel paese?

Non sarebbe inutile, se un tale movimento spingesse lo stato e il capitale a cominciare a fare passi indietro. Ma una soluzione irreversibile dei problemi può prodursi solo con la liquidazione dello stato e il passaggio a un'autogestione solidale nella produzione, nella distribuzione e nel consumo dei beni materiali, nonché a un ac-cesso illimitato ai cosiddetti beni "spirituali".

Tuttavia gli obiettivi strategici degli anarchici e di chi crede nello stato come entità non corrispondono, e quindi una piena partecipazione e collaborazione con un movimento dalle "finalità generiche", caratterizzato da compromessi e attraversato da tensioni interne causate da interessi divergenti, è per noi inaccettabile.

7) Quali sono le vostre posizioni di massima riguardo ai problemi globali (per es. movimenti contro le politiche di austerità, cambiamenti climatici, situazione dell'economia globale ecc.)?

La nostra posizione fondamentale è che nessuna delle sfide globali può trovare soluzione nell'ambito del sistema capitalista che, statale oppure meno, rimane sempre autoritario.


Manifesto della protesta di Fab contro carovita
"I prezzi si alzano! Alziamoci anche noi!"

8) Desiderate aggiungere altro?

Il mondo attuale è giunto a una condizione che non trova analogie nella storia umana. Quando una civiltà non trova una risposta adeguata alle sfide che si trova ad affrontare, è destinata a morire. L'attuale civiltà è globale. Questa civiltà si trova ad affrontare sfide come i cambiamenti dell'ambiente, la degradazione di alcune risorse, un contesto demografico non univoco, le contraddizioni tra la produttività del lavoro (intensificata da tecnologie automatizzate e di informazione-comunicazione) e la distribuzione dei beni prodotti. Una soluzione adeguata è quella di guardare alla democrazia diretta, a un'economia solidale, all'eguaglianza sociale, a un'equità senza compromessi e a una strutturazione federativa reale di tutte le società, a cominciare dai piccoli collettivi (federazioni di persone) e fino alle federazioni globali (collettivi di collettivi). Non vi sono altre alternative. Una risposta inadeguata a queste sfide porterebbe al crollo della civiltà contemporanea ed è molto probabile che trasformerebbe quest'ultima nella tomba dell'umanità.


Fonte: Crisi Globale e Bulgaria-Italia
Traduzione: Andrea Ferrario

Licenza Creative Commons  Il testo di questo articolo è pubblicato con licenza Creative Commons BY-NC-ND 4.0; in caso di ripubblicazione è richiesto un link attivo verso questa pagina, citando come fonte "Bulgaria-Italia".


Per approfondire: Inchiesta sui gruppi alternativi di sinistra e/o antiautoritari in Bulgaria



Commenta questa notizia



Notizie

18.02.2014Successo e tanti visitatori per le artiste bulgare a Via Larga
18.02.2014"Diventa un Awakener" concorso per giovani designer
16.02.2014Bulgaria, voglia di caserma?
15.02.2014Intervista alla “Federazione degli Anarchici in Bulgaria”
14.02.2014Bulgaria, in primavera il via ai lavori di costruzione di "South Stream"
13.02.2014PerCorrere LentaMente: viaggiatori slow in biblioteca
12.02.2014Intervista al centro sociale "Adelante" (Bulgaria)



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)