Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  
Foto: Nikolay Kolev
Foto: Nikolay Kolev "lo Scalzo" - Francesco Martino/OBC

Bulgaria: lo "Scalzo" e la rivoluzione dei pomodori

27.11.2012 - Sofia

Martedì 20 novembre. Nikolay Kolev "Bosiya" (lo Scalzo), dissidente di lungo corso, poeta pubblicista e (colorita) figura della transizione bulgara, si presenta davanti al parlamento di Sofia con un sacchetto pieno di pomodori marci. È solo.

Come annunciato una settimana prima sulla rete, ha intenzione di prendere a colpi di verdura le principali istituzioni, per protestare contro "corruzione, criminalità, irresponsabilità, nebbia mediatica e demoralizzazione" che affondano il paese.

"Bosiya" riesce a lanciare un solo pomodoro, poi viene fermato dalla polizia, trattenuto per 24 ore e accusato di teppismo: il pomodoro volato verso il "narodno sabranie" potrebbe costargli fino a due anni di reclusione.

Il suo gesto, però, non cade nel vuoto: nei giorni successivi, sui social network nasce e si ingrossa un gruppo che inneggia alla "rivoluzione dei pomodori". Senza chiedere autorizzazioni di rito, gli scontenti annunciano che sabato 24 novembre saranno a migliaia, per colorare di "rosso pomodoro" un parlamento "ormai privo di qualsiasi rappresentatività".

Cordoni di polizia circondano l'istituzione, ma nella sera uggiosa di sabato, sono al massimo 300 quelli che vengono ad urlare la propria rabbia ad un palazzo vuoto. Vola anche qualche pomodoro, che atterra disfacendosi sull'acciottolato che circonda il "narodno sabranie".

Le idee di "Bosiya" per uscire dalla crisi politica ai più sembreranno poco ortodosse. "Bisogna sospendere la Costituzione", ha dichiarato Kolev ad OBC. "Poi dovranno esserci elezioni in cui tutti i bulgari possano mandare i propri rappresentanti ad un Consiglio popolare, a cui toccherà mettere a posto le cose". Difficile prevedere un tale sviluppo.

Anche se la "rivoluzione dei pomodori", almeno per il momento, non infiamma le piazze, il partito di governo GERB ha poco da festeggiare. Il 2013 è anno elettorale: e i sondaggi danno il vantaggio sull'opposizione socialista, che sembrava incolmabile, in costante declino.


Autore: Francesco Martino
Fonte: Osservatorio Balcani e Caucaso




Commenta questa notizia



Notizie

02.12.2012Bulgaria: nuova legge per la promozione degli investimenti
30.11.2012Fiera del libro di Sofia
29.11.2012Smantellato traffico antichità da Bulgaria
27.11.2012Bulgaria: lo "Scalzo" e la rivoluzione dei pomodori
26.11.2012Al via la costruzione della linea metropolitana per l'aeroporto di Sofia
26.11.2012Premio LUX 2012
24.11.2012Bari:"La parola padre", sei ragazze, sei storie e un protagonista 'il dolore interiore'



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)