Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  
Ombrello disegnato da Mario Talarico jr
Ombrello disegnato da Mario Talarico jr

L’ombrello dell'umiltà

19.03.2012 - Napoli

Napoli è una fonte meravigliosa di storia, cultura, creatività, fantasia, mestieri. Perciò il detto "vedi Napoli e poi muori" non comprende soltanto la sua bellezza e la natura che circonda la città, ma anche le sue citate particolarità. Queste pulsano dall'antichità fino ad oggi. Così come succede con la più antica bottega per ombrelli. E' stata creata da Achille Talarico nel 1860, durante il Regno delle due Sicilie e, un anno prima dell'Unione dell'Italia. Da quattro generazioni i suoi eredi fanno degli ombrelli a mano per i reali, per gentildonne e gentiluomini, aristocratici, papi e semplice gente; su misura e su richiesta. Pezzi unici, che non possono essere uguali perché fatti a mano e con diversi tipi di legno utilizzati per l'asse come: castagno, ciliegio, canna da zucchero, nocciolo, hickory, ginestra e tanti altri. Fra i materiali ci sono anche avorio e corno lavorato. Le stecche d'acciaio e la stoffa si montano seguendo una antica lavorazione. Di queste creazioni, il 79enne Mario Talarico parla come fossero suoi figli:

"Io sono come mastro Geppetto. Ogni ombrello che faccio per me e come un figlioletto, perché io non ho figli. Quando lo finisco, gli do un bacio, perché non lo vedrò mai più. Per la diversità di ogni pezzo di legno, non riesco a fare due ombrelli uguali. Ogni giorno riusciamo a fare non più di tre e, il guadagno basta per mettere qualcosa a tavola. Non mi lamento, perché i soldi non sono tutto. Sono contento di tutto quello che sono riuscito ad ottenere nella vita. Grazie alla mia caparbietà, umiltà, onestà e sacrificio ho acquisito riconoscimenti a livello mondiale. Ho ricevuto premi da tutte le parti. Non smetto di lavorare, perché è utile per lo spirito e per la mente. La "Fendi" ha deciso di promuovere il mio operato e questo riconoscimento mi ha toccato l'animo. Lo scopo però rimane quello di sempre: piccola produzione di qualità".

La sua bottega si trova in una traversa della via principale e commerciale di Napoli - via Toledo. E' facilissimo trovarla, però la più grande scoperta è proprio Mario Talarico con la sua filosofia di vita, messa in uno spazio di 23 mq., riempito di vecchi scaffali, tiretti ed il banchetto ereditato dal suo nonno. Una macchina da cucire, tagli, ordini pronti per l'Arabia Saudita e la Corea del Sud, vari modelli di ombrelli che aspettano i propri compratori, alcuni dipinti sono opere d'arte.

Un regno della creatività, dove Mario Talarico lavora 15 ore al giorno fin da bambino. Adesso lui trasmette i segreti del mestiere al nipote Mario il quale è capace anche a dipingere come il suo bisnonno Achille che è stato pittore di corte oltre che maestro di ombrelli. Sono opera di Mario-junior gli ombrelli dipinti per il sole e per la pioggia di Papa Benedetto XVI, su uno dei quali ci sono 48 cristalli Swarovski inseriti da Mario-senior. Secondo lui il vero napoletano è nato per sacrificarsi, per essere creativo ed unico. A questo proposito, il nipote Mario Talarico-junior ha condiviso le sue idee dicendo:

"Vorrei dire ai giovani: realizzatevi tramite il lavoro e la sapienza. Così sentirete il gusto della vita. L'artigianato si sta perdendo, perché e diminuita l'umiltà ed è aumentata l'ignoranza. Non si stima più la produzione artigianale e si preferisce quella industriale. Credo che fa bene investire nell'artigianato e nella produzione di qualità non solo in Italia ma anche nel mondo, perché dura di più e crea diversità".

Mentre parlavo con Mario Talarico, nella bottega sono entrati diversi clienti. Un turista da Padova ha comprato 3 ombrelli. Mi ha spiegato che è venuto apposta per la qualità che si merita non solo il prezzo pagato, ma anche il piacere dell'uso. Chissà perché, ma in quel momento la sorte ha mandato la pioggia. Come un tipico segno napoletano. Ciò ha fatto in modo che chi apprezza le qualità custodite a Napoli, abbia senz'altro potuto portare con se un pezzettino di questa Napoli.



Mario Talarico sr., al lavoro nel banco del proprio nonno, vecchio di quasi due secoli


Autore: Elena Chahanova
Fonte: Trasmissione ”Sabota150” BNR 17.03.2012




Commenta questa notizia



Notizie

22.03.2012Raina Kabaivanska a borgo San Lorenzo per "Serata d’onore"
20.03.2012Il welfare c’è ancora, per le galline: e così le uova costano il doppio
20.03.2012Bulgaria: Sopharma, il prezzo della salute
19.03.2012L’ombrello dell'umiltà
17.03.2012Giovane oratore bulgaro vince la finale dello Youth Parliament Debate
17.03.2012In Bulgaria vietata la pubblicità dei giochi d'azzardo
16.03.2012Inaugurato il più grande impianto fotovoltaico in Bulgaria



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)