Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  
Bulgaria: la trincea europea degli USA

23.04.2006

Era considerata come un paese-appendice della vecchia Urss ma balzò all'attenzione delle diplomazie occidentali nel 1977, quando si parlò di una sua eventuale annessione a Mosca. Sempre fedele alla politica del Cremlino e schierata in prima fila (sino al 1991) nell'organizzazione militare di quello che si chiamava "Patto di Varsavia". Ma, crollata l'Unione Sovietica e disciolto il "campo socialista", è proprio la Bulgaria a divenire ora la vera mosca cocchiera della nuova politica di penetrazione americana all'Est. Arriva, infatti, a Sofia, l'emissario del presidente Bush, Robert Loftis, con il compito di organizzare - politicamente, diplomaticamente e militarmente - la dislocazione delle basi militari Usa sul territorio della Bulgaria. Non solo: ma tra il 27 e 28 aprile è convocato proprio a Sofia un incontro dei ministri degli Esteri dei Paesi della Nato. Tutti pronti ad affrontare la preparazione del summit dell'Alleanza a Riga, previsto per novembre prossimo. Ecco, quindi, che per la prima volta la Bulgaria ospiterà un vertice d'importanza globale dopo la sua adesione avvenuta nell'aprile del 2004. Le delegazioni attese nella capitale saranno 39 e quella americana sarà guidata dal Segretario di Stato Condoleezza Rice. Toccherà, infatti, a lei firmare con la controparte bulgara un accordo decennale per la dislocazione sul territorio nazionale di tre basi militari americane.

I "dettagli" tecnici sono stati già concordati: prevedono la presenza in Bulgaria di 2.500 militari statunitensi nel poligono di Novo Selo e negli aeroporti militari Bezmer e Graf Ignatievo, nella parte meridionale del Paese. Tutto ok, quindi, da parte di una Bulgaria che diviene così la vera e propria trincea operativa degli americani in Europa. Comunque, per tranquillizzare la popolazione locale, il vice premier e ministro degli Esteri, Ivailo Kalfin, e il ministro della Difesa, Vesselin Bliznakov, hanno rassicurato che nelle basi non ci saranno armi di distruzione di massa o nucleari.

Dichiarazioni a parte è chiaro che inizia una nuova tappa relativa all'espansione dell'Alleanza Atlantica ai confini della Russia e si conferma la volontà di Washington di considerare i Balcani come una loro piattaforma strategica. Nessun intralcio, quindi. Perché c'è un "voto bulgaro" - che viene dalle alte sfere di Sofia - in favore di questa politica. Lo spiega alla stampa lo stesso responsabile della Difesa, Bliznakov, presentando l'accordo per le basi come un importante passo diplomatico che si concretizza significativamente con la benedizione della Rice.

La manovra bulgara, ad ogni modo, non è nuova. Già da qualche tempo i vertici militari locali hanno stabilito un rapporto diretto e privilegiato con il Pentagono. Si sa che si sono svolte numerosissime riunioni bilaterali e che i generali statunitensi hanno compiuto ispezioni in loco, con l'obiettivo di avvicinarsi sempre più al fianco orientale del Paese, verso i Balcani. Divengono pertanto operative - e cioè al servizio degli americani - quelle tre basi militari bulgare che nel passato avevano ospitato gli eserciti del Patto di Varsavia. C'è così un vero cambio della guardia sia a Sliven - dove si trova il maggior poligono militare dell'Europa centrale - sia nelle basi aeree situate nei pressi di Plovdiv.

Si configura, pertanto, una vera e propria Nato dell'Est che - dominata ovviamente da Washington ed organizzata a partire dal 1999, con il pieno appoggio della Polonia, della Repubblica Ceca e dell'Ungheria - sta compiendo passi da gigante verso il fianco orientale del Paese e verso i Balcani. Si è in presenza, pertanto, di una vera e propria espansione militare che non trova giustificazione alcuna. Nessuno, infatti, minaccia l'Europa e i paesi dell'ex blocco del Patto di Varsavia, ai quali era stato promesso un "Piano Marshall", si trovano a dover ricevere truppe ed armamenti che, tra l'altro, dovranno pagare di tasca loro…

La nuova geostrategia americana prevede, intanto, il completo accerchiamento della Russia, tenendo conto che già Estonia, Lettonia, Lituania, hanno di fatto creato una cortina di ferro nella loro frontiera baltica. E la Slovacchia si è unita a questo disegno completando la costruzione del nuovo "muro atlantico" nel cuore dell'Europa centrale. Ed ecco ora che la Bulgaria - e a ruota la Romania - bloccano la frontiera occidentale del Mar Nero, favorendo il controllo della Nato a partire dalla Georgia sino al delta del Danubio. La gestione dell'intera operazione di "annessione" è seguita da una vera e propria alleanza militare denominata Usa Adriatic Charter che è una filiale di copertura della Nato e che va a nascondersi dietro la sigla di quella Partnership for peace che copre le vere intenzioni atlantiche.

E comunque non è un segreto il fatto che paesi come Croazia, Albania e Macedonia, sono attivamente impegnati insieme agli americani in numerose esercitazioni aeronavali sulle coste adriatiche. Si è così alla presenza di una forza tattica integrata che va a toccare il Mar Nero formando quella Black Sea Force che comprende Romania, Bulgaria, Turchia e Georgia. C'è poi l'Adriatic Charter che permette di collegarsi simultaneamente via terra - attraverso i raccordi Tirana-Skopje-Sofia - all'Adriatico, all'Egeo (via Salonicco) e al Mar Nero. Restano fuori dal disegno strategico (per ora) paesi come la Bosnia-Erzegovina, la Serbia (e il Kosovo) e il Montenegro. Aree che gli Usa ritengono ancora come "inaffidabili", ma sulle quali si sta svolgendo un serio lavoro d'intelligence. Tutto, in questo momento, è diretto dalla base operativa che gli americani hanno istituito nella capitale bulgara. E' qui che si organizzano le future strutture direzionali di una "Nato dei Balcani" che dovrebbe comprendere oltre alla Bulgaria anche Romania, Croazia, Albania e Macedonia.

In pratica sta nascendo una sorta di Pentagono-Cia nel cuore dell'Europa che ha come compito quello di monitorare la regione balcanica e caspico-caucasica. Le strutture direzionali ed operative esistono già e sono sotto controllo diretto degli americani. Come "contropartita" gli Usa garantiranno che entro il 2007 l'Unione Europea offrirà nuove opportunità alla Bulgaria, alla Croazia, e alla Romania. Paesi, questi, che Washington considera - insieme al Caucaso e all'Asia centrale - "d'importanza strategica". E così quella Bulgaria un tempo fedele di Mosca è ora solo un lontano ricordo. Sarà interessante conoscere la reazione del Cremlino dopo il vertice di Sofia e dopo gli annunciati incontri al summit di Riga.


Autore: Carlo Benedetti
Fonte: altrenotizie.org


Per approfondire: La Bulgaria e la NATO | Le basi militari USA in Bulgaria



Commenta questa notizia



Notizie

02.05.2006Bulbank registra un profitto netto consolidato di 49 milioni di euro
30.04.2006Il grande gioco delle basi militari in terra europea
28.04.2006Bulgaria: torna la tubercolosi
23.04.2006Bulgaria: la trincea europea degli USA
21.04.2006L'eredità dimenticata della cultura europea
20.04.2006Maltempo: Bulgaria, piogge aggravano emergenza Danubio
20.04.2006Bulgaria: giallo, dall'autostrada in parlamento



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)