Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  


La Bulgaria approva legge per escludere società off-shore da settori vitali dell’economia

26.12.2013

Dal primo di gennaio 2014 entrerà in vigore in Bulgaria una legge che esclude le società off-shore da 28 settori chiave dell'economia. Approvata dal parlamento bulgaro il 20 dicembre, ultimo giorno di lavoro prima della pausa natalizia, il provvedimento impedisce alle società off-shore di ottenere licenze e concessioni nello sfruttamento delle risorse naturali, nel settore idrico, energetico, bancario, assicurativo, radiotelevisivo, telefonia mobile e giochi d'azzardo. Inoltre tali società non possono partecipare a gare ed appalti per servizi e forniture pubbliche, incluso il trattamento dei rifiuti, procedure di privatizzazione, nonché possedere giornali o agenzie demoscopiche.

I divieti non coinvolgono società quotate in borsa nell'UE e quelle che appartengono a gruppi economici il cui proprietario sia una persona giuridica bulgara o una persona fisica nota.

Sono previste sanzioni fino a 500.000 leva (250.000 euro circa), elevate a fino un milione in caso di recidiva. Entro sei mesi dall'entrata in vigore della legge eventuali situazioni irregolari dovranno essere sanate.

La norma è stata proposta dai deputati del Movimento per i Diritti e le Libertà (DPS) Yordan Tzonev e Delyan Peevski. Quest'ultimo è noto per essere stato nominato a giugno direttore dell'Agenzia per la Sicurezza Nazionale (DANS) scatenando l'immediata e forte protesta dei cittadini, che l'hanno costretto a dimettersi nel giro di pochi giorni. Da allora le manifestazioni anti-governative, con vari livelli di intensità, non si sono mai interrotte.

Come riferisce l'agenzia "Focus", il deputato socialista Rumen Gechev ha sostenuto che "attraverso le zone off-shore gli attivi del settore pubblico sono stati privatizzati da persone e società i cui proprietari reali sono tuttora sconosciuti. […] Tra le zone off-shore, le principali, per la Bulgaria, sono: Cipro 2,2 miliardi di euro, Lussemburgo 1,6 mld euro, Svizzera 1,2 mld euro, Isole Vergini Britanniche quasi 1 mld euro e Malta 372 milioni di euro".


Autore: P.M.

Licenza Creative Commons  Il testo di questo articolo è pubblicato con licenza Creative Commons BY-NC-ND 4.0; in caso di ripubblicazione è richiesto un link attivo verso questa pagina, citando come fonte "Bulgaria-Italia".


Per approfondire: Notizie di Economia



Commenta questa notizia



Notizie

28.12.2013La lenta morte della Bulgaria rurale
27.12.2013Concerto di Capodanno dell'Orchestra Sinfonica di Sofia ad Avellino
26.12.2013Matera, Turku, Sofia e Varna unite dalla musica di Verdi e dal Presepe
26.12.2013La Bulgaria approva legge per escludere società off-shore da settori vitali dell’economia
25.12.2013La bulgara Margarita Mileva eletta vice-presidente del Partito della Sinistra Europea
23.12.2013Più diritti e tutele per i consumatori europei
21.12.2013L'economia bulgara alla vigilia dell'anno nuovo



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)