Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  
Sofia si adegua a Gorbaciov “riforma economica subito”

30.01.1988 - Sofia

La Bulgaria deve sbarazzarsi di quei funzionari che da troppo tempo sono in carica: lo ha detto il membro dell’Ufficio politico del partito comunista bulgaro Chudomir Alexandrov intervenendo al congresso del partito in corso a Sofia. Almeno 20 mila rami secchi, ha anticipato Alexandrov, saranno sfrondati nel corso dell’operazione di svecchiamento dei ranghi del personale politico; la necessità di ringiovanire l’apparato del partito era già stata espressa venerdì dal segretario Todor Zhivkov, che regge il partito dal ' 54.

Tutti gli interventi dei numerosi delegati, nelle due giornate della conferenza nazionale del partito, a Sofia, hanno formato, come del resto ampiamente previsto, un coro di adesioni e di impegno ad adoperarsi per il successo della versione bulgara della perestroika sovietica. Ed anche di elogio al sistema. Ma le linee lungo le quali procederà il processo della rivoluzionaria ristrutturazione appaiono per il momento ancora non molto ben definite.

Sull’attuazione del nuovo modello socialista, dell’autogestione operaia e dell’elevazione del livello di vita della popolazione bulgara si è soffermato il ministro dell’Economia e della pianificazione Stoian Ovtcharov. In un incontro con i giornalisti che seguono questo incontro definito storico dai responsabili bulgari, egli si è dichiarato abbastanza soddisfatto dei risultati dell’economia del paese. Specie nel campo dell’industria elettronica che esporta principalmente verso i paesi del Comecon (la Cee dei paesi dell’Est europeo che coordina la produzione dei singoli paesi che la compongono).

Il ministro Ovtcharov ha parlato, tra l’altro, del problema della proprietà. Lo Stato conserva la proprietà ma la cede in gestione alla collettività operaia di cui sono ancora da definire completamente diritti ed obblighi. Comunque, l’elezione dei dirigenti delle aziende spetta alla collettività stessa. Per le candidature - ha precisato - non vi sono limiti: tutti potranno presentare proposte o anche autocandidarsi. Allo Stato - ha detto il ministro - spettano le funzioni strategiche d' assieme. Per il resto (esportazioni, vendite, sistemi di produzione, ecc.) la competenza è delle organizzazioni di autogestione. Le aziende malgestite possono fallire, ma non esiste il pericolo della disoccupazione (il paese scarseggia di manodopera). La politica salariale sarà definita dalla collettività. I prezzi, però, potranno aumentare solo dopo consultazione popolare e iniziative unilaterali in questo campo saranno severamente penalizzate.

Un pò nebulosa la via per il rispetto delle leggi di mercato in campo internazionale. Si prevede, all’interno, la possibilità di emettere obbligazioni o azioni acquistabili anche da stranieri. Per il ministro tale innovazione potrebbe consentire alle aziende più floride di investire per aiutare e ristrutturare quelle che invece zoppicano.

Todor Zhivkov ha chiuso nel pomeriggio la conferenza nazionale del partito con un breve discorso in cui ha ribadito l’impegno a continuare nel rinnovamento della società socialista in Bulgaria. Egli ha riconfermato le tesi sulla ristrutturazione approvate al Plenum del comitato centrale del Pcb nel luglio scorso. Ma ha anche sottolineato che non si tratta di un dogma. Si avranno seguiti - ha precisato - che potranno basarsi anche sugli sviluppi che avverranno nell’Unione Sovietica, paese guida del socialismo. Zhivkov, ricordando che i dibattiti della conferenza sono stati diffusi ampiamente ed in diretta da radio e televisione in tutto il paese, si è detto certo dell’interesse dei lavoratori per gli sviluppi attuali. Il partito procederà nella sua opera - ha aggiunto - e la ristrutturazione sarà attuata da tutto il popolo, senza il quale sarebbe impossibile superare le difficoltà.


Fonte: La Repubblica


Per approfondire: Notizie di Economia



Commenta questa notizia



Notizie

08.04.1988Quella voglia d'Europa nei Balcani socialisti
06.04.1988È Sofia il vero “test”dei sogni di Gorbaciov
24.02.1988Per i Balcani inizia a Belgrado un minidisgelo
30.01.1988Sofia si adegua a Gorbaciov “riforma economica subito”
01.09.1987I capricci della compagna Kostadinova
19.08.1987Varata in Bulgaria la grande riforma
24.06.1987CEE-Comecon: contatti con Bulgaria



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)