Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  
Chiede lo stipendio: bastonato e sbattuto fuori di casa

18.09.2003 - Padova

Invece dello stipendio, ha rimediato una raffica di bastonate e alla fine anche la perdita dell'alloggio. È questo il barbaro trattamento che sarebbe stato riservato ad un lavoratore edile di nazionalità bulgara, impiegato nel cantiere di piazza Toselli dove, per conto dell'Ater, la ditta Somec di Matera sta effettuando alcuni lavori di ristrutturazione. A riferire l'episodio avvenuto nella mattinata di ieri è stata la Cgil di Padova per voce del sindacalista Marco Benati.

«Siamo di fronte ad un sopruso gravissimo - spiega Benati - I lavoratori edili della squadra a cui appartiene l'operaio quarantaseienne, con due figlie piccole in Bulgaria, sono vessati ormai da mesi. Basti pensare che lo stipendio di aprile lo hanno ricevuto pochi giorni fa, e per giunta in nero. Il lavoratore in questione questa mattina (ieri, ndr) si è presentato al lavoro chiedendo di essere pagato. Per tutta risposta il datore di lavoro l'ha letteralmente preso a bastonate, utilizzando per aggredirlo una livella. Lo sfortunato operaio si è rivolto al pronto soccorso dell'ospedale dove gli sono state riscontrati ematomi e ferite giudicati guaribili in cinque giorni».

Il responsabile della presunta aggressione, il titolare della ditta di Matera, verrà denunciato per lesioni volontarie. L'impresario in serata ha preannunciato una controquerela affermando di essere lui l'aggredito. L'uomo ha ricostruito così l'accaduto.

«Dobromir è venuto al cantiere in mattinata e dopo avermi insultato mi ha aggredito. Io non mi occupo fisicamente dei pagamenti per cui non so dire se effettivamente ci siano delle mensilità arretrate - spiega l'impresario - Il nostro lavoro qui è finito e stiamo ripulendo il cantiere per l'inaugurazione che dovrebbe tenersi nei prossimi giorni».

La Cgil in una nota scritta chiama a rispondere della situazione la stessa Ater, committente dei lavori. «Ci chiediamo se l'Ater abbia vigilato adeguatamente sul rispetto delle regole nell'esecuzione dei lavori - continua il sindacalista Benati - Dov'erano il responsabile del procedimento e quello del cantiere? Sarebbe gravissimo che i responsabili del progetto di ristrutturazione fossero a conoscenza del disagio di questi lavoratori e non avessero fatto nulla. Non ci si può beare della realizzazione dei lavori pubblici che vengono portati avanti sulla pelle della povera gente».

Interpellato in merito, Aldo Marcon, direttore dell'Ater di Padova, spiega: «A noi risulta essere tutto in regola con le contribuzioni, altrimenti non potremmo pagare la ditta Somec che sta rispettando i termini dell'appalto. Se poi ci sia stata una baruffa all'interno del cantiere, non siamo in grado di appurarlo, né possiamo esserne ritenuti responsabili. Se due coniugi litigano in casa, è forse colpa del proprietario dello stabile?».

A portare la sua solidarietà agli sfortunati lavoratori che stavano portando via le loro povere cose, da quello che fino a ieri era il loro alloggio (sul posto è intervenuta una Volante della polizia), c'era anche il consigliere comunale dei Comunisti italiani Gilberto Gabelli.

«È importantissimo capire se l'Ater abbia vigilato abbastanza sulla condizione dei lavoratori - ha commentato Gabelli - Purtroppo dinamiche del genere non sono rare nel mondo dell'edilizia. Credo che la posizione dell'impresa vada approfondita. La Cgil sta facendo un buon lavoro in questo senso».

I tre lavoratori hanno pernottato provvisoriamente in un alloggio messo a disposizione dal sindacato. La Cgil si occuperà di tutelarne i diritti nei confronti dell'impresa per cui lavoravano.


Autore: Alberto Gottardo
Fonte: Il Gazzettino




Commenta questa notizia



Notizie

20.09.2003Bulgaria: bufera per nomina ex capo servizi segreti comunisti
19.09.2003Parla l'operaio bulgaro aggredito a Padova
18.09.2003Voto ai migranti, Genova dice sý
18.09.2003Chiede lo stipendio: bastonato e sbattuto fuori di casa
17.09.2003Sofia in disaccordo con FMI per deficit 2004
13.09.2003Immigrazione, bocciato il piano italiano
11.09.2003Crimine organizzato e contrabbando minacciano i Balcani



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura CittÓ e LocalitÓ Economia Folklore Informazioni Politica e Governo SocietÓ Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)