Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  


Torna la primavera in Europa, cortei a Bruxelles, Madrid e Berlino

14.03.2013

«Si stringessero la loro cravatta. Noi la cinghia non ce l'abbiamo» La scritta è stata attaccata, in francese, sulla vetrina della banca Belfius a Bruxelles durante il «tour sovversivo» anti-austerity partito da piazza de Meeûs a Bruxelles alle 11 di ieri. I movimenti, arrivati nella capitale europea per partecipare alla campagna «European Spring», primavera europea, hanno improvvisato un corteo selvaggio nelle strade della City, tra neve, ghiaccio e freddo.

Quella cravatta da stringere al collo è la risposta - si legge nell'appello pubblicato sul sito foraeuropeanspring.org e tradotto in italiano da dinamopress.it - «alle élite economiche e politiche dell'Unione Europee che attaccano il welfare, i diritti sociali e la democrazia». Nel giorno in cui il parlamento europeo ha bocciato il bilancio 2014/2020 approntato dai capi di Stato, i movimenti sociali tornano a farsi sentire. Non sono grillini, né si ritrovano nella definizione di «società civile» che ha spopolato a sinistra nelle elezioni politiche.

Rivendicano la partecipazione allo sciopero generale europeo del 14 novembre scorso che in Italia vide un'enorme partecipazione degli studenti medi impegnati nella lotta contro il decreto «ex Aprea» nella scuola. «Nel pieno della più dura crisi sociale da quando è stata fondata - scrivono - l'Ue riduce per la prima volta il suo budget pluriennale, portandolo ai livelli degli anni ottanta».

Chi ha lanciato la campagna in molte città europee immagina un'Europa senza patto di stabilità, quella «autoritaria e neoliberale» che «impone tagli profondi alla spesa sociale, prova a indebolire le leggi del lavoro». «Non ne possiamo più di vivere tra disoccupazione e precarietà, ritrovarci sbattuti fuori casa, non riuscire a curarci perché la sanità viene svenduta ai privati, vedere milioni di persone sprofondare nella povertà».

Rispetto al programma del contro-vertice ci sono delle novità. La polizia ha vietato il corteo di oggi a Bruxelles. Al momento gli organizzatori hanno optato per un'assemblea al Parc du Cinquantenaire che inizierà alle tre. Nello stesso momento, e in maniera coordinata, ci saranno proteste anche in Bulgaria e Slovenia, in Spagna e in Germania. La campagna continuerà fino al 17 marzo a Madrid dove ieri c'è stata una «cacerolada» davanti alla sede dell'Unione Europea e dopodomani partirà una manifestazione da Plaza de España-Sol: «Per l'Europa dei popoli, contro l'Europa dei mercati».

[...]


Autore: Roberto Ciccarelli
Fonte: Il Manifesto




Commenta questa notizia



Notizie

16.03.2013Aggiornamenti da ICE Sofia su gare ed appalti nel settore dei trasporti
15.03.2013Anche Slovenia e Bulgaria sono vittime della strategia dell'UE della "terra bruciata"
14.03.2013Migliaia di lavoratori protestano a Bruxelles: no all’austerità, investimenti per il lavoro!
14.03.2013Torna la primavera in Europa, cortei a Bruxelles, Madrid e Berlino
14.03.2013Dalla Bocconi a Sofia una lezione di economia del Prof. Gianmario Verona
14.03.2013Ruse: concerto de Il Giardino Armonico
14.03.2013Bulgaria: approvati emendamenti legge sull’efficienza energetica



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)