Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  
L’esposizione “Vinaria 2005“ a Plovdiv

13.02.2005

Intervento della corrispondente Elena Chahanova durante la trasmissione “Horisont za vas” della Radio Nazionale Bulgara

L’esposizione “Vinaria” in Italia è conosciuta da anni. La segue con particolare interesse già da molto tempo il Presidente dell’Associazione Piemontese Consorzi Esportazione nonché Presidente del Consorzio Bulgaria Export: il signor Giuseppe Monforte. Anno dopo anno lui vede che la mostra diventa sempre più ampia e interessante, dando sempre più possibilità di favorire l’esportazione di vino bulgaro. Il signor Monforte è convinto che il vino bulgaro può trovare grande spazio anche sul mercato italiano per vari motivi:
1. l’Italia è un grosso consumatore di vini
2. l’Italia è anche un grosso consumatore di vini esteri e gli italiani sono sempre più curiosi di gustare altri tipi di vini
3. la Bulgaria ha dei vini molto interessanti soprattutto quelli autoctoni tipo mavrud o gamza
4. Essendo un prodotto nuovo sicuramente creerà l’attenzione dei consumatori italiani

Il signor Monforte ritiene che per i vini bulgari il mercato dei supermercati e dei grandi magazzini non è il più adatto perché la pubblicità e la promozione richiede investimenti molto alti, quindi eccesivi per i produttori bulgari. Sicuramente sul mercato “Horeca” che fa distribuzione nei ristoranti, alberghi, vinerie, bar e così via, i vini bulgari hanno delle ottime opportunità, perché non ci vogliono grandi investimenti per la promozione.

Perché il vino bulgaro non è ancora conosciuto in Italia? Secondo il signor Monforte che conosce il nostro paese da più di 10 anni, il problema è nel produttore bulgaro poco incline ad investire nei nuovi mercati. La proposta che egli farà a “Vinaria” sarà di formare un consorzio degli esportatori dei vini bulgari, perché loro conoscono meglio la produzione e possono offrire una gamma più ampia per l’esportazione. Per realizzare questo progetto, bisogna incontrare tutti i produttori con i quali formare questo consorzio e scegliere i vini più adatti per il mercato italiano.

Senz’altro, il signor Monforte ha il suo vino bulgaro preferito così come ha altre proposte: ” I vini che mi piacciono sono quelli autoctoni. Gli altri che hanno ceppo importato tipo souvignon e chardonay li evito. Possono essere interessanti, ma solo per il prezzo. Invece quelli autoctoni come mavrud o gamza sono interessanti per la qualità. Voglio precisare che, quando si farà questo tentativo per la penetrazione dei vini bulgari, ci vorrà la collaborazione di tutti i bulgari presenti in Italia, delle istituzioni bulgare come il ministero dell’economia e dell’ambasciata. Qualsiasi persona ami la Bulgaria deve interessarsi che i prodotti bulgari trovino spazio in Italia”.


Autore: Elena Chahanova
Fonte: Radio Nazionale Bulgara




Commenta questa notizia



Notizie

17.02.2005Bulgaria: le importazioni di inchiostri e macchine tipografiche cresce del 10-15% all'anno
15.02.2005Bulgaria: crisi di governo al gusto di tabacco
14.02.2005Quote di ingresso in Italia per lavoro subordinato e stagionale
13.02.2005L’esposizione “Vinaria 2005“ a Plovdiv
12.02.2005I «cancelli» arancioni di Central Park
11.02.2005Governo bulgaro si salva, defezioni in opposizione
10.02.2005Alla Telecom Austria la licenza per acquistare l'operatore di telefonia mobile Mobiltel



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)