Home | Notizie | Forum | Club | Cerca  Bulgaro
Subscribe
Share/Save/Bookmark
     
           Utente: non registrato, entra
  
Una "comunicazione dei diritti" per chi viene arrestato

22.07.2010 - Bruxelles

La Commissione UE propone che le persone indagate o imputate siano informate per iscritto dei loro diritti all'atto dell'arresto. La proposta fa seguito a quella sul diritto alla traduzione nei procedimenti penali.

La proposta di direttiva presentata questa settimana, nel quadro delle iniziative per instaurare norme comuni per i procedimenti penali, prescrive che la comunicazione sia scritta in termini semplici e comprensibili a tutti e, se occorre, tradotta.

Dodici paesi dell'UE prevedono già una "comunicazione dei diritti", altri solo un'informazione orale o un testo scritto in un linguaggio facilmente comprensibile solo per i professionisti legali. In molti paesi le informazioni vengono date solo su richiesta dell'interessato.

Alla proposta è allegato un modello di comunicazione in 22 lingue dell'UE; ciascun paese è però libero di scegliere il testo a sua discrezione.

Secondo Viviane Reding, commissaria per la Giustizia, grazie alle norme proposte i diritti degli indagati "saranno resi noti a tutti e ovunque nell'Unione". Chi viaggia all'estero, in particolare, potrà stare più tranquillo.

Centinaia di migliaia di cittadini europei attraversano ogni giorno le frontiere nazionali. Circa il 47% dei tedeschi, il 34% dei britannici e il 16 degli italiani trascorrono le vacanze in un altro paese dell'UE.

La nuova proposta è la seconda di una serie destinata a instaurare principi comuni per i procedimenti penali nell'UE.

Ogni anno se ne svolgono più di 8 milioni. I trattati enunciano i diritti delle persone indagate e imputate, ma finora il loro rispetto era lasciato all'iniziativa dei paesi membri.

L'UE conta di adottare nei prossimi anni una disciplina comune dei procedimenti penali, esercitando i nuovi poteri conferitile dal trattato di Lisbona per migliorare e rafforzare i diritti individuali.

La Commissione aveva già proposto quest'anno norme per garantire a indagati e imputati il diritto a servizi di traduzione e interpretariato; il processo di approvazione di queste norme è già a buon punto.

Per l'anno prossimo sono in preparazione proposte sul diritto a un avvocato e su quello di parlare con i familiari, i datori di lavoro e i funzionari dei consolati.


Fonte: Commissione Europea




Commenta questa notizia



Notizie

29.07.2010Orban, sfide per l'Europa
26.07.2010L'Europa deve attrarre i talenti migliori
23.07.2010Scoperta in Bulgaria fortezza dei re traci del IV-V secolo A.C.
22.07.2010Una "comunicazione dei diritti" per chi viene arrestato
21.07.2010Il mondo di Ivo Papazov
20.07.2010Programma decennale dell'UE per la sicurezza stradale
20.07.2010Corruzione, l’Ue boccia Romania e loda Bulgaria



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)