Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  
Georgi Gospodinov a Pisa e a Venezia

30.05.2007 - Pisa

Il 23 maggio Georgi Gospodinov, invitato in Italia dalla sua editrice Daniela Di Sora, si è incontrato con gli studenti di bulgaro e di filologia slava nella sede di palazzo Ricci a Pisa. Il salone era pieno. Giuseppe Dell’Agata ha presentato Gospodinov come autore bulgaro colto, raffinato e inventivo (forse il più importante tra i viventi) e ha tracciato il suo percorso dalla lirica al romanzo, ai racconti, allo splendido testo teatrale D.J (è un DJ ma è soprattutto Don Giovanni), ancora inedito in bulgaro, ma già tradotto in russo e messo in scena anche in Francia e in Austria. Dell’Agata ha anche illustrato il sito e le pubblicazioni di Gospodinov, in collaborazione con altri, relativi a una serie di testimonianze di coloro “che hanno vissuto il socialismo”. Un bel volume di fotografie di oggetti del periodo cosiddetto “socialista” si è affiancato alle 171 testimonianze raccolte a stampa nel volume “Io ho vissuto il socialismo”. Lo scarso assortimento di oggetti più vari, dalla tessera dei pionieri, a radio, macinino per il pepe e al celebre “čuškopek”, oggetti che, essendo diffusissimi, sono alla radice di una affettuosa memoria condivisa, così come la cioccolata “Krave” e le caramelle “Lakta”, biciclette e motorini. Non è un caso che singole industrie private, anche straniere, abbiano ripreso loghi, impostazione e simbologia ‘nostalgica’ di prodotti del periodo indagato. Gospodinov ha poi tenuto una lezione sulle nuove tendenze della letteratura bulgara contemporanea, sottolineando che all’iniziale scontro del primo periodo di transizione tra chi puntava sulle caratteristiche locali e su un certo esotismo di maniera e chi voleva scendere in campo aperto, trascurando in parte o del tutto la propria ‘bulgaricità’, la situazione letteraria si sia riequilibrata e, sotto certi aspetti, ‘normalizzata’. Lo scrittore ha poi risposto a varie domande e l’incontro si è chiuso con la netta sensazione di un arricchimento e aggiornamento culturale di tutti i partecipanti.

Il 24 mattina Gospodinov, Dell’Agata, Catalano (docente di letteratura ceca a Padova ed estimatore di Gospodinov) e Adinolfi (dottore di ricerca e traduttore dal bulgaro) sono andati a Venezia. Durante il viaggio, tra Firenze e Ferrara, Catalano, coadiuvato in qualità di dragomanno da Dell’Agata, ha fatto una bella e succosa intervista all’autore bulgaro, intervista che uscirà nel prossimo numero di “eSamizdat” condiretta dallo stesso Catalano. Il numero comprenderà anche traduzione di alcune poesie e di un racconto dell’autore fatti da Dell’Agata.

Nel pomeriggio dello stesso giorno, Gospodinov ha incontrato un foltissimo pubblico in uno splendido salone sul Canal Grande a Ca’ Bernardo, sede dell’Università di Venezia. Il merito del successo dell’iniziativa è in primo luogo di Iliana Krăpova, docente a Venezia di Linguistica slava e di Lingua bulgara. L’incontro era dedicato alla celebrazione della festa della scrittura slava e di Cirillo e Metodio. Tra i presenti molti docenti, tra i quali il prof. Alexander Naumow, responsabile dei corsi del dottorato di Slavistica, la scrittrice di lingua tedesca Petra Reski, vari professori, tra i quali Rizzi, Possamai, Zani, Cinque, Corduas e Catalano, e anche molti membri dell’associazione Bulgaria-Italia. Sono stati toccati i seguenti aspetti: l’importanza della festa della scrittura slava, la presentazione dello scrittore Georgi Gospodinov e del suo Romanzo naturale, l’attività dell’associazione Bulgaria-Italia, e alcuni aspetti della letteratura bulgara contemporanea. Sono intervenuti, nell’ordine, la preside della Facoltà di Lingue Chagidemetriu, il direttore del dipartimento di Americanistica, Iberistica e Slavistica, Luigi Magarotto, il console generale di Milano Ivo Ivanov, che ha illustrato l’importanza della festa di Cirillo e Metodio nella vita culturale bulgara. La violinista Sonja Domuscieva Nedeva ha presentato, con stringata eleganza la meritoria attività culturale dell’associazione Bulgaria-Italia, in luogo del presidente Paolo Modesti (che si trovava all'estero per motivi di lavoro).

Sotto l’autorevole e appassionata regia di Iliana Krăpova hanno poi parlato: Giuseppe Dell’Agata, che, dopo aver svolto alcune considerazioni sulla ricorrenza cirillometodiana e sull’ingresso del cirillico nell’Unione Europea, ha presentato lo scrittore bulgaro e il suo importante romanzo appena uscito presso la Voland, Romanzo naturale, nella traduzione di Daniela Di Sora e Irina Stoilova). Daniela Di Sora ha illustrato le strategie della Voland in un contesto di mercato alquanto freddo e non particolarmente colto e curioso e ha lasciato traboccare il suo viscerale trasporto, che certo non la ha fatta proprio arricchire, per la letteratura bulgara. Gospodinov ha svolto le sue considerazioni sulla letteratura bulgara contemporanea e ha risposto a diverse domande, delineando in particolare la sua postmodernità per nulla fredda e irreggimentata, ma che, sotto alcuni procedimenti postmoderni, è ad alta temperatura affettiva con forte nostalgia dell’infanzia. Una animata cena sociale in Campo San Polo ha permesso di continuare amichevolmente le discussioni avviate.


Autore: Giuseppe Dell'Agata




Commenta questa notizia



Notizie

10.06.2007Conferenza ad Adria su Luigi Salvini
08.06.2007La guerra intorno alla chalga non Ŕ ancora finita
06.06.2007Bulgaria: esposta a Sofia collezione Arte Farnesina
30.05.2007Georgi Gospodinov a Pisa e a Venezia
24.05.2007Destra, crimini e scandali nel voto bulgaro
23.05.2007Grande festa della cultura per i bulgari
23.05.2007Elezioni europee in Bulgaria, stanchezza e indifferenza



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura CittÓ e LocalitÓ Economia Folklore Informazioni Politica e Governo SocietÓ Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)