Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  
La nebbia azzurra di Stara Zagora

01.08.2005

La nebbia provocata dall'anidride solforosa rilasciata da una centrale ha tenuto in ostaggio la città.

A Stara Zagora il disastro ambientale era previsto da tempo. Per questo la nebbia azzurrina che ha avvolto la città dall'otto all’undici luglio non ha stupito nessuno. Tutti sapevano che prima o poi l’uso indiscriminato della vecchia centrale termoelettrica di Marista Istok avrebbe chiesto il conto e la catastrofe non si è lasciata attendere. Nei quattro giorni di luglio il livello di inquinamento da anidride solforosa in città ha raggiunto i 492 microgrammi per metro cubo, su una soglia limite di 350 grammi.

Anche se annunciato, il disastro ha traumatizzato ugualmente la popolazione. Un abitante del posto ha descritto uno scenario drammatico: “La nebbia azzurra era talmente fitta che chi era in auto ha dovuto accendere i fari in pieno giorno. Nessuno riusciva a respirare e a tutti lacrimavano gli occhi”.

“Un vero e proprio genocidio nei confronti dei cittadini” ha affermato la Commissione sulla Salute e l’Ambiente della città. Proprio per questo lo scorso 19 luglio centinaia di persone dotate di maschere antigas si sono riversate nelle strade della città minacciando azioni di disobbedienza civile nel caso in cui non venissero individuati i responsabili della catastrofe. Responsabili che ha detta della popolazione hanno un nome e un volto preciso.

Un disastro annunciato

Il complesso termoelettrico di Marista Istok risale a 40 anni fa. Gli impianti obsoleti e l’uso indiscriminato di grandi quantità di lignite hanno trasformato il fiore all’occhiello della modernizzazione industriale socialista in un fardello sempre più gravoso. Ogni tre mesi i tre impianti che lo costituiscono, la cui proprietà è in mano a tre diversi imprenditori, pagano multe elevate per l’inquinamento atmosferico prodotto. Disposti a versare multe salatissime pur di non mettere in discussione l’utilizzabilità della centrale, gli attuali proprietari, tra cui l’italiana Enel, non hanno mai disposto l’installazione di un sistema di filtri.

Elementi, questi, che sollevano numerosi interrogativi. Dove sono finiti i fondi che lo stato ha guadagnato dalla privatizzazione e dalle multe pagate per l’inquinamento prodotto dagli impianti? Se ne sono perse le tracce. Ma la scomparsa dei fondi stanziati per la bonifica dell’area di Marista Istok è soltanto uno degli elementi strani della vicenda.

Diana Iskreva, direttore della Ong bulgara Earth Forever, commenta indignata: “L’Ispettorato Regionale dell’Ambiente e delle Acque è ovviamente impossibilitato a frenare l’inquinamento. Le multe inoltrate e la salute a rischio delle 300 mila persone sparse tra le municipalità di Stara Zagora, Radnevo e Galabovo, sono niente se raffrontate agli enormi profitti.”

Del resto il cinismo affaristico della dirigenza dell’impianto è stato ben coperto anche dalle istituzioni. Soltanto quattro giorni dopo il disastro, le autorità hanno pubblicamente riconosciuto la portata della catastrofe. Un ritardo che, come commentato da un’attivista di una Ong bulgara durante il terzo giorno di nebbia blu, non ha tenuto conto neanche delle drammatiche ripercussioni sui cittadini. “Per il terzo giorno la popolazione di Stara Zagora non ha osato respirare, così come non ha potuto evitare di pensare al pesante e grigiastro vapore di anidride solforosa, il primo indicatore della presenza degli acidi nell’aria…E i polmoni dei nostri bambini? Le mamme non potevano chiedere ai loro bambini di smettere di respirare finché che la nuvola mortale si fosse allontanata..”

L’aut aut delle nuove imprese

Oggi, mentre in molti si chiedono dove sia finito il volto amico di un impianto che per anni ha dato lavoro a tutti, altri sottolineano l’aut aut indecente dello sviluppo industriale post-comunista.

Stara Zagora non è un caso isolato. La transizione gestita dall’alto verso il libero mercato dei paesi dell’ex blocco comunista ha costretto la popolazione ad accettare i meccanismi competitivi provenienti dall’occidente, obbligandoli a mettere in gioco persino la propria terra pur di poter continuare a lavorare in quelli che un tempo erano impianti pubblici.

Proprio la presenza consistente e a buon mercato di lavoratori altamente specializzati nella gestione degli impianti industriali, unita alla privatizzazione indiscriminata degli impianti pubblici, ha determinato l’arrivo in massa di numerosi investitori israeliani, russi, cinesi ed italiani. Tutti pronti a lanciarsi nel grande affare della delocalizzazione industriale.

Nessuno però avrebbe immaginato l’inizio di un nuovo calvario. Quello ambientale. Negli ultimi anni soprusi ambientali come quello del Marista Istok stanno diventando una costante.

Lo scorso aprile, nei pressi del villaggio di Kovachevo, regione di Stara Zagora, la rilevazione di un elevato livello di diossina e policlorinato bifenile nel terreno ha portato le autorità a suggerire di ridurre le esposizioni ad inquinanti organici pericolosi. Nessuno però ha parlato di bonificare il terreno contaminato e così, nel silenzio generale, la popolazione ha continuato a vivere mangiando i prodotti coltivati sulle stesse terre contaminate.

Ivaylo Hlebarov, della Ong ambientalista Za Zemiata, lo ha più volte denunciato pubblicamente: “La diossina finita nel cibo sta provocando degli effetti terribili. Numerose persone nell’area di Stara Zagora hanno mostrato l’insorgenza di forme cancerogene e frequenti difficoltà respiratorie. Eppure loro non possono far altro che continuare a mangiare cibo contaminato tutti i giorni”.
Morire lentamente per colpa di chi? Anche questa domanda nella Bulgaria post-comunista resta senza risposta.


Autore: Enza Roberta Petrillo
Fonte: Peace Reporter




Commenta questa notizia



Notizie

04.08.2005Bulgaria: finanziamento BERS destinato a progetti energetici
03.08.2005Voto agli immigrati: no del Consiglio dei ministri
01.08.2005Tumori: una strage di Stato?
01.08.2005La nebbia azzurra di Stara Zagora
01.08.2005Bulgaria: governabilità a rischio
27.07.2005Bulgaria: per A.T. Kearney, un paese d' interesse per le grandi catene commerciali
26.07.2005I Balcani fanno parte dell’Europa. Un’intervista ad Alek Popov



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)