Home | Notizie | Forum | Club | Cerca  Bulgaro
Subscribe
Share/Save/Bookmark
     
           Utente: non registrato, entra
  


Partecipazione bulgara al Trieste Film Festival 2013

13.01.2013

Il Trieste Film Festival, il principale appuntamento italiano con il cinema dell'Europa centro-orientale, giunto alla sua ventiquattresima edizione (17-23 gennaio 2013) segnala alcune novità: la rassegna, diretta da Annamaria Percavassi - cui si affianca da quest'anno Fabrizio Grosoli - ospiterà le sue proiezioni oltre che al tradizionale Teatro Miela anche alla Sala Tripcovich di Largo Santos, grazie a un accordo tra l'Amministrazione Comunale e la Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi - Trieste, che hanno adeguato una sala teatrale anche a uso cinematografico.

Il programma, come di consueto, darà spazio ai tradizionali concorsi internazionali (lungometraggi, cortometraggi, documentari), a eventi speciali, omaggi e incontri (quelli con il pubblico e la stampa si terranno al Caffè Tommaseo).

Ad aprire il festival sarà il 17 gennaio alla Sala Tripcovich Il viaggio della signorina Vila di Elisabetta Sgarbi. Sceneggiato dalla regista insieme a Eugenio Lio, con le musiche di Franco Battiato, è una storia d'amore tra un uomo e una donna di un altro tempo caduti nella Trieste di oggi. È anche la storia d'amore di un intellettuale che si scambia e si specchia con il proprio passato, reale e letterario, e il passato della sua città, Trieste: scelta, dice Sgarbi "per una sorta di fascinazione - quasi un'ossessione - sia per l'elemento culturale che per quello naturale che in questa città coesistono a strettissimo contatto, evitando ogni rappresentazione da cartolina, e cercando invece di raccontare il volto vivo, conteso e sempre in mutazione di questo luogo." Ne Il viaggio della signorina Vila le voci narranti sono quelle di Toni Servillo e Lučka Počkaj, e appaiono fra gli altri Claudio Magris, Luciana Castellina, Gillo Dorfles, Giorgio Pressburger, Boris Pahor, Pino Roveredo, Susanna Tamaro.

Nucleo centrale del programma rimangono i tre concorsi internazionali che ogni anno fanno il punto sulla produzione più interessante dei paesi di riferimento del festival. E anche quest'anno i premi al Miglior lungometraggio, al Miglior cortometraggio e al Miglior documentario saranno attribuiti dal pubblico.

Nel CONCORSO INTERNAZIONALE LUNGOMETRAGGI (tutti titoli in anteprima italiana) si segnalano Klip (vincitore del "Tiger Award" al festival di Rotterdam) opera prima di Maja Miloš, giovane regista serba che racconta l'adolescenza di Jasna tra sesso, droga e feste, e Rocker del rumeno Marian Crişan (già premiato per i suoi lavori precedenti a Cannes e Locarno), sulla relazione tra un padre quarantenne e un figlio tossicodipendente. Impossibile non citare V Tumane (Anime nella nebbia/In the Fog), di Sergej Loznica, autore cui il festival ha dedicato nell'edizione del 2011 una retrospettiva. Anime nella nebbia (ambientato nel 1942 alla frontiera occidentale dell'URSS) uscirà nelle sale italiane, distribuito da Moviemax, il 24 gennaio, ed è stato accolto con grande plauso della critica all'ultimo Festival di Cannes, dove ha vinto il Premio Fipresci.

Fra i CORTOMETRAGGI selezionati a concorrere al Premio Mediterraneo Cinema offerto dalla Fondazione Mediterraneo, si segnalano l'italiano Cargo di Carlo Sironi, delicata storia d'amore, di prostituzione e di immigrazione ambientata alla periferia di Roma; il tedesco Memo della regista Banu Kepenek, dove tradizione e modernità si scontrano in una vicenda tragicomica che vede protagonisti un padre turco e i suoi due figli, ormai tedeschi a tutti gli effetti, nel giorno della Festa islamica del Sacrificio; Uskršnja jaja (Uova di Pasqua/Eastern eggs) del croato Slobodan Karajlović, ricordo personale e quasi autobiografico del regista ambientato nella Jugoslavia comunista degli anni '70. E Uskršnja jaja fa parte, assieme ad altri 5 titoli della selezione (Abgestempelt, Deda, Hatch, Unser lied, Un alt crăciun), del programma di domenica 20 gennaio alle 14 alla Sala Tripcovich che vede protagonisti assoluti i bambini.

Anche quest'anno, si aggiunge inoltre una selezione non-competitiva di 13 cortometraggi di animazione provenienti dai paesi dell'Europa centro-orientale, fra i quali segnaliamo l'anteprima assoluta De versicoloribus naturalium ludis del giovane regista russo Artem Ludyankov, prodotto da Fabrica - Benetton.

