Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  
Bai Ganjo d’Arcore

06.07.2003

Intervento di Elena Chahanova durante la trasmissione "Horizont za vas" della Radio Bulgara il 06.07.2003

Secondo un gruppo d'italiani che conoscono bene le opere dello scrittore bulgaro Aleko Konstantinov *, il nuovo eroe d'Europa è Baj Ganio * d'Arcore nella veste del Premier Silvio Berlusconi. Un giudizio che coincide con i commenti internazionali, come per esempio dell'edizione inglese The Economist che scrive: "Berlusconi ha superato perfino i suoi standard di grossolana buffonagine".

La gaffe del Premier italiano davanti al Parlamento Europeo di Strasburgo, rimarrà il più clamoroso incidente di politica estera della storia repubblicana, un record di 3 ore e 25 minuti dove il leader politico ha sciupato un occasione tanto preziosa per creare fiducia nell'Italia per la guida nel semestre europeo. Sicuramente le frasi di Berlusconi troveranno ampio spazio in una nuova edizione del libro "Berlusconate" **, una raccolta delle sue "perle". Nelle memorie merita di essere anche il fotogramma del Vicepremier Gianfranco Fini stupito! Lui non sapeva che espressione imporsi a causa dell'escalation verbale di Berlusconi cominciata con le 3 leggi ad personam, - secondo lui, una risposta democratica all'attacco dei giudici -, continuando con delle risposte uniche alle critiche rivolte a lui dai deputati europei ai quali Berlusconi ha controbattuto: "Se mi volete chiudere la parole in bocca, io vi dico: siete turisti della democrazia!". In un Parlamento dove gli interrogativi nei confronti del Premier italiano non hanno fine, è difficile chiudere le bocche. Si è arrivato persino al conflitto diplomatico, quando Berlusconi ha proposto ironicamente al deputato tedesco Martin Schulz di fare il kapò in un film che riguarda i campi di concentramento, perché Schulz lo aveva criticato per i suoi problemi giudiziari e per la politica d'immigrazione.

Il Presidente della Commissione Europea Romano Prodi è diventato muto: "Mi viene da piangere"- ha detto a Gianfranco Fini, che a sua volta non sapeva dove nascondersi dalla rabbia e dalla vergogna. Il Presidente del Parlamento Europeo Pat Cox impietrito dallo show da borgata italiana ha chiesto:" Silvio, che c…hai combinato?". Perché, denigrare i deputati e fare delle barzellette dall'olocausto è un caso senza precedenti per i principi della fondazione del'Unione Europea.

"Dovevo mordermi la lingua"- si è "pentito" il Premier davanti ai suoi ministri.
Per il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi il Paese è mortificato ed ha rimproverato Berlusconi: "Come le è venuto in mente di rivolgersi in quel modo a un parlamentare europeo, oltre tutto tedesco?". Il Premier con aspetto umile si difende rispondendo:" Presidente, dovevi trovarti lì a Strasburgo con me, per sentire gli insulti che mi hanno rovesciato addosso. Mi hanno provocato, e io ho dovuto rispondere…"
Senza arretrare Ciampi risponde con saggezza:" Anch'io sono stato "provocato"…Ma non ho reagito con insulti".

L'inaccettabile atteggiamento non è destinato ad archiviazione, anche se il Cancelliere Schroeder ha ricevuto telefonicamente le scuse di Berlusconi, un fatto che Palazzo Chigi ha voluto sottolineare che non si tratta di scuse, ma di chiarimento. Di conseguenza Berlusconi ha detto che non è lui che deve scusarsi, perché l'offeso è lui.
Proprio per questa reazione dall'Italia, l'Europa è preoccupata per il semestre sotto la gestione di Berlusconi. Da oggi in poi non gli sarà più permesso di sbagliare. L'apprensione rimane perché, come dice l'ex Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro "il problema di Berlusconi è che non governa ma comanda". Anche per questo, l'incidente di Strasburgo "non nasce dal caso, ma è figlio di una cultura che determina una politica"- scrive La Repubblica e che "è la cultura dei toni forti" dei quali fa parte l'intimidazione, le offese, le battute fuori luogo e la familiarità, un misto di dilettantismo e di rozzezza, forza ed illusioni.

