Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  
Foto: UE
Foto: UE

L'UE abolirà le spese del roaming per i cellulari

17.09.2013 - Bruxelles

Una nuova strategia per armonizzare il settore delle telecomunicazioni, abolire il roaming, eliminare gli ostacoli amministrativi per le imprese e introdurre nuovi diritti per utenti e fornitori di servizi

Nonostante 26 anni di progressi, il settore delle telecomunicazioni dell'UE resta ancora frammentato e basato essenzialmente sui mercati nazionali. Il risultato? Le aziende europee non stanno al passo con i concorrenti degli USA e dell'Asia.

Il pacchetto "Un continente connesso" rinnoverà il settore delle telecomunicazioni nell'UE, rimasto in ritardo, abolendo i costi del roaming e semplificando le regole per favorire gli investimenti nelle reti ad alta velocità, un requisito per rilanciare la crescita e creare posti di lavoro.

L'economia dipende sempre più da collegamenti più veloci. Secondo alcune stime, completando il mercato unico delle telecomunicazioni si creerebbero migliaia di posti di lavoro e il PIL crescerebbe quasi dell'1% all'anno.

La fine dei costi del roaming

Da luglio 2014 non si pagherà più per ricevere telefonate sul cellulare in un altro paese UE. Gli operatori dovranno offrire pacchetti "roam like at home" (parla ovunque come a casa) validi in tutta l'UE o consentire di utilizzare un altro fornitore di roaming senza cambiare la carta SIM.

Le chiamate internazionali non potranno costare più di un'interurbana nazionale, mentre per le telefonate da rete mobile all'interno dell'UE la tariffa non potrà superare 0,19 euro al minuto (più IVA).

La Commissione sostiene inoltre il principio della "neutralità della rete", in base al quale Internet dovrebbe essere un sistema aperto. A tal fine, le imprese non dovrebbero poter proporre offerte, per esempio riguardanti velocità più elevate di trasmissione di dati, che ostacolerebbero l'accesso della concorrenza.

Diritti dei consumatori in tutta Europa

Con l'armonizzazione completa delle norme di protezione dei consumatori diventerà superfluo personalizzare i servizi in ogni paese e i consumatori saranno protetti meglio.

I cittadini dell'UE avranno inoltre contratti più chiari, scritti in un linguaggio semplice, più diritti di cambiare fornitore o contratto e di cancellare un contratto se le velocità di connessione promesse non sono rispettate.

Meno burocrazia e più investimenti

L'UE vuole agevolare l'ingresso delle imprese di telecomunicazioni su nuovi mercati. Per questo motivo, l'autorizzazione ottenuta in un paese sarà valida in tutta l'UE e l'assegnazione dello spettro per la banda larga sarà standardizzata per semplificare i piani di investimento transfrontalieri.

Per favorire gli investimenti nella banda larga a fibre ottiche e offrire un accesso più ampio ai servizi 4G e al wi-fi, i prezzi per affittare l'accesso alle reti saranno stabilizzati, rafforzando così la concorrenza nel settore.

Prossime tappe

Le proposte dovranno essere approvate dal Parlamento europeo e dai 28 Stati membri dell'UE.

Per saperne di più sul pacchetto Un continente connesso

Collegare l'Europa


Fonte: Commissione Europea


Per approfondire: Notizie di Economia



Commenta questa notizia



Notizie

20.09.2013Collaborazione tra Serbia e Bulgaria, incontro Nikolic-Oresharski
19.09.2013Convegno: "La Bulgaria, l’Italia e i Balcani fra le due guerre mondiali"
18.09.2013Il presidente serbo Nikolic a Sofia, la collaborazione economica in primo piano
17.09.2013L'UE abolirà le spese del roaming per i cellulari
16.09.2013Raffaello Sanzio da Urbino a Sofia
15.09.2013Jazzta Prasta in concorso al Mediterraneo Video Festival
14.09.2013In forte aumento l’interscambio tra la Bulgaria e l’Italia



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)