Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  
Chiesta dalla UE la chiusura della centrale nucleare di Kozloduj

11.04.2002 - Sofia

La commissaria europea per l'energia ed i trasporti Loyola de Palacio ha confermato oggi a Sofia che l'Unione europea pretende la chiusura dei quattro reattori obsoleti della centrale nucleare di Kozloduj, sul Danubio. “Non accetteremo nell'Unione Europea nessuno stato che abbia reattori nucleari non in regola con le norme di sicurezza dell'Unione” ha detto la signora de Palacio durante una conferenza stampa a Sofia. Mentre lei parlava con i giornalisti, oltre tremila persone dimostravano sulla piazza antistante il Duomo Alexander Nevski di Sofia contro la chiusura dei quattro reattori più vecchi di Kozloduj, chiedendo un referendum in Bulgaria sulla sorte della centrale nucleare. Secondo un sondaggio dell'istituto Mediana pubblicato oggi, il 55% dei bulgari é convinto che l'Ue vuole chiudere Kozloduj “per i suoi interessi economici”. Solo il tre per cento ritiene che si tratti di una richiesta dettata da motivi di sicurezza.

Rispondendo a domande sull'iniziativa del presidente bulgaro Georgi Parvanov che vorrebbe proporre l'ammodernamento e rimessa in funzione dei reattori uno e due, la commissaria é stata molto chiara: “una modernizzazione di questi reattori non é ragionevole”, in quanto troppo complicata e costosa. “La Bulgaria ha concluso un accordo su questo tema con i 15 paesi dell'Ue e grazie alla firma di questo accordo ha potuto avviare i negoziati di adesione” ha ricordato de Palacio.

Nel 1999 la Bulgaria ha firmato con l'Ue l'impegno a chiudere prima del 2003 i reattori uno e due, da 440 Megawatt ciascuno, come condizione preliminare per l'adesione all'Ue. Entro l'anno Bulgaria e Commissione europea dovrebbero concordare la data di chiusura per gli altri due reattori, il tre ed il quattro in funzione dal 1979 e dal 1981. L'Ue vorrebbe fermarli entro il 2006, da parte bulgara si punta piuttosto al 2008-2010. La centrale di Kozloduj, inaugurata nel 1974, produce il 40% del fabbisogno energetico bulgaro. Oltre ai quattro reattori a acqua pesante da 440megawatt di fabbricazione sovietica tipo WWER, essa dispone anche di due reattori più moderni da mille megawatt ciascuno, il cui funzionamento non é messo in discussione dall'Unione Europea.


Fonte: ANSA


Per approfondire: Notizie di Economia



Commenta questa notizia



Notizie

15.04.2002In Bulgaria si riapre il dibattito sull’energia nucleare
14.04.2002Il settore agricolo di fronte all'allargamento della UE
12.04.2002Il nuovo programma per l'industria sosterrà la crescita
11.04.2002Chiesta dalla UE la chiusura della centrale nucleare di Kozloduj
11.04.2002"Il mestiere delle armi" di Ermanno Olmi vince 9 David di Donatello
10.04.2002Coppa di Bulgaria: si prospetta derby Levski-Cska
06.04.2002Il premier bulgaro Simeon fonda il suo partito e ne viene eletto leader



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)