Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  
Preoccupazione in Italia per la nuova Legge di Famiglia bulgara

23.06.2003 - Sofia

Intervento di Elena Chahanova nella trasmissione “Horizont do obed” della Radio Bulgara il 23.06.2003

L’ANSA il 14 giugno ha pubblicato un comunicato dai Balcani riguardante l’approvazione di un emendamento per il cambiamento e l’ampliamento del Codice Famigliare dal 13 di questo mese in Bulgaria. La lettura del testo che segue ha creato allarme nell’opinione pubblica italiana:
“…La nuova legge toglie inoltre la patria potestà ai genitori che lasciano i loro figli in affidamento ai servizi sociali per oltre un semestre. Ai centri sociali di tutto il paese è demandato ora il compito di compilare le liste dei bambini adottabili. La scheda di ogni bambino o bambina deve contenere una descrizione delle caratteristiche personali, una descrizione delle sue condizione di salute e delle malattie avute, così come un elenco di tutti i contatti con i genitori. Deve anche risultare chiaro perché i genitori hanno abbandonato la prole…”.

Detta in tale modo, la notizia ha suscitato preoccupazione negli italiani che di propria volontà collaborano a sostenere “Le Case per bambini senza cura dei genitori”, così come per tutti quelli, italiani e bulgari, i quali tramite l’associazione culturale Bulgaria-Italia partecipano all’iniziativa “Figli della Bulgaria” per aiutare i centri di Burgas, Shumen, e Bratzigovo. Essi, oltre che chiedere informazioni più precise, rivolgono tramite la Radio Nazionale Bulgara domande e supposizioni sul fatto.

Il presidente dell’associazione Bulgaria-Italia Paolo Modesti, scrive la propria opinione alla Radio Nazionale Bulgara, dicendo che lo Stato dovrebbe intervenire per permettere ai genitori di poter crescere i figli in famiglia, o meglio che garantisca lavoro e sostegno alle fasce della popolazione più deboli . L’impostazione della Legge sembra dunque punitiva nei confronti di chi, spesso per ragioni strettamente materiali, si trova nell’impossibilità di allevare i propri figli; ed invece di far scattare un meccanismo virtuoso di solidarietà non trova di meglio che tranciare il legame con la famiglia naturale e rendere adottabile il bambino, si intende, a famiglie più ricche, probabilmente dell’Europa Occidentale.

Secondo il sig. Modesti, questi provvedimenti drastici si possono evitare creando un programma preventivo che comprenda i principali settori pubblici, in modo che i bambini rimangano nel proprio paese con i genitori naturali .

Marco Panchetti di Firenze chiede: ”esiste una Legge che sanziona l’abbandono dei figli?”. Per lui è lo Stato che deve prendersi cura delle famiglie bisognose, perché tutti sono suoi figli; bisogna anche porgere l’attenzione su quelle modifiche legislative apportate, fatte per controllare le adozioni, potrebbe risultare solo a favore di adozioni internazionali con lo scopo di diminuire gli affamati e i poveri.

Pietro Mandrini di Pavia, che ha un contatto diretto con le “Case per bambini senza cura dei genitori”, vuole una risposta dagli organi competenti e chiede:

Come mai un bambino diventa adottabile e qual è il criterio per stabilire la negazione della patria potestà?

Cosa vuol dire monitorare le visite dei genitori, senza tener conto se loro hanno le possibilità economiche, se sono disoccupati e la distanza dalla propria casa e il posto dove si trova il bambino è notevole?

Come si fa a spiegare ad un bambino di 7-8 anni, che non vedrà più il proprio papà e che di lui si prenderanno cura altre persone in funzione di genitori?

Tutto ciò, non è che diventa un favore per le ricche famiglie dell’Occidente, vogliose di diventare genitore e di avere figli in cambio di pagamento?

Commento di Biliana Varbanova dallo studio di Sofia:” Avete sentito le preoccupazioni delle organizzazioni non governative in Italia, che assistono le case bulgare per bambini senza cura dei genitori, preoccupazione provocata dall’emendamento della Legge della Famiglia. Rimaniamo in attesa della reazione dello Stato, per le risposte alle domande fatte dai cittadini italiani. Questo è un tema che continueremo a seguire nelle successive trasmissioni di “Horizont do obed”.


Autore: Elena Chahanova
Fonte: Radio Nazionale Bulgara



Links


Commenta questa notizia

25.06.2003Commento [johnny]
Quello che non capisco è se queste modifiche di legge sono per cercare di adeguarsi alle normative europee.
Questo argomento mi tocca da vicino in quanto sarò entro breve un genitore adottivo. Non un ricco occidentale, ma una famiglia normale che fa sacrifici economici per riuscire a dare una famiglia ad un bambino abbandonato. Certamente lo scopo non è di poter portare via un bambino dalla sua famiglia, come capisco da quanto leggo.
L'unica cosa che cerco di capire è ...
leggi tutto
25.06.2003Commento [michele2]
La cosa migliore, caro Johnny, è sempre cercare di informarsi nel modo più completo possibile, cosa purtroppo non sempre semplice, come nel caso di leggi complesse come quella in questione...

Ti auguro comunque di poter adottare in tempi brevi e con tutti i crismi un bimbo splendido che possa crescere e realizzarsi nel migliore dei modi...

Ciao - Michele.
16.07.2003Commento [vally]
Sono madre adottiva di uno splendido bambino bulgaro, non sono una ricca occidentale, abbiamo seguito tutte le leggi: italiane, bulgare, internazionali, non ho "comprato" nessun bambino, la maggior parte dei soldi sono stati spesi per il suo (e immagino di altri bambini) mantenimento in Istituto e per le pratiche legali. Una volta con noi, in occasione del suo battesimo, abbiamo raccolto dei fondi per altri bambini bulgari. So che la Bulgaria si sta adeguando alla Legge sovranazionale ...
leggi tutto
17.07.2003Commento [michele2]
Purtroppo, cara Vally, le ragioni economiche non rappresentano l'unica causa di abbandono, purtroppo esistono anche molti genitori semplicemente snaturati, persone che mi facevano schifo prima e me ne fanno ancora di più adesso che ho un bambino meraviglioso di quasi quattro anni che per me è tutto e anche di più...


Notizie

02.07.2003Rapporto sui flussi migratori dell’Agenzia intergovernativa Oim
01.07.2003Bulgaria: drastico aumento prezzi luce, gas, telefono
27.06.2003Il presidente Parvanov pone il veto sulla nuova legge di famiglia
23.06.2003Preoccupazione in Italia per la nuova Legge di Famiglia bulgara
21.06.2003Libertà religiosa: il Consiglio d'Europa critica la Bulgaria
19.06.2003Sofia: Tavola rotonda sulla Letteratura Bulgara in Italia
18.06.2003Bulgaria: radiazioni criminali



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)