Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  
Balcani, anche griffes italiane nello sfruttamento del lavoro

13.02.2006

Lo rivela la terza pubblicazione della Clean Clothes Campaign sulle condizioni di lavoro nell'Europa dell'Est.

A distanza di otto anni le condizioni di lavoro sono rimaste sostanzialmente immutate nei laboratori a domicilio nell'Europa dell'Est e in Turchia: 15 ore di lavoro al giorno per 6 o 7 giorni alla settimana, salari insufficienti o al di sotto dei minimi di legge, precarietà, assenza di tutele sanitarie e antinfortunistiche, molestie sessuali e maltrattamenti, discriminazioni e attività antisindacali sono una costante nell'industria di confezioni per l'esportazione. Lo rivela la terza pubblicazione della Clean Clothes Campaign sulle condizioni di lavoro nell'Europa dell'Est. La Turchia è il paese dove sono stati riscontrati i peggiori abusi, fra cui l'impiego sistematico di lavoro minorile. Fra i primi dieci paesi fornitori della UE, la Turchia occupa il secondo posto dopo la Cina, con una quota dell'11%, Polonia e Romania sono in sesta posizione con il 4%. Il comparto del tessile-abbigliamento rappresenta il 15,5% del settore manifatturiero in Turchia, l'11% nelle repubbliche baltiche, poco meno del 10% in Romania e Slovenia. Predominante la componente femminile, fra il 90 e il 95% della manodopera totale.

"Il meccanismo commerciale e tariffario introdotto dall'Unione europea, che consente alle imprese di esportare semilavorati o materie prime al di fuori del territorio della Comunità per reimportare i prodotti finiti senza pagare i dazi all'importazione (Traffico di perfezionamento passivo o TPP), ha incentivato le delocalizzazioni nell'Est europeo, dando origine a un numero sterminato di piccole imprese specializzate nella cucitura in conto terzi, ma determinando una crisi irreversibile per le industrie tessili e per gli stabilimenti a produzione integrata, molto diffusi nei paesi ex-comunisti, che sfornavano capi finiti partendo dal filato. Oggi, con l'ingresso progressivo nella UE dei paesi dell'Est, si pone il problema di una revisione dei meccanismi di scambio commerciale ed è probabile che in futuro a restare sul mercato saranno solo poche, grandi imprese di subfornitura.

Fra le imprese committenti che si spartiscono quest'area geografica sono segnalate le italiane Armani, Benetton, Diadora, Hugo Boss (Valentino), Miroglio, Trussardi e una serie di altri marchi di minor fama. La marcia delle griffes verso paesi con minori diritti e costo del lavoro più basso prosegue intanto in direzione della Lituania, dell'Ucraina, della Russia" - riporta Clean Clothes Campaign.

E mentre in Italia il 18 gennaio scorso la Commissione industria del Senato ha approvato il disegno di legge sulla riconoscibilità e la tutela dei prodotti italiani, due operaie bulgare sono decedute nei giorni scorsi allafabbrica italiana di calzature Euroshoes, a 30 chilometri da Sofia. "Condizioni di lavoro sfibranti" sarebbe il motivo della duplice morte secondo i media e le televisioni locali. Le due operaie erano sorelle: la prima, Raina, 48 anni, è morta il 4 gennaio in ospedale stroncata da un ictus. La seconda, Pavlina, 38 anni, è stata colta da infarto in ditta durante l'intervallo. La Euroshoes, con sede a Dupnitsa, impiega 1.600 persone e produce scarpe che reimposta in Italia; è attiva da 14 anni. Secondo l'agenzia "Sofia News", gli ispettori hanno riscontrato "decine di violazioni delle norme del lavoro", con condizioni "estenuanti". Agli operai della fabbrica italiana non sarebbero state concesse pause e di regola neppure riposi settimanali - riporta Il Manifesto.

E sempre la Clean Clothes Campaign annuncia che è in libreria la "Guida al Vestire Critico" dell'editrice Emi. La pubblicazione si pone tre obiettivi: fare conoscere le problematiche sociali e ambientali esistenti dietro i capi di vestiario, fornire consigli per un vestire responsabile e dare informazioni sulle imprese più in vista del settore abbigliamento e calzature. La ricerca, che è durata un anno, è stata condotta dal Centro Nuovo Modello di Sviluppo in collaborazione con vari amici a distanza.


Fonte: Vita


Per approfondire: Inchiesta sull'industria tessile in Bulgaria - Clean Cloth Campaign | La morte di due operaie in una fabbrica italiana



Commenta questa notizia



Notizie

14.02.2006Roma: si apre la mostra "I Tesori della Bulgaria: dal Neolitico al Medioevo"
14.02.2006I bulgari, un popolo in estinzione?
13.02.2006La febbre delle caricature
13.02.2006Balcani, anche griffes italiane nello sfruttamento del lavoro
11.02.2006Firenze: inaugurata targa in memoria di Konstantin Velichkov
10.02.2006La Banca Mondiale favorevole all’adesione della Bulgaria alla UE nel 2007
10.02.2006Bulgaria: per BERS la priorità sono le infrastrutture



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)