Home | Notizie | Forum | Club | Cerca  Bulgaro
Subscribe
Share/Save/Bookmark
     
           Utente: non registrato, entra
  


Arte: Christo e Jeanne-Claude

01.12.2009

Christo e Jeanne-Claude, o più spesso solo Christo, è il nome d'arte con cui è conosciuta l'opera comune di Christo Javacheff, nato nel 1935 a Gabrovo in Bulgaria, e di Jeanne-Claude Denat de Guillebon 1935 Casablanca, Marocco; due artisti unici che attraverso la loro opera "svelano nascondendo". Christo e Jeanne-Claude (morta il 18 novembre a New York, per le complicazioni di un aneurisma, ndR) intervengono indifferentemente su un territorio, un oggetto, un monumento od un edificio per trasformarlo, tenendo sempre conto delle regole compositive date dalla storia dell'arte. Evidenziare nascondendo, proporre una percezione della realtà prima mai avuta, è questa in sintesi la loro Arte.

Nel 1958 Christo arriva a Parigi, dove conosce la sua futura moglie e collaboratrice Jeanne Claude de Guillebon. Nascono i primi "wrapped objects" cioè oggetti impacchettati con i quali si fanno conoscere; tra gli oggetti vi sono: lattine, sedie, bottiglie e scatole avvolte da tessuto cerato e spago. Christo lavora sulla modificazione percettiva degli oggetti e dei luoghi, che sotto le sue mani cambiano natura, ma anche il modo di essere guardati. Un po' il rovescio dell'operazione che ha fatto Duchamp con il ready-made quando innalzò l'oggetto d'uso, l'orinatoio, ad opera artistica. Christo fa il contrario: se in partenza ha un'opera d'arte (come le Mura Aureliane) questa è reinventata come un bizzarro oggetto d'uso. Se è un elemento naturale o un manufatto, si trasforma in opera artistica. E tutte comunque diventano indimenticabili perché protagoniste di una nuova estetica.

Nel 1961 si tiene la sua prima mostra personale con il testo critico di Pierre Restany alla galleria Haro Lauhus a Colonia. Christo, che nelle sue opere prende ispirazione da "L'enigma di Isidore Ducasse" (dove una macchina per cucire è avvolta in una coperta con dello spago) di Man Ray, oggi viene considerato uno dei precursori della cosiddetta Land art, cioè arte del territorio. Le vaste realizzazioni nascono per essere temporanee e non modificano durevolmente il paesaggio. La sua opera è un intervento che richiede una forte progettualità e uno studio accurato del territorio, delle scelte artistiche adatte al luogo, ma è un operare che non entra in conflitto con questo, è anzi un'azione che sottolinea e cambia l'ambiente per attirare l'attenzione.

Già durante la sua breve adesione al gruppo dei Nouveau Réalistes, Christo abbandona la sua pratica di ritrattista per creare azioni ambientali, il suo impacchettare rende il contenuto al tempo stesso misterioso e valorizzato. Spesso le sue coperture hanno suscitato uno scandalo pubblico, perchè vissute come un insulto ai luoghi prescelti invece che, come nelle intenzioni dell'artista, un omaggio. Nel periodo di durata del progetto, siti, oggetti ed edifici diventano totalmente altro da sé, assumono l'aspetto della scultura e diventano, anche in caso di manufatti noti o di isolate porzioni di natura, prodotto estetico autonomo, altra cosa rispetto a quello che sta sotto o dietro.

Tra i lavori più importanti si ricodano: 1971, il "Valley Curtain" dispiega su 394 metri di larghezza, una tenda di polyamide arancione che sbarra il fondo di una vallata in Colorado tra due fianchi rocciosi; nel 1975 a Roma impacchetta le Mura Aureliane, "The wall"; a Newport Rhode Island realizza "Ocean Front", 13940 metri quadri di tessuto di polipropilene che galleggiano sul mare; nel 1977 mette in opera progetto ad Abu Dhabi, negli Emirati Arabi, di accatastamento di 390.500 bidoni di petrolio: "Abu Dhabi Mastaba, Project for United Arab Emirates"; nel 1985 esegue il progetto "The Umbrellas, project for Japan and Western U.S.A.", con lo scopo di collegare tra di loro Giappone ed ovest degli Stati Uniti in una linea ideale formata da 3000 ombrelli di forma ottagonale, talora raggruppati, talora distanziati gli uni dagli altri, disposti seguendo l'andamento del terreno.


Fonte: sellarte.it




Commenta questa notizia



Notizie

04.12.2009Rovereto: il film “Prognostico” della regista bulgara Sophia Zornitza
03.12.2009Conferenza: The "Virtual museum of the European roots"
01.12.2009Lupi da est
01.12.2009Arte: Christo e Jeanne-Claude
30.11.2009UE: Bulgaria - nuova commissaria, mio incarico è rilevante
30.11.2009Convegno a Venezia: "La caduta del Muro: Venti anni dopo" - 17/18 dicembre 2009
29.11.2009I premi del V Saturno Film Festival



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)