Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  
Lingua, usanze e tradizioni

15.05.2004 - Sofia

Lingua corrente e scrittura: Lo scorso mese, il giornale della provincia di Vercelli “La Sesia” è uscito in prima pagina con del materiale molto commovente…! ”… poiché una cittadina ucraina ha creato un ufficio informazioni, è stato risolto il problema per gli stranieri che parlano il cirillico…!” Ah!?

Il problema è, che alcuni italiani non comprendono la differenza tra alfabeto e lingua parlata. E, non è la prima volta che si verifica questo! La medaglia d’oro spetta a Bruno Pizzul: durante una partita di calcio in Ucraina, commentando in diretta, lui si lamentò del fatto che non capiva niente di quello che dicevano agli altoparlanti, perché “…parlano in cirillico…!”. Non è detto che lui dovesse capire, ma almeno sapere che lingua parlano gli altri popoli! E’ come se noi dicessimo agli italiani o ai tedeschi che parlano in caratteri latini. Conoscere l’alfabeto latino è una cosa, ben diverso è scrivere in italiano o in tedesco, leggerlo o parlarlo. Ecco perché, ci vuole un impegno particolare di tutti i bulgari sparsi nel mondo nell’avere la pazienza di spiegare alla gente la differenza tra l’alfebeto cirillico e le lingue correnti dei popoli che la usano per la scrittura, sia che siano bulgari, russi ecc.

Lingua e usanze: negli ultimi 50 anni, la televisione è stata fondamentale per l’insegnamento alla popolazione e per creare un linguaggio comune, perché in Italia c’erano numerosi dialetti e l’analfabetismo riguardava sia la lingua scritta, sia la lingua parlata. Oggi tutti parlano l’italiano, però dappertutto sono custoditi i dialetti e la loro fonètica. A loro volta, questi dialetti sono diventati una grande fonte d’idee ed ispirazione nella società attuale. Il conosciutissimo teatro cabarattistico Zelig di Milano ha suscitato un grande interesse nel pubblico, andando in onda ogni venerdì su Canale 5 ed applicando in modo estremamente originale dei nuovi concetti.

L’idea di quest’anno è stata quella di mettere insieme comici di quasi tutte le regioni italiane. Questi attori con un umorismo piacevole e raffinato, hanno dimostrato la ricchezza linguistica della Sicilia, della Puglia, Toscana, Piemonte e così via, così come le usanze e i multiformi costumi del mondo italiano; creando una satira che svela agli italiani stessi il proprio carattere dalle Alpi innevate fino alle spiagge azzurre di Lampedusa.
Gli spettacoli hanno avuto grande sucesso – quasi 10 milioni spettatori davanti alla tv- ma perché è stato scelto questo tipo di rappresentazione ce lo spiega uno degli autori Massimo Dimunno: ”Secondo noi, questa è stata una decisione intelligente e interessante per attirare l’attenzione del pubblico, perché quando la gente delle diverse regioni vede il suo rappresentante sul palco che parla il proprio dialetto, è compartecipe e contenta. L’uso delle forme dialettali e delle usanze locali, hanno affascinato il pubblico e tutto ciò ha contribuito alla realizzazione commerciale del prodotto. D’altra parte è stato dato spazio per manifestare la multiforme cultura italiana, una ricchezza che è diventata patrimonio per tutti, un proprietà nazionale che Zelig ha custodito in questa maniera”. Dal punto di vista dell’identità nazionale in chiave internazionale, Massimo Dimunno ha affermato che, stanno preparando un progetto nuovo e molto coraggioso: avere nella prossima stagione sul palco di Zelig anche comici stranieri. L’unica esigenza e che devono parlare bene l’italiano. Questo progetto teatrale sarà il primo del genere in Italia.

La lingua della musica: 17 tra le più belle canzoni della storia della musica italiana, sono usciti ieri raccolte in un CD, un album cantato ed interpretato interamente dai calciatori di serie A. Una canzone per ogni squadra, mentre Roma e Lazio cantano insieme “La canzone del sole” di Lucio Batisti. E’ un progetto che unisce tutte le squadre di una nazione, ed al quale prendono parte anche tantissimi calciatori stranieri. Ed è per questo che assume un significato socio-culturale. Lo scopo della vendita del CD, che costa soltanto 5 euro, è quello di raccogliere dei fondi che la AIC (Associazione Italiana Calciatori) investitirà in 16 strutture per anziani: ”Per gli anziani ci vuole un occhio di riguardo – si dice nell’album, perchè sono la nostra tradizione, la nostra storia e le radici delle nostre famiglie. Loro sono oggi quello, che noi saremo domani”. Ed anche perché con 12 milioni di anziani in Italia, “uno su 4 di loro è in difficoltà, esposto al rischio della povertà estrema, destinato alla solitudine”. Commovente, originale, utile, appassionante!

Le squadre cantano canzoni di Lucio Dalla, Zucchero, Eros Ramazotti, Vasco Rossi, Lucio Batisti, Edoardo Bennato, Giovanotti, Domenico Modugno. Ottimi solisti sono Francesco Totti, Paolo Maldini, Roberto Baggio, Gianluca Zambrotta. Per la squadra del Lecce c’è l’uruguaiano Chevanton, che insieme alla voce bulgara di Valeri Bojinov nel coro, interpretano benissimo la canzone “Come mai” degli 883, che gli ascoltatori di “Horizont za vas” hanno ascoltato in anteprima e cosi sono diventati i primi in Bulgaria ad ascoltare il linguaggio della musica che significa anche solidarietà e tradizione.

Intervento della corrispondente della Radio Nazionale Bulgara Elena Chahanova durante la trasmissione “Horizont za vas” in studio con Kalin Katev


Autore: Elena Chahanova
Fonte: Radio Nazionale Bulgara




Commenta questa notizia



Notizie

23.05.2004Petali di rose, spine dei Balcani
21.05.2004La Bulgaria tra crisi irachena, NATO e UE
19.05.2004Bulgaria: droghe, pugno duro
15.05.2004Lingua, usanze e tradizioni
15.05.2004Dalla Bulgaria alla Calabria: sfruttate e costrette a prostituirsi
12.05.2004Una nuova rotta d’ingresso della cocaina in Europa
12.05.2004Libia: 5 infermiere bulgare condannate a morte



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)