Home | Notizie | Forum | Club | Cerca 
Subscribe
Share/Save/Bookmark

Bulgaro
     
         Utente: non registrato, entra
  
I consiglieri di Kachakova nella vendita di Bulgartabak sono italiani

05.12.2001 - Sofia

Il Ministero dell’Economia ha dichiarato che nella vendita di Bulgartabak holding il vice-ministro dell’economia Liubka Kachakova si avvarrà della consulenza dei rappresentanti dell’Azienda Tabacchi italiani (ATI).

Nell’incontro di martedì con il Presidente di ATI Antonio Bellocchio e con l’Amministratore Delegato Silvio De Micheli la Sig.ra Kachakova ha conosciuto l’esperienza italiana nella ristrutturazione e la privatizzazione del gigante del tabacco degli Appennini.
“La ristrutturazione e la vendita di simili aziende è impossibile in tempi brevi”, ha dichiarato Antonio Bellocchio. La privatizzazione reale in questo settore è cominciata in Italia nel 1998 e verrà portata a termine nel 2002. (….)
Tutti i dipendenti dell’ATI erano dipendenti statali. Nella ristrutturazione il 45% degli occupati sono stati licenziati (circa 4 mila persone). Il Governo ha corrisposto gli stipendi dovuti ai dipendenti ai quali mancavano 5 anni fino alla pensione. […]

Nota del Traduttore: 

ETI (Ente Tabacchi Italiano) detiene il controllo totalitario dell’ATI, la cui attività prevalente è la prima trasformazione del tabacco. Nell'ambito delle azioni previste dal piano di riassetto del Gruppo ETI, è in corso la cessione della controllata ATI, con le stesse garanzie richieste nella cessione di Aticarta e Filtrati. In settembre di quest’anno ATI ha ceduta la partecipazione totalitaria in Aticarta, società impegnata nella produzione e commercializzazione di prodotti cartari e cartotecnici, al Gruppo Reno De Medici, con l’obbligo di mantenere i livelli occupazionali e di investimenti di 20 miliardi di lire.
In maggio 2001 ATI ha dismesso la propria partecipazione del 49% in Filtrati Spa, società dedicata alla produzione e commercializzazione dei filtri per sigarette, alla Cigarette Components Ltd - Filtrona UK, già detentrice del 49% del capitale di Filtrati S.p.A.)

Secondo l’intervento della giornalista, con la trasformazione in Spa dell’ETI in Italia sono state licenziate 4.000 mila persone, di cui un numero indefinito di persone è stato costretto alla pensione anticipata, percependo comunque un assegno dallo Stato per gli anni che mancavano fino alla pensione.
In realtà la giornalista non fa cenno al DL n° 283 del 98 che prevedeva che tutto il personale in esubero per il quale non si poteva applicare la norma della pensione anticipata in quanto mancavano più di 5 anni all’età pensionabile, era previsto il riallocamento presso le amministrazioni pubbliche. In questo modo, nessuno dei dipendenti è rimasto senza un posto di lavoro. Questo è un classico esempio di come funziona la mala informazione.


Autore: Tania Djonkova
Fonte: Dnevnik
Traduzione: Milena Kotzeva


Per approfondire: Notizie di Economia



Commenta questa notizia



Notizie

11.12.2001Alcune note sulle ripercussioni delle presidenziali
08.12.2001Due mondi in una sola anima
06.12.2001Romano Prodi: "La Bulgaria nella UE, prima sarà, meglio sarà"
05.12.2001I consiglieri di Kachakova nella vendita di Bulgartabak sono italiani
04.12.2001Alassio, scoperto giro di prostitute
30.11.2001L’aggettivo “bulgaro”: nuovi orrori di stampa!
29.11.2001Un monumento alla NATO



Follow Bulgaria-Italia on Twitter  Follow Bulgaria-Italia on YouTube   Follow Bulgaria-Italia on LinkedIn

Ultime Notizie
 

Conoscere la Bulgaria
  Arte e Cultura Città e Località Economia Folklore Informazioni Politica e Governo Società Turismo

Notizie
  Temi Speciali Autori News Feeds (rss) Media bulgari (english)