Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  


Bulgaria, pane o morte

02.08.2013 - Sofia

Dopo diciotto giorni di ricerche affannose li hanno trovati. Morti. Ivan Lazarov, 35 anni, e Nikolay Mihaylov, 42, erano rimasti sepolti dopo un crollo nella miniera di Oranovo, nella municipalità di Simitli, in Bulgaria sud-occidentale.

Nello stesso incidente, avvenuto il 16 luglio scorso, erano deceduti altri due colleghi, Asen Stoynev e Hristo Mladenov, i cui corpi erano stati subito estratti. Le operazioni di salvataggio si sono protratte lentamente, a causa delle difficili condizioni di scavo, tanto che le speranze di ritrovare vivi i due minatori sepolti erano ormai praticamente nulle.

Ieri, mentre lavorava nei tunnel di Oranovo (secondo informazioni ufficiali, in attività non collegate direttamente alle operazioni di salvataggio) era deceduto un altro lavoratore, Asen Grancharov, colpito da infarto.

L'intera vicenda dell'incidente di Oranovo (il quarto di grave entità accaduto nella miniera negli ultimi otto anni) è stata accompagnata da pesanti polemiche. Se i sindacati hanno puntato il dito contro le misure di sicurezza, definite "insufficienti", il ministro dell'Economia e dell'Energia Dragomir Stoynev ha parlato apertamente di "assoluta mancanza di rispetto delle regole da parte del concessionario [della miniera] e di abdicazione criminale da parte dell'amministrazione dei suoi obblighi di controllo".

Dalle verifiche, è emerso che la miniera era attiva nonostante non avesse ottenuto l'approvazione del piano di lavoro per il 2013 né pagato le tasse di concessione, e che i minatori non avevano ricevuto i propri stipendi sia per il secondo semestre del 2011, che per tutto il 2012. "La miniera doveva essere fermata fino al pagamento dei salari", ha dichiarato Stoynev.

"Il lavoro a 'Oranovo' è quello meno retribuito in tutta la municipalità", aveva dichiarato poco dopo l'incidente il sindaco di Simitli Apostol Apostolov. "Al tempo stesso, questa compagnia assicura il pane a 262 famiglie. Inutili farsi illusioni, non sarebbe facile sostituire questa fonte di occupazione".

Dopo il ritrovamento dei cadaveri di Ivan e Nikolay, il ministro Stoynev ha deciso però di fermare la miniera "fino a quando la sua attività non rientrerà nei termini di legge, e le condizioni del lavoro non siano di piena sicurezza".

Riferendo stamattina in parlamento, Stoynev ha promesso di "tagliare i ponti della simbiosi criminale tra lo stato e il business scorretto", per poi concludere: "L'alternativa 'pane o morte' è inaccettabile".


Autore: Francesco Martino
Fonte: Osservatorio Balcani e Caucaso




Commenta questa notizia



Notizie

07.08.2013Denitsa Mihaylova: una donna bulgara fiera delle sue origini rom
07.08.2013ONU: Nikolay Mladenov è il nuovo Rappresentante speciale per l'Iraq
06.08.2013Il Nabucco di Giuseppe Verdi apre il Festival del Film Musicale “Nikolay Ghiaurov”
02.08.2013Bulgaria, pane o morte
28.07.2013Dacic e Mikov: una cooperazione stretta è nell’interesse della regione
26.07.2013Si espande la rete autostradale bulgara
25.07.2013Bulgaria, muro contro muro



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)