Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  


In Italia gli stranieri guadagnano la metà

23.12.2011 - Roma

Il reddito delle famiglie straniere presenti sul nostro territorio è poco più della metà di quello delle famiglie italiane. Il dato è stato diffuso oggi con uno studio condotto dall'Istat, in collaborazione con il ministero del Lavoro e delle Politiche sociali sui redditi delle famiglie con stranieri.

Le famiglie con stranieri (il dato si riferisce al 2008), residenti in Italia hanno un reddito mediano annuo pari a 14.469 euro, ovvero la metà delle famiglie con stranieri ha un reddito mensile massimo di 1,205 euro.

Secondo le diverse nazionalità di provenienza, i redditi più vicini alle famiglie italiane sono quelli delle famiglie polacche con il 65,4%; le peruviane con il 64,7% e le filippine con il 59,2%. Le famiglie ucraine hanno invece un reddito pari al 42,9% delle famiglie italiane; le indiane del 48% e le marocchine del 50,3%.

Il rapporto dell'Istat mostra che le condizioni economiche migliorano con l'aumentare del tempo trascorso in Italia. Se una famiglia di soli stranieri risiede in Italia da più di 12 anni, il suo reddito è superiore del 40% a quello di una famiglia che vi risiede da meno di 2 anni.

I due terzi degli stranieri residenti in Italia sono immigrati nel nostro paese per motivi di lavoro e in media il 90,6% del reddito netto delle famiglie composte solo da stranieri è rappresentato da redditi da lavoro contro il 63,8% delle famiglie italiane. In tutte le diverse classi di età la quota di stranieri che percepiscono un reddito da lavoro è più elevata di quella degli italiani, il 75,4% contro il 66,3%.

Incide poco sul reddito percepito il grado di istruzione. Tra gli italiani i redditi di lavoro delle persone laureate sono del 75% più elevati rispetto a quelli delle persone con licenza elementare. Per gli stranieri questa differenza si riduce all'8%.

Lo studio dell'Istat mostra una differenza anche nel campo pensionistico. Quando uno straniero raggiunge la pensione l'importo medio è di un terzo inferiore a quello ricevuto dagli italiani. Questo sia per effetto dei redditi più bassi percepiti durante il lavoro, sia per il periodo più breve di contribuzione, 15 anni per gli stranieri contro i 27 degli italiani. Lo studio evidenzia anche la differenza sulla presenza delle madri straniere sul mercato del lavoro rispetto alle madri italiane.

Quando le donne vivono in una coppia con figli, la madre straniera percepisce un reddito da lavoro in percentuale più bassa rispetto a quelle italiane, il 47,5% contro il 57,3%. Quando si è in presenza di una coppia senza figli le donne straniere percepiscono redditi da lavoro in maniera di lavoro alle italiane nelle stesse condizioni, nel 59,7% dei casi contro il 54,6%.


Fonte: RaiNews24



Links


Commenta questa notizia



Notizie

28.12.2011"La bella addormentata" e il balletto di Sofia aprono il 2012 al Comunale di Vicenza
27.12.2011Crisi economica e Balcani
26.12.2011Ragusa: grande successo per la filarmonica di Varna
23.12.2011In Italia gli stranieri guadagnano la metà
21.12.2011I sindacati europei chiedono la revisione della direttiva sui lavoratori distaccati
21.12.2011Alenia Aeronautica firma contratto per il supporto logistico dei C-27J in Bulgara
21.12.2011Premio “Le 5 Stagioni” per i designer bulgari



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)