Il caso ha creato un record d'interesse per il quotidiano La Repubblica, il più letto ed equilibrato quotidiano degli Appenini, che questa volta ha superato tutte le aspettative dei lettori. Le pagine sul sito dedicate al caso Berlusconi sono state viste 5.600.000 volte in un solo giorno, invece i lettori sono stati 650.000: "L'esordio catastrofico di Silvio Berlusconi a Strasburgo - scrive Mario Pirani - non è solo il frutto di una incoercibile intemperanza caratteriale…, anche una contrapposizione sulla cooperazione giudiziaria europea che vede il nostro governo in voluta rotta di collisione con tutti gli altri quattordici partner".

Secondo Berlusconi, non si deve far tragedia per il semestre italiano alla presidenza europea, perché il divertimento è appena cominciato. Per chi non lo conosce, può usare come manuale la prima edizione di Berlusconate, un unicum di interventi ufficiali del Premier:" Guardando in giro vedo che non c'è un governo migliore: ho un complesso di superiorità che devo frenare", anche se "la gente ha capito che c'è in giro un rivoluzionario che vuole cambiare il Paese e vuole governare per la felicità di tutti", un ruolo che può avere effetti miracolosi da parte di Silvio perché è "come il principe azzurro con le zucche: li ho fatti diventare tutti onorevoli". Si può ridere di tutto anche dei clandestini annegati che sono stati recuperati con i pedalò, un fatto che Berlusconi difende così: "I pedalò vanno bene. Non credo che nessuno si sia lamentato…". Con civetteria dice che gli italiani sono conosciuti come grandi conquistatori di cuori femminili è meno male che "per fortuna" è " un uomo e non una donna", perché "incapace di dire di no". E, senza troppi complimenti con i politici: "Veltroni è un coglione", "Bossi è folle…", la mamma di Gianfranco Fini "è quasi più bella di suo figlio…", "D'Alema è un capitan Fracassa", Bertinotti "l'è minga un pìrla". La disgrazia di Carlo Marx è stata di non avere una squadra del cuore; invece sul Papa " ogni suo viaggio è come un gol. Ha la stessa idea vincente del Milan, che è poi l'idea di Dio, la vittoria del bene sul male". Gli apostoli contemporanei sono quelli che spiegano "il Vangelo di Forza Italia, il Vangelo secondo Silvio!".

Chi non è d'accordo mediti su come comportarsi!

* Baj Ganjo di Aleko Konstantinov
Edizione italiana di Bulzoni 1978

**
Berlusconate
di Alessandro Corbi/ Pietro Criscuoli
Edizione Nutrimenti marzo 2003


Autore: Elena Chahanova
Fonte: Radio Nazionale Bulgara




Commenta questa notizia

09.07.2003Commento [est75]
Nel vangelo sta scritto che prima di guardare la pagliuzza presente nell'occhio del tuo vicino, dovresti guardarti la trave che hai nel tuo occhio! Certa gente si permette di parlare a sproposito, e poi pretende anche che le persone si stiano zitte, ci vuole del coraggio! Berlusconi ha reagito male, ma è stato provocato e non poco e per di più non è la prima volta!!
17.07.2003Commento [michele2]
Condivido, e comunque una persona che, bene o male, è da dieci anni sulla breccia può essere tutto tranne ridicola... e lo dice uno che, negli ultimi tempi, è sempre più deluso da quella Casa delle Libertà in cui milita fin dalla fondazione ed alla quale ha dedicato buona parte del suo tempo...


Notizie

17.07.2003ICT: studio, Europa dell'est con qualche ritardo va in rete
16.07.2003Todor Zhivkov, i record sono record
07.07.2003Zingari neo-cittadini d'Europa
06.07.2003Bai Ganjo d’Arcore
05.07.2003A proposito di alcune immagini dalla Bulgaria
02.07.2003Rapporto sui flussi migratori dell’Agenzia intergovernativa Oim
01.07.2003Bulgaria: drastico aumento prezzi luce, gas, telefono



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)