Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  
Condanne a morte: dichiarazione del Ministero degli Affari Esteri della Repubblica di Bulgaria

19.12.2006 - Sofia

“Siamo estremamente preoccupati dalla sentenza giudiziaria odierna. Per nostro enorme dispiacere, il Tribunale non ha preso in considerazione le numerose prove d’innocenza delle infermiere bulgare. Non possiamo accettare una sentenza che ignora i fatti estremamente chiari, comprovati anche dai risultati più recenti delle ricerche dei rinomati esperti mondiali i quali respingono qualsiasi legame tra il lavoro delle infermiere bulgare e l’epidemia di AIDS nell’ospedale pediatrico di Bengazi. E’ evidente che la condanna fa tornare indietro gli sforzi impiegati per la soluzione di questo caso straziante.

Negli ultimi anni il popolo bulgaro e la comunità europea hanno dimostrato una grande compassione e solidarietà per il destino dei bambini infetti e le loro famiglie. Noi abbiamo fatto e continueremo a fare tutto il possibile per trovare il modo e i mezzi per il sollievo delle loro sofferenze e per prevenire simili tragedie in futuro. Siamo grati per la compartecipazione di molti popoli e governi a questi nostri sforzi.

Contemporaneamente, siamo fermamente convinti che qualsiasi legame tra questa tragedia ed il lavoro delle infermiere bulgare ed il medico palestinese sia assolutamente infondato e induce in errore il popolo libico e le famiglie colpite.

Lo trascinare di questo processo per otto anni ormai è già un argomento abbastanza forte che impone l’impegno delle istituzioni libiche e gli organi dirigenti del Paese. Noi appelliamo fermamente alle Autorità libiche compreso il sistema giudiziario di non rimandare più la definitiva soluzione di questo caso e di permettere alle infermiere bulgare e al medico palestinese di ritornare nei loro Paesi. Dopo otto anni di reclusione nel carcere libico tutti loro meritano giustizia, una procedura giudiziaria onesta e breve.

Noi assicuriamo le nostre connazionali ed il medico palestinese che il Governo bulgaro non risparmierà sforzi anche in futuro lottando per il loro diritto di giustizia e per la conclusione di questo caso doloroso. Ringraziamo i nostri partners, alla comunità internazionale, gli ambienti medici e scientifici, le organizzazioni per i diritti umani ed altre organizzazioni non governative, nonché i mass media mondiali per il fatto che si sono schierati accanto a noi in sostegno della nostra causa. Appelliamo a tutti loro di continuare più attivamente ancora questo appoggio fino al rientro delle infermiere bulgare e del medico palestinese”.


Fonte: Ambasciata della Repubblica di Bulgaria



Links


Commenta questa notizia



Notizie

20.12.2006Energia elettrica, la Bulgaria protesta
20.12.2006Bulgaria: aerei preoccupano ma da UE nessuna lista nera
19.12.2006La Libia ha confermato la condanna a morte per le cinque infermiere bulgare e per il medico palestinese
19.12.2006Condanne a morte: dichiarazione del Ministero degli Affari Esteri della Repubblica di Bulgaria
18.12.2006Gas: intesa Gazprom e Bulgaria su graduale adeguamento prezzi
18.12.2006Bulgaria: tra un anno il via alla presentazione di progetti per il programma operativo di sviluppo regionale
13.12.2006Bulgaria: l'industria della pesca otterrà finanziamenti europei



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)