Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  
Truffa finanziamenti pubblici per film, indagato produttore

24.11.2005 - Milano

Un produttore cinematografico e altre quattro persone sono indagate dalla procura di Roma con l'accusa di aver gonfiato i costi di produzione di un film finanziato dal ministero dei Beni Culturali allo scopo di disporre a titolo personale di parte dei fondi pubblici, per un totale di 1 milione di euro.

Lo si legge in una nota del nucleo speciale di polizia valutaria della Guardia di Finanza di Roma.

G.V., di anni 58, produttore cinematografico, insieme alla moglie di 37 anni, due italiani e un bulgaro, sono accusati di aver "messo in piedi un giro di fatture in tutto o in parte inesistenti, dirette a gonfiare i costi connessi alla produzione di un'opera cinematografica ritenuta di interesse culturale nazionale, per la realizzazione della quale il Ministero per i beni e le attività culturali aveva concesso finanziamenti pubblici per oltre 5 miliardi delle vecchie lire", scrivono i finanzieri che hanno svolto le indagini.

L'inchiesta -- coordinata dal sostituto procuratore di Roma Anna Maria Teresa Gregori -- ipotizza nei confronti degli indagati a vario titolo i reati di associazione a delinquere finalizzata alla truffa ai danni dello Stato, riciclaggio e dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture per operazioni inesistenti.

La Guardia di Finanza scrive di aver appurato, in base ad accertamenti condotti sui relativi flussi finanziari, che una parte dei fondi elargiti dal ministero per la produzione del film - in parte realizzato in Bulgaria - dopo essere confluiti su un conto corrente intestato al produttore (oltre 2,7 milioni di marchi tedeschi), presso una dipendenza della Bulbank di Sofia, sono quasi totalmente rientrati in Italia, nella libera disponibilità dello stesso produttore e della moglie.

Le indagini, eseguite anche attraverso commissioni rogatoriali internazionali, quantificano in oltre un milione di euro (1.075.800,60 euro) la truffa in danno del bilancio dello Stato.

Lo stesso importo sarebbe quindi stato poi riciclato ed impiegato per l'acquisto di due unità immobiliari intestate al produttore e alla moglie, scrivono le Fiamme Gialle.

La Procura di Roma titolare delle indagini ha avanzato richiesta di rinvio a giudizio per tutti e cinque gli indagati. L'udienza davanti al Gup è stata fissata per il 21 dicembre.


Fonte: Reuters




Commenta questa notizia



Notizie

29.11.2005Libia: infermiere bulgare, Sofia spera in possibile accordo
29.11.2005Bulgaria: aeroporti militari obsoleti andranno a privati
28.11.2005Bulgaria: Unicredito diventa azionista di Dzi Financial Group
24.11.2005Truffa finanziamenti pubblici per film, indagato produttore
22.11.2005Bulgaria: contro la febbre dell’oro
17.11.2005A Santa Cecilia, Vesselin Stanev il nuovo Horowitz
16.11.2005Libia: infermiere, parlamento bulgaro approva dichiarazione



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)