Il Concorso Internazionale DOCUMENTARI propone 9 film, tutti in anteprima nazionale, provenienti dalle nazioni che fanno parte delle aree tradizionalmente investigate dal Festival. Tra questi Madein Albania, di Stefania Casini, un road movie in cui tre giovani protagonisti, attraverso incontri emozionanti, raccontano l'Albania di oggi in bilico tra passato e futuro e Dragan Wende - West Berlin (Dragan Wende - Berlino Ovest) di Lena Müller e Dragan von Petrović, tragicomico documentario balcanico in cui il giovane Vuk da Belgrado ritrova a Berlino lo zio Dragan, re della strada e dei locali notturni della Berlino Ovest degli anni Settanta. E ancora, Tzvetanka di Youlian Tabakov in cui ripercorriamo la storia recente della Bulgaria attraverso le vicende e la vita della protagonista. Nata da famiglia benestante, con il sogno di diventare attrice e con la passione per la scienza, Tzvetanka Gosheva (nonna del regista) ci racconta di come è sopravvissuta fra mille difficoltà alle tre epoche che hanno segnato il suo paese: la monarchia, il regime comunista e la democrazia. This ain't California (Questa non è la California) di Marten Persiel (fuori concorso) ci porta invece a scoprire il mondo dei "Rollbrettfahrer", come erano chiamati gli skater nell'ex Germania dell'Est, giovani ribelli per cui la voglia di libertà diventa, proprio grazie a uno skateboard, uno stile di vita.


Tzvetanka di Youlian Tabakov

Si affianca alle sezioni competitive: SORPRESE DI GENERE, una sezione che intende allargare lo sguardo verso nuove tendenze "popolari" all'interno della produzione cinematografica dell'Europa Centrale e Orientale. Esiste un cinema di genere o che intende confrontarsi con i generi cinematografici classici? Quali sono le modalità narrative che nei diversi paesi permettono ai film locali di trasformarsi in successi al box office e di incontrare un pubblico internazionale? Sulla scia di queste riflessioni il festival offrirà la visione di film di fantascienza lituani, thriller serbi, commedie sentimentali slovene e così via che rappresentano soltanto la conferma che in quelle aree geografiche lavorano produttori e cineasti in grado di inserirsi con consapevolezza in quel circuito internazionale globale che non guarda alle singole nazionalità, ma semplicemente alle idee di nuovi talenti ovunque essi si trovino.

Un'altra novità è costituita, nell'edizione 2013, dagli ITALIAN SCREENINGS, nell'ottica di una potenziata integrazione tra il festival e "When East Meets West" (WEMW). Per la prima volta WEMW è totalmente inserito all'interno delle date del Trieste Film Festival (si svolge infatti dal 21 al 23 gennaio all'Hotel Savoia) e soprattutto si apre al pubblico; reciprocamente, il festival offre una selezione di film che si rivolge alla platea dei professionisti del settore al di là del programma di incontri già previsto all'Hotel Savoia. L'occasione è data dalla prima edizione degli "Italian Screenings", film italiani indipendenti, apprezzati nel recente circuito festivaliero ma inediti per i potenziali distributori internazionali.

Il programma del Trieste Film Festival, come sempre, include numerosi EVENTI SPECIALI di rilievo.

Quest'anno il festival si caratterizza anche per una consistente presenza femminile, sia per l'alto numero delle registe donne nelle varie sezioni e sia per le personalità straordinarie che compongono i cast di alcuni film.

Prosegue anche nella ventiquattresima edizione del festival la collaborazione con l'Associazione Corso Salani. Il Premio Corso Salani, istituito in memoria del cineasta scomparso nel giugno 2010, verrà attribuito ad uno fra i 5 finalisti che sono stati individuati fra il numero, sempre crescente di anno in anno, di progetti arrivati.

MURI DEL SUONO, curato da Giovanna Tinunin e Beatrice Biggio, è lo spazio che il festival dedica ai film a tematica musicale. Una selezione di anteprime italiane, 4 documentari rappresentativi della ricerca portata avanti da questa sezione nei suoi 4 anni di vita, che parte dalla musica per arrivare alla Storia tout court. Come in Balkan melodie di Stefan Schwietert (Svizzera/Germania/Bulgaria, 2012), che racconta di due coniugi che, in piena Guerra fredda, hanno raccolto e documentato - spesso in modo avventuroso - sonorità fino a quel momento sconosciute in Occidente, tra cui quelle del coro di voci femminili Le Mystère des Voix Bulgares.


