Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  
Veto presidente bulgaro a nuova procedura privatizzazioni

21.02.2003 - Sofia

Il presidente bulgaro Georgi Parvanov ha fatto uso del suo diritto di veto per rimandare in seconda lettura al Parlamento la legge per la privatizzazione di quindici grandi società statali con procedura straordinaria ed esclusione della possibilità di ricorrere alla giustizia. “Gli investitori seri non si impegneranno in privatizzazioni se non possono difendere i loro diritti di fronte ad un'istanza giudiziaria indipendente ed imparziale”, ha detto Parvanov, che proviene dalle file del Partito socialista bulgaro (Bsp, ex comunista), per spiegato il "no" al progetto di legge. “L'impossibilità di ricorrere alla giustizia non favorisce la trasparenza, ma anzi promuove la corruzione”, ha aggiunto.

La nuova legge prevede che la privatizzazione di 15 compagnie sarà effettuata dopo un concorso pubblico su decisione del governo bulgaro, con l'approvazione del Parlamento. Una volta presa, la decisione non potrebbe tuttavia più essere annullabile, nemmeno su decisione della Corte suprema. Finora tutte le privatizzazioni sono state effettuate invece su decisione dell'Agenzia per le privatizzazioni. Le società finora di proprietà dello Stato alle quali si dovrà applicare la nuova legge sono la società di telecomunicazioni Btc, il monopolio dei tabacchi Bulgartabac, sette compagnie di distribuzione di elettricità, l'impresa militare Vmz Spot, le società di commercio d'armi Kintex e Teraton, la compagnia aerea Balkan Air Tours, oltre alla flotta marittima e quella fluviale.

Dopo il veto presidenziale, la legge torna al parlamento che deve riesaminarla, ma non é necessariamente obbligato a prendere in considerazione le obiezioni di Parvanov. Anche se la legge resterà invariata, il presidente dopo il nuovo esame deve firmarla e permettere così che entri in vigore. Esponenti della coalizione di centro-destra che appoggia il governo del premier Simeone Sassonia-Coburgo hanno definito poco convincenti le considerazioni di Parvanov, annunciando fin d'ora che c'è la volontà politica di far passare la legge nella stessa forma approvata il 7 febbraio scorso.


Fonte: ANSA


Per approfondire: Notizie di Economia



Commenta questa notizia



Notizie

03.03.2003Visita di Putin: tra Mosca e Sofia non č ancora primavera
28.02.2003La Bulgaria pronta a dare le proprie basi agli USA
28.02.2003Bulgaria: contro la bancarotta le rimesse dall’estero
21.02.2003Veto presidente bulgaro a nuova procedura privatizzazioni
21.02.2003Adozioni pił difficili in Bulgaria con nuova legge
20.02.2003Dichiarazioni di Chirac, la stampa bulgara insorge
19.02.2003Sofia: societą civile contro il 'voto bulgaro'



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Cittą e Localitą Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Societą Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)