Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  


Berlusconi candidato alle europee in Bulgaria?

03.12.2013

Il quotidiano "Libero" in un suo articolo rende noto che Silvio Berlusconi potrebbe candidarsi al Parlamento Europeo in Bulgaria. In caso di elezione, con questo escamotage il noto pregiudicato di Arcore avrebbe la possibilità di "tornare ad avere lo scudo parlamentare che gli può garantire protezione dall'arresto e dalle perquisizioni."

Per attuare il piano, continua "Libero", "serve un paese privo di norme anti-corruzione simili alla legge Severino". L'articolista argomenta che "dati alla mano il Paese che si sposa meglio alle esigenze del Cav è la Bulgaria. Berlusconi ha buoni rapporti con l'ex premier Boris (sic!) Borisov. Il suo partito ha il 30 per cento dei consensi e ha un serbatoio elettorale abbastanza largo per portare il Cav in Europa. In Bulgaria per candidarsi basta non aver subito condanne da parte di un tribunale bulgaro. E questo requisito Silvio ce l'ha."

Ma qui l'azzeccagarbugli di "Libero" sembra scivolare su una buccia di banana sostenendo che "per candidarsi bisogna avere anche la cittadinanza bulgara." Si ignorano o si dimenticano (o si finge?) le modalità di elezione al Parlamento Europeo che stabiliscono (art. 22, paragrafo 2, del TFUE) che «ogni cittadino dell'Unione residente in uno Stato membro di cui non è cittadino ha il diritto di voto e di eleggibilità alle elezioni del Parlamento europeo nello Stato membro in cui risiede».

Quindi il requisito è meno stringente di quanto sostenuto da "Libero": basta la sola residenza e non la cittadinanza. Ma per risiedere in un paese bisogna fisicamente essere presenti. Tuttavia il 2 agosto scorso la procura di Milano ha ritirato il passaporto all'ex premier e quindi non può andare all'estero.

Difficile che "Libero" non sappia come stanno le cose. Ed ecco il piano si esplicita: "Silvio è ancora un cittadino italiano, ma a Sofia basta un decreto firmato dal presidente della Repubblica per ottenerla. Per avere la cittadinanza bisogna però avere un riconoscimento particolare da parte della presidenza della Repubblica in cui si attesti che lo "straniero" abbia fatto qualcosa di importante per la Bulgaria."

Sorvolando sul fatto che, stante la situazione in Bulgaria, il presidente Plevnevliev ha già altri problemi di cui occuparsi, non risulta che il Cav. abbia fatto qualche cosa di "importante" per la Bulgaria, se si esclude - a sentire le malelingue - qualche liason con Darina Pavlova e Michelle Bonev, nonchè un progetto per una serie di partite amichevoli del Milan con alcune squadre calcistiche bulgare. Progetto a quanto pare mai concretizzato; eppure l'"amico Boris" (così B. apostrofò Boyko Borissov durante la cerimonia di inaugurazione del monumento a Garibaldi a Sofia) è ancora una delle tigri di Bistritza...

Quanto ai fatti delle terre bulgare del XXI secolo, ANSA ha informato ieri che "per il terzo anno consecutivo la Bulgaria occupa il primo posto della "Global suffering list" [...] la classifica dei Paesi con una percentuale di cittadini maggiormente "in sofferenza" per colpa di crisi, povertà o scarse prospettive per il futuro".

Secondo l'inchiesta Gallup il 39% dei bulgari considera la propria vita talmente difficile da descriverla come sofferenza. Ora ci domandiamo, perché dalle parti di Arcore ci si affanna per poter infliggere ulteriore tormento a questo popolo?

E' di oggi la diffusione dei dati di Transparency International sul livello di corruzione percepita. I due paesi condividano sostanzialmente lo stesso livello di corruzione: Italia 43/100, Bulgaria 41/100, tra i peggiori in Europa. Aprono e chiudono la classifica mondiale Danimarca 91/100 e Somalia 8/100. Ipotizziamo che l'entourage di B. ritenga dunque la Bulgaria un paese dove sia possibile fare quello che si vuole...

Dobbiamo tuttavia avvertire gli ultimi militi del ridotto di Arcore che anche in Bulgaria il vento è cambiato. Da mesi i cittadini bulgari - nonostante alcune ingenuità, incertezze ed ambiguità - stanno manifestando contro la corruzione, l'oligarchia ed i monopoli.

Siamo dunque abbastanza fiduciosi che, nel caso si provasse a passare ai fatti, a Sofia non tarderanno a comparire cartelli con la scritta: "Берлускони? Оставка!"


Berlusconi a Sofia, giugno 2010


Autore: P.M.

Licenza Creative Commons  Il testo di questo articolo è pubblicato con licenza Creative Commons BY-NC-ND 4.0; in caso di ripubblicazione è richiesto un link attivo verso questa pagina, citando come fonte "Bulgaria-Italia".




Commenta questa notizia

03.12.2013Commento [maaric]
A parte qualche apprezzamento, comprensibile, visto il suo livore..; "il noto pregiudicato di Arcore","l'azzeccagarbugli di "Libero"" (ma non lo si dice solo in riferimento agli avvocati, tale manzoniano termine ??), "gli ultimi militi del ridotto di Arcore", caro P.M. ( ma non sta' per Pubblico Ministero, vero ??), anch'ella ha comesso qualche errore.
Non sara' necessario che Berlusconi, diventi cittadino bulgaro, per candidarsi in bulgaria, per le el ...
leggi tutto


Notizie

05.12.2013Lugano: poesia e canti sacri bulgari
04.12.2013Berlusconi, il bulgaro
04.12.2013Accordo di cooperazione internazionale per la promozione del benessere dei bambini in Bulgaria
03.12.2013Berlusconi candidato alle europee in Bulgaria?
02.12.2013Serbia: il costo politico del gas russo
01.12.2013Apertura della scuola bulgara a Milano
28.11.2013Agro-Star, presentato a Sofia il database transnazionale



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)