Balkan melodie di Stefan Schwietert

Oppure in Kaip mes žaideme revoliuciją (Come abbiamo suonato la rivoluzione/How we played the revolution) di Giedrė Žickytė, co-produzione liutano-francese ambientata nel 1984, quando "scoppia" la perestroika nell'Unione Sovietica e in Lituania. In Zvonky šťastia (Le campane della felicità/Bells of happiness), di Jana Bučka e Marek Šulík due cugini vivono in un accampamento Rom della Slovacchia orientale e sono grandi fan di due pop star, una ceca e una slovacca, cui decidono di mandare un videoclip dove cantano la loro hit preferita. E ancora Noseland (La terra dei nasi), debutto alla regia del violinista, compositore e direttore d'orchestra russo Aleksej Igudesman, realizzato a Dubrovnik durante lo svolgimento di un festival cui partecipano musicisti, attori e compositori di fama mondiale: fra gli ospiti illustri anche John Malkovich e Sir Roger Moore.

È giunto alla sua quinta edizione il progetto EASTWEEK, curato da Elena Giuffrida, che si propone di creare un network tra le Scuole e le Accademie di cinema dell'Europa centro-orientale. Anche per l'edizione 2013, Eastweek ha potuto contare sul sostegno della CEI - Central European Initiative, e prosegue la collaborazione con WHEN EAST MEETS WEST e con il PREMIO MATTADOR.

A completare l'edizione 2013 la seguitissima sezione ZONE DI CINEMA, destinata a ospitare i più interessanti esempi della produzione cinematografica locale e realizzata con il sostegno della Provincia di Trieste. Il Premio Zone di Cinema verrà attribuito all'opera ritenuta migliore dal pubblico.

Proiezioni:

Tzvetanka di Youlian Tabakov (Bulgaria/Svezia, 2012),
lunedì 21 gennaio - sala Tripcovich di Largo Santos
ore 18.45

Balkan melodie di Stefan Schwietert (Svizzera/Germania/Bulgaria, 2012),
mercoledì 23 gennaio - sala Tripcovich di Largo Santos
ore 15.45


Su materiali del Trieste Film Festival





Links


Commenta questa notizia



Notizie

17.01.2013La vita privata degli oggetti sovietici
16.01.2013La chalga e Bruxelles
14.01.2013La nascita del cinema bulgaro
13.01.2013Partecipazione bulgara al Trieste Film Festival 2013
12.01.2013La stele (in)opportuna di re Boris III
11.01.2013Bulgaria: 2013 all'insegna della stabilità con aspettative per investimenti favorevoli
11.01.2013Bulgaria: Once we were cosmonauts


Ambiente | Cronaca | Cultura | Economia | Esteri | Lavoro | Migrazioni | Politica | Sport
Speciali: Presidenza UE2018 | Iraq | Libia | NATO | Basi USA | Unione Europea | Due operaie morte | 1989-2009
News Feeds: Italiano | Inglese | Bulgaro
Tutte le Notizie | Новини на Български | Parole Famose | RSS

Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn
    Notizie
  Bulgaria sulla mappa degli investitori
1879 – 2019: 140 anni di Relazioni diplomatiche tra Italia e Bulgaria
Unicredit: l'export della Bulgaria accelera
Concerto per i 120 anni dalla nascita di Pancio Vladigerov
Sofia: top destinazione per le Start-up

Tutte le notizie
    Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura
Arte in Bulgaria
Biblioteca
Cinema bulgaro
Lingua e cultura italiana
Storia della Bulgaria
Letteratura
Lingua Bulgara
Monasteri
Musica
Poesia
Teatro
Traci

Città e Località
Sofia
Plovdiv
Varna
Burgas
Koprivshtitza
Bansko
Borovets
Pamporovo

Economia
Agricoltura
Banche e Finanza
Energia
Fiere
Infrastrutture
Investimenti
Telecomunicazioni

Folklore
Cucina bulgara
Fiabe
Nestinari
PopFolk e Chalga
Valle delle Rose
Vampiri

Informazioni
Mappa
Inno Nazionale
Scheda Paese
Dizionario IT-BG

Notizie

Ambiente
Cultura
Cronaca
Economia
Esteri
Lavoro
Immigrazione
Politica
Sport

Bulgaria e ...
Iraq
Libia
NATO
Basi USA
Unione Europea
Monografie

Politica e Governo
Ambasciate
Ambasciata di Bulgaria
Ambasciata d'Italia
Istituzioni
Politica ed Elezioni
Legislazione italiana

Società
Bulgari in Italia
Diritti umani
Informazione
Radio Bulgaria
Sindacati
Sport
TV Bulgaria

Turismo
Alberghi
Appunti di Viaggio
Fai da te
Informazioni Valutarie
Montagna
Viaggio in Aereo
Viaggio in Auto
Viaggio in Bici
Viaggio in Camper

    Notizie
  Temi
Ambiente
Cronaca
Cultura
Economia
Esteri
Lavoro
Migrazioni
Politica
Sport

Speciali
Presidenza UE2018
Iraq
Libia
NATO
Basi USA
Unione Europea
Due operaie morte
1989-2009
Parole Famose

News Feeds
(rss)
Italiano
Inglese
Bulgaro

Media bulgari
(english)
BTA
Sofia News Agency
Sofia Globe

Новини на Български
 
Tutte le Notizie | RSS