Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  


Un violino in fuga da Dachau

12.09.2008

C’è una vecchia storiella ebraica che inizia con una domanda (qui persino l'umorismo si fonda sull'interrogazione e non sulle certezze) più o meno così: «Come mai ci sono tanti ebrei che suonano il violino?». Tanto per cambiare, anche la risposta è una domanda, e niente affatto retorica: «Hai mai visto qualcuno scappare con un pianoforte in spalla?».

A dire il vero, in queste ultime generazioni la storia, quella della musica e quella degli ebrei messe insieme, ha regalato anche dei pianisti talentuosi, come a dire che finalmente ci si può permettere di non pensare a levar le tende in fretta e furia. Ottimismo e/o prudenza a parte, con la musica il popolo ebraico ha una confidenza antichissima, almeno da re Davide e dalla sua arpa in poi. E la lettura sinagogale del testo sacro, così come la voce della preghiera, sono musica da sempre. Complice anche il divieto biblico di fare immagini, la musica è sempre stata l'arte prediletta dai figli d'Israele in diaspora, e non a caso la giornata europea della cultura ebraica da poco trascorsa aveva scelto proprio lei come filo conduttore, per quest'anno.

Filo conduttore, la musica lo è anche di un romanzo appena pubblicato in italiano da Baldini Castoldi Dalai: s'intitola Shanghai addio e ne è autore Angel Wagenstein (traduzione dal bulgaro di Roberto Adinolfi, pp. 293, euro 18). Classe 1922, Wagenstein ha trascorso l'infanzia a Parigi, è stato partigiano in Bulgaria, il suo Paese, e dopo la guerra ha fatto il regista e lo sceneggiatore. In effetti, il romanzo ha spesso i tratti del copione: scene che si susseguono rapide, ritmo incalzante. Vi si narra una vicenda calcata sulla realtà, una storia di lontananze estreme. Pochi sanno, infatti, che fra i luoghi ai quattro angoli del mondo dove gli ebrei si rifugiarono in fuga dagli orrori nazisti, ci fu anche la città cinese che questo romanzo porta nel titolo.

Ventimila ebrei tedeschi e austriaci approdarono nel «degradato quartiere di Honk Yu». Non si trattò certo di un esilio dorato, tutt'altro. Ma almeno fu salvezza. Fra questi profughi c'era il grande violinista Theodor Weissberg, che nella Notte dei Cristalli suona con l'orchestra di Dresda la sinfonia degli Addii di Haydn. Da quel giorno, anzi quella notte, quando viene arrestato con gli altri colleghi ebrei e poi internato a Dachau, la musica per lui e il suo violino diventa anche qualcosa d'altro, di terribilmente nuovo.

La cifra di un «odio mortale»: «A loro Hans, canticchiava allegramente il motivetto servendosi, per scandire il tempo, di un bastone con cui ogni tanto, dimostrando un preciso senso del ritmo, percuoteva la schiena degli sventurati ritardatari». Weissberg esce poi dal campo grazie all'arianissima moglie, e i due partono per la Cina. Come Hilde Braun, attrice e modella, anche se quasi nessuno sapeva di lei che era ebrea. Insieme a loro, altri personaggi, più o meno ambigui, affollano il romanzo.

Autore: Angel Wagenstein
Titolo: Shanghai addio
Traduzione dal bulgaro: Roberto Adinolfi
Pagine: 293
Prezzo: €18,00


Autore: Elena Loewenthal
Fonte: La Stampa



Links


Commenta questa notizia



Notizie

16.09.2008Conferenza europea sui rom: contestato il governo italiano
15.09.2008Bulgaria: cresce del 21% il mercato assicurativo
15.09.2008Bulgaria: al primo posto nel mondo per rincaro degli immobili
12.09.2008Un violino in fuga da Dachau
11.09.2008Bulgaria: IDE: 115,6 milioni di euro nel secondo trimestre dell'anno
10.09.2008Qui Italia: 7 giorni di atmosfera italiana nel cuore verde di Sofia
10.09.2008Navi Nato lasciano Mar Nero: terminata l'esercitazione



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)