Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  
CRBM: no a finanziamento Unicredit a centrale nucleare bulgara

16.10.2006 - Trento

Numerose azioni dimostrative sono state attuate venerdì scorso in 23 Paesi dell'Europa e negli Stati Uniti per convincere il gruppo Unicredit a non erogare fondi per la realizzazione del rischiosissimo progetto di centrale nucleare di Belene, nel nord della Bulgaria. In Italia attivisti della Campagna per la Riforma della Banca mondiale (CRBM), di Mani Tese e di Greenpeace hanno distribuito volantini e materiali informativi davanti alla sede centrale di Unicredit in Piazza Cordusio, a Milano, e nelle filiali di diverse altre città.

L’opera, i cui costi si aggirano tra i 2 e i 3,5 miliardi di euro, non è considerata sicura perché sorgerebbe nei pressi di una zona altamente sismica, dove nel 1977 a causa di un terremoto morirono oltre 200 persone. Nonostante ciò da circa un anno l’Unicredit sta manifestando un forte interesse per il progetto, offrendosi di finanziare, direttamente o tramite le altre banche del gruppo, come la HVB , le imprese costruttrici Skoda e Atomstroyexport Consortium. "Un proposito sconcertante, visto che nei suoi siti web la banca si fa vanto di un comportamento responsabile, attento all’ambiente e al benessere delle persone" - commenta la Crbm.

A tutt’oggi la Bulgaria non ha ancora individuato una soluzione per la messa in sicurezza delle scorie che la centrale produrrà. Va inoltre tenuto presente che il modello di uno dei due reattori previsti non riceverebbe mai licenza di esercizio in Germania, Austria e altri Paesi dell’Unione Europea, mentre l’altro modello non è mai stato sperimentato in Europa. In aggiunta la Bulgaria ha precedenti terribili in materia di sicurezza nucleare: quest’anno ha cercato di far passare sotto silenzio un incidente di tipo INES 2 occorso nella centrale di Kozloduy.

”Chiediamo al gruppo Unicredit di mantenere le proprie promesse in materia di responsabilità” - ha affermato Andrea Baranes, responsabile della CRBM per le campagne sulla finanza privata. “La Bulgaria avrebbe ampie possibilità di sfruttamento delle energie rinnovabili e per migliorare la propria efficienza energetica, oggi una delle più basse d’Europa. In questi campi sarebbe sicuramente auspicabile una maggiore attenzione degli istituti di credito. Al contrario, il finanziamento di un impianto nucleare con gravi problemi di sicurezza anche legati al rischio terrorismo e realizzato in una zona sismica ci sembra assolutamente incompatibile con le dichiarazioni di responsabilità e di attenzione all’ambiente che Unicredit sostiene di adottare” - ha concluso Baranes.

Il governo bulgaro ha deciso nel dicembre del 2002 di riprendere nel 2003 la costruzione di una centrale nucleare a Belene (nord), sul Danubio, i cui lavori erano stati interrotti nel 1990. La costruzione della centrale di Belene, che costerebbe circa un miliardo di dollari, riprenderà nel 2003 e gli impianti dovrebbero entrare in servizio nel 2008. Il 29 aprile del 2004 il governo bulgaro ha preso la decisione di riavviare la costruzione di quella che diverrebbe la seconda centrale nucleare del Paese nei pressi della città di Belene, lungo il Danubio. “Si tratta del più grosso investimento degli ultimi due decenni – ha con orgoglio ricordato il Primo ministro Simeone di Sassonia Coburgo Gotha agli abitanti di Belene – abbiamo tutte le capacità per costruire un impianto che rispetti le più rigide norme sulla sicurezza. Garantirà energia stabile per i cittadini per i prossimi 50 anni e grazie a quest’ultima la Bulgaria manterrà un ruolo predominante nel mercato energetico dell’intera area” - riporta un dettagliato articolo dell'Osservatorio sui Balcani.

Il primo marzo 2006, in seguito ad un problema di pompaggio, è risultato che 22 delle 60 aste di regolazione del reattore 6 nell’impianto di Kozloduy non funzionavano. L’accaduto è stato in seguito classificato di ordine 2 (guasto molto serio) nella scala internazionale INES degli incidenti nucleari. Georgi Kashchiev, già dirigente del settore nucleare bulgaro e oggi ricercatore all’Institute for Risk Analysis di Vienna, in base ai problemi tecnici verificatisi ha paragonato il funzionamento del reattore a un’automobile lanciata a tutta velocità senza freni. Le autorità bulgare hanno ammesso l’incidente solo dopo le dichiarazioni rilasciate il 23 aprile da Kashchiev alla stampa, e sono state in seguito costrette a innalzare la gravità dell’incidente dall’iniziale INES 0 a INES 2. Ancora più recentemente, il 7 ottobre scorso è stata riscontrata una perdita di materiale radioattivo in una parte non-nucleare dell’impianto di Kozloduy 6: l'incidente è stato reso pubblico solo due giorni dopo l’accaduto.


Autore: GB
Fonte: unimondo.org


Per approfondire: Notizie di Economia



Commenta questa notizia



Notizie

19.10.2006Bulgaria: si vota domenica. Parvanov favorito
18.10.2006Cerignola: una ventina di bulgari sottopagati e la solita presenza dei caporali
17.10.2006Bugie bulgare sul nucleare di Kozlodui
16.10.2006CRBM: no a finanziamento Unicredit a centrale nucleare bulgara
16.10.2006L'esercito delle badanti clandestine: "Una su 4 nelle mani del racket"
13.10.2006Bulgaria: illustrate le linee di sviluppo del gruppo Italcementi con nuovi investimenti
12.10.2006Record di visitatori per "Centrali Aperte" in Bulgaria



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)