Home | Notizie | Forum | Club | Cerca  Bulgaro
Subscribe
Share/Save/Bookmark
     
           Utente: non registrato, entra
  
Un fotogramma del film
Un fotogramma del film

“The Price of Sex” della bulgara Mimi Chakarova presentato a Milano

30.09.2012

Negli ultimi dieci anni, la fotografia e regista bulgara Mimi Chakarova si è occupata di problematiche globali indagando in particolare su conflitti, corruzione e mercato del sesso. Il suo film "The Price of Sex", documentario sul commercio e la corruzione, è stato premiato nel 2011 ed è valso alla regista il Nestor Almendros Award allo Human Rights Watch Film Festival di New York per il coraggio dimostrato nelle riprese.

Il film è stato presentato a Milano il 20-21 settembre scorsi nella sezione "Colpe di stato" del Milano Film Festival. Paolo Calcagno (L'Unità) ha incontrato la regista. Nell'articolo pubblicato sul quotidiano il 22 settembre si legge: «Avevo 13 anni, quando lasciai il mio villaggio, in Bulgaria, per seguire mia madre che aveva deciso di andare a lavorare in un altro luogo del nostro Paese. Due anni più tardi, nel '91, vi ritornai. Cercai le mie amiche, ma tutte le ragazze della mia età erano andate via, all'estero, persuase da donne del posto che avevano promesso loro lavori di domestiche e di governanti. Invece, si erano ritrovate nei bordelli di Istanbul, costrette a prostituirsi. Dopo la caduta del muro di Berlino, si scatenò una specie di caccia alle donne, ad opera di altre donne legate a intermediari e protettori. Era gente che approfittava del caos dell'implosione dell'Unione Sovietica per catturare le ragazze della mia generazione. Mia madre ebbe paura che potesse capitare anche a me e mi portò via, negli Stati Uniti»

Riferendosi alla situazione dei primi anni novanta Mimi Chakarova racconta che «occorre sapere che a quel tempo, in quei Paesi, non c'era niente, l'acqua e l'elettricità scarseggiavano ed eravamo completamente privi di informazione. Oggi, le strategie del traffico di ragazze sono cambiate perché anche nei piccoli villaggi non ci sono più donne sprovvedute grazie alla massiccia attività dei media. Perciò, hanno creato un nuovo modello. In Albania, ad esempio, prendono le ragazze giovanissime, a 12 anni, e le fanno prostituire a 19 anni, senza commettere abusi. Siccome laggiù, come altrove, c'è libertà di esercizio della prostituzione, la giustizia non ha prove per intervenire. In questo modo, oggi come allora, gli schiavisti del sesso riescono ad evitare le punizioni».

Nelle note di regia l'autrice presenta l'opera in questi termini: «The Price of Sex è un film sul commercio sessuale in Europa dell'Est ed un testamento al coraggio delle donne la cui storia ho seguito per oltre sette anni. Queste donne raccontano il proprio vissuto e la mia speranza è che l'ascolto della loro storia possa portare al cambiamento. Ho trovato un modo per mostrare la corruzione di polizia, clienti e protettori. Ho speso circa dieci anni analizzando le connessioni tra i paesi d'origine, dove la ragazze sono nate, e i paesi di destinazione dell'Est e dell'Ovest, dove le ragazze finiscono costrette a prostituirsi contro la loro volontà. Il commercio sessuale non è una equazione lineare tra domanda e offerta. A queste componenti vanno aggiunte disperazione, povertà, abusi, nessun accesso alla giustizia e alti livelli di corruzione per capire, anche solo lontanamente, perché la schiavitù sessuale continua a prosperare».

Mimi Chakarova

Mimi Chakarova è attualmente corrispondente per il Center for Investigative Reporting. Per 14 anni è stata docente di narrazione visuale alla UC Berkeley's Graduate School of Journalism mentre alla Stanford University ha insegnato Studi Africani e Afroamericani e Studi comparativi sulla razza e l'etnia. Le sono state dedicate numerose mostre per i suoi progetti - documentari sul Sud Africa, Giamaica, Cuba, Kashmir e Europa dell'Est.

SINOSSI

"Carne" è la prima cosa che vede il dottore incaricato di distribuire condoms nei bordelli di Aksaray, il quartiere a luci rosse di Istanbul. "Dolore" la seconda. Davanti alla camera di Mimi Chakarova, fotogiornalista di origine bulgara, residente negli Stati Uniti dal 1990, passano le dolenti protagoniste del traffico, i clienti, i protettori, gli intermediari, i complici. Un'inchiesta durata 7 anni: dall'est Europa verso Grecia, Turchia, Dubai, l'autrice indaga un destino a cui sente di essere sfuggita per un soffio. Quello delle donne della sua generazione, stritolate dal caos generato con l'implosione dell'Urss. Un film personale, teso come un thriller, denso come un'inchiesta giornalistica.

SCHEDA

Regista: Mimi Chakarova
Titolo originale: The Price of Sex
Paese: USA
Anno di produzione: 2011
Formato: HD
Produzione: Violeu Productions
Produttore: Mimi Chakarova
Distribuzione: Cat&Docs
Sceneggiatura: Mimi Chakarova
Musiche: Christopher Hedge
Montaggio: Stephanie Challberg
Fotografia: Adam Keker

TRAILER



Articolo basato su materiali pubblicati dal Milano Film Festival e da L'Unità


Autore: P.M.



Links


Commenta questa notizia



Notizie

02.10.2012Ravenna: si rafforzano le relazioni con la Bulgaria in attesa del 2019
02.10.2012Salvare gli storioni del Danubio
01.10.2012Addio a Eric Hobsbawm, lo storico che insegnava a “cambiare il mondo”
30.09.2012“The Price of Sex” della bulgara Mimi Chakarova presentato a Milano
29.09.2012Sergei Stanishev eletto presidente dei socialisti europei
29.09.2012Borissov ad Euronews: "Bulgaria nodo strategico del gas europeo. L'Ue ci dia fiducia"
28.09.2012Intanto a Est è già fuga dall’euro



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)