Home | Notizie | Forum | Club | Cerca  Bulgaro
Subscribe
Share/Save/Bookmark
     
           Utente: non registrato, entra
  
Il villaggio di Rupite ed i suoi dintorni

27.01.2009

Heraclea Sintica lo chiamavano gli antichi. Oggi, questo piccolo, ma importante villaggio della Bulgaria sud-occidentale, nel distretto di Blagoevgrad, nella Municipalità di Petrich, si chiama Rupite. Molteplici fattori rendono il luogo circostante suscettibile d’interesse, nonostante le ridotte dimensioni del territorio, circa 9.257 Kmq, popolato da non più di 1200 abitanti.

La regione di Rupite, sul lato destro del fiume Struma, con l’omonima pianura, su cui è facile distinguere la collina vulcanica Kojuh e la collina Pchelina, con le sue sorgenti di acqua termale, si erge sul cratere di un vulcano estinto.

Il clima continentale-mediterraneo, con estati calde ed inverni umidi, la conformazione vulcanica del territorio, la posizione geografica, a ridosso di un fiume, le sorgenti di acqua termale rendono la flora e la fauna locali estremamente varia. Esse includono specie in via di estinzione. La flora è costituita da una vegetazione naturale tipica di una foresta igrofila: salici, pioppi, platani. Include anche alcune rare varietà, come il Dracunculus vulgaris Schott (un tipo di orchidea), Amygdalus webbii Spach (un tipo di mandorlo), Colchicum bivonae (un tipo di zafferano), Ephedra campylopoda (una pianta che cresce soltanto nei pressi della collina Pchelina).


Dracunculus vulgaris Schott
  

Amygdalus webbii Spach, Colchicum Bivonae, Ephedra campylopoda

La fauna include specie come il cavedano (un pesce d’acqua dolce), il Pelobates syriacus balcanica (una rana), ed in questa regione è possibile trovare quasi tutte le specie di serpenti presenti nel territorio bulgaro. Qui, si trovano anche due generi di tartaruga terrestre e di tartarughe d’acqua – una di esse è la rara Mauremys rivulata.
Inoltre, vi sono 200 specie di uccelli, difficilmente avvistabili in altre zone del paese.

   
Pelobates syriacus balcanica         Mauremys rivulata

Oltre a fauna e flora, la regione di Rupite è nota anche per le sue sorgenti naturali di acque termali, formatesi dopo l’eruzione del vulcano, la cui temperatura raggiunge perfino i 76 °C. Le acque contengono idrocarbonato di sodio, silicio, fluorina e solfato. Hanno proprietà curative, specialmente indicate per patologie dell’apparato digerente, disordini di metabolismo, alterazione del sistema motorio, patologie del sistema nervoso, dell’apparato genitale e della pelle.
I bagni sono aperti in ogni periodo dell’anno e attirano molte persone ogni anno.

La regione di Rupite ricopre un importante ruolo anche nel panorama storico-archeologico. Infatti, ai piedi del Kojuh, sono state rinvenute numerose monete locali antiche, nonché i resti dell’antica città tracia, Petra, fondata nell’ultimo quarto del 4° secolo prima di Cristo. Recentemente gli archeologi hanno scoperto uno studio per la produzione di strane maschere teatrali, dove sono state riportate alla luce alcune di esse, in ceramica, con iscrizione latina (380 AD), che lasciano intendere la presenza di un teatro in questa zona.



Il villaggio deve la propria popolarità anche alla famosa veggente cieca, Vangelia Pandeva Dimitrova, detta Baba Vanga. Qui, infatti, trascorse la maggior parte della propria vita e vi morì. Baba Vanga nacque a Strumica, in Macedonia, il 31 Gennaio del 1911. Orfana di madre in tenera età, una bambina ordinaria, bionda, dagli occhi azzurri, intelligente, già mostrava inclinazioni a curare e guarire le persone con l’ausilio di erbe. Pare che dopo un terribile temporale, dopo assidue ricerche, sia stata trovata in un campo, molto spaventata, con gli occhi coperti di sabbia e polvere, impossibilitata ad aprirli a causa del dolore. Non potendosi permettere un’operazione, perdette la vista.

Nel 1925, venne portata in una scuola per ciechi a Zemun, in Serbia, dove trascorse tre anni ed imparò a leggere in braille, suonare il piano, pulire, cucinare. Già durante la seconda guerra mondiale, un numero di persone cominciarono a recarle visita per chiederle delle “profezie”, tra le quali Boris III il re di Bulgaria. Si sposò con un uomo di Petrich e morì nel 1996. Il suo funerale attirò molte persone. Diede disposizioni che la propria casa di Petrich venisse trasformata in un museo. Nel 1992, proprio vicino alla casa di Baba Vanga, venne eretta una chiesa dedicata a “Sveta Petka” (Santa Petka), protettrice degli occhi e dei ciechi. Venne seppellita in prossimità della chiesa.  Il cortile della chiesa è costantemente ricoperto di splendidi fiori, che ne accrescono la sensazione di pace e serenità.

Figura sicuramente controversa, oltre al fatto che le asserite  profezie non hanno alcun serio riscontro scientifico, pare fosse molto vicina al governo di Todor Zhivkov ed, in diverse occasioni, sia apparsa in tv con lui e le alte cariche del Partito Comunista. Alcuni sostengono usasse le informazioni ricavate dai Servizi Segreti per conquistare la fiducia dei propri visitatori, il che spiegherebbe le sue “capacità” di veggente.

Foto tratte da: wikipedia.org e imagesfrombulgaria.com


Autore: Giuseppe Aquilino




Commenta questa notizia



Notizie

29.01.2009Inquinamento da particelle sottili: l’Ue procede contro 10 Stati membri, c’è anche l’Italia
29.01.2009Balcani: UE sostiene i gasdotti per la Bulgaria e la Grecia
29.01.2009Balcani: Sud Est Europeo ai margini della classifica per la globalizzazione 2009
27.01.2009Il villaggio di Rupite ed i suoi dintorni
26.01.2009Bulgaria: aumentano le importazioni dall'Italia
25.01.2009Difesa: a due aziende bulgare appalti per divise italiane
23.01.2009Trieste Film Festival: un successo